Segnalazione di Matteo Castagna

VS TOSI 4Per Tosi e l’amministrazione di Verona è “incubo delle tre “C” (Castellini, Chiavenato, Castagna)…

 

 

 

 

 

MANETTE 2

http://www.larena.it/stories/Home/653356_bagarre_in_consiglio_guarda_la_fotogallery/

Tra grida “ladri ladri” e accuse di corruzione e collusione mafiosa, i militanti di Forza Nuova sono riusciti a sospendere la seduta del consiglio comunale di Verona.

I Forzanovisti e i tradizionalisti cattolici hanno esposto uno striscione che recitava “ladri, truffatori e corrotti. Tutti a casa!”.

Luca Castellini, gia’ candidato sindaco alle ultime elezioni, ha lanciato delle manette proprio di fronte allo scranno del sindaco Tosi, presente in aula.

Oltre alle diverse indagini a carico di amministratori e municipalizzate cittadine per corruzione e appalti truccati e poi accordati ad aziende vicine all ‘ndrangheta, spicca il recente arresto dell’ex vice sindaco Vito Giacino e della moglie, accusati di essersi intascati tangenti per 600 mila euro.

La carriera politica di Tosi e il suo “Modello Verona” sono giunte oggi all’epilogo finale.

 

CORRIERE DEL VENETO: VERONA – «La giunta comunale ha incaricato il professor Giovanni Sala di fare una verifica su tutte le procedure amministrative urbanistiche coinvolte nelle indagini sull’ex vicesindaco Vito Giacino, con la possibilità, ovviamente, di sospenderle se venissero ritenute incongrue». Flavio Tosi ha annunciato la decisione in aula, durante l’infuocata riunione tenuta a palazzo Barbieri tra urla, insulti, lanci di manette dalle balconate da parte di militanti di Forza Nuova (che hanno urlato al sindaco: «Ti aspettiamo in Curva Sud!»), e in un clima quale a Verona non si vedeva da molti anni.

Il sindaco ha ribadito la sua posizione “garantista” sul caso Giacino e ha difeso a spada tratta l’operato della sua amministrazione, in questi quasi sette anni. Sulla vicenda giudiziaria ha ripetuto che “quella dell’ex vicesindaco è in fase d’indagine, e lo stesso Procuratore della Repubblica ha spiegato che solo ora comincia la fase di accertamento della verità”. Tosi ha ricordato che “le indagini in corso a Verona (oltre che su Giacino sulle assunzioni nelle aziende ed altro, ndr) riguardano in minor parte politici e gran parte dirigenti o lavoratori. Capisco che contro politici ben prima condanna ci sia accanimento, ma coi dipendenti ci vorrebbe più rispetto in fase di accertamento. Poi, appunto, l’annuncio di una revisione delle delibere messe sotto la lente d’ingrandimento dalla magistratura, accogliendo anche un ordine delò giorno in quel senso, proposto (ma rinviato ad altra seduta) dal Movimento 5 Stelle. Opposizioni “assolutamente insoddisfatte” e finale di seduta con altra bagarre, anche se meno violenta della prima. E probabilmente si replica anche nella prossima seduta.

 

VS TOSI 1 VS TOSI 2 VS TOSI 3

 

 

 

(ANSA) – VERONA, 20 FEB – La vicenda dell’arresto per concussione dell’ex vice sindaco di Verona, Vito Giacino, ha creato il caos stasera nell’aula del consiglio comunale scaligero. La seduta è stata interrotta da una protesta di esponenti di Forza Nuova che dalla balconata della sala hanno agitato le manette, urlando ‘ladri, ladri’.

Il sindaco Flavio Tosi, affermando che la protesta “è normale, ci sta”, ha respinto al mittente la richiesta di dimissioni invocata dalle minoranze del consiglio comunale.

 

Fonte: http://corrieredelveneto.corriere.it/verona/notizie/politica/2014/20-febbraio-2014/eccole-qui-manette-siete-ladri-seduta-sospesa-consiglio-comunale-2224105203061.shtml

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2014/02/20/Arresto-ex-vicesindaco-protesta-Verona_10115810.html