Segnalazione del Centro Studi Federici

 

ROSEI ribelli siriani cercano di distruggere il monastero di Sednaya

In Siria, nonostante i colloqui di “Ginevra 2” i ribelli siriani non danno l’impressione di voler il cessate il fuoco , secondo le informazioni del primo canale della televisione russa .

I loro obiettivi sono chiese e monasteri, nei quali cercano un rifugio donne e bambini. Questo è il modo per combattere il regime di Bashar al- Assad, dicono i ribelli . 

Negli ultimi due anni, i ribelli stanno ripetutamente cercando di prendere il monastero situato in cima alla collina.

È esistito fin dal VI secolo e, per la prima volta nella sua storia, è da così a lungo sotto assedio. La strada che conduce alla chiesa assorbe i colpi. 

“I banditi hanno cominciato l’assalto all’alba. In primo luogo hanno fatto saltare le porte e hanno sparato colpi di mortaio nel cortile del monastero. Se non ci fossero muri in pietra, ci sarebbero stati molti morti”, ha detto l’abate del monastero dei Cherubini, il padre Nectaire. 

I combattenti del gruppo di autodifesa hanno fermato i ribelli davanti alla clausura del monastero. La battaglia è durata sei ore e poi, dopo aver lasciato i cadaveri, gli attaccanti si sono ritirati. Ora hanno preso una piccola città a tre miglia di distanza . 

“A un certo punto, sembrava che non saremmo riusciti a tenere il monastero. C’erano 300 ribelli, e hanno attaccato da più parti. Una guarnigione che è venuta dalla città ci ha salvato”, racconta Samir, un combattente di un gruppo di auto-difesa .

La città di Sednaya si trova ai piedi della collina su cui si trova il monastero. La maggioranza della popolazione è cristiana. Samir è un musulmano, ma difende il monastero. Se non ci fosse stato il suo plotone, in cui ci sono cristiani e musulmani, il destino della città siriana di Maaoula si sarebbe ripetuto. 

 I ribelli , presenti in questa città fino ad ora , hanno danneggiato tutte le chiese cristiane.

“Il monastero cristiano è un obiettivo per i ribelli. Quante volte hanno tirato sulla statua di Gesù Cristo, con ogni sorta di proiettili, al solo scopo di distruggerlo. In questo modo, dicono che stanno combattendo il governo di Assad”, ha affermato, indignato, padre Nectaire. Allo stesso modo, chiese e monasteri di Sednaya sono sotto il fuoco. Sono vigiliati, ma non li possono proteggere dal fuoco.

Esplosioni di mortai interessano anche il convento femminile della Madre di Dio . 

« Non capisco perché , mentre si svolgono i  colloqui in Svizzera , i ribelli non hanno smesso di colpire . Perché impedire ai fedeli di venire al nostro monastero? E perché, dopo essere esistito da quasi 1500 anni, il convento è ora minacciato? ” chiede la sorella Parasceve, una monaca del convento . 

Di lasciare il loro monastero dove è conservata una delle quattro icone dipinte, secondo la tradizione, dall’Apostolo Luca, le suore non sono disposte, anche se i ribelli entrassero in città . 

Ma gli orfani che sono accolti nelle mura del convento sono stati spostati in un luogo più sicuro.

http://oraprosiria.blogspot.it/2014/01/ribelli-siriani-cercano-di-distruggere.html

 Il villaggio cristiano di Saidnaya, dove è stata costruita una gigantesca statua di Cristo Re:

http://www.youtube.com/watch?v=3dPUEhGuY5M

 L’attacco dei terroristi contro i cristiani di Saidnaya:

http://www.youtube.com/watch?v=vX21PugrHkM

 La difesa di Saidnaya da parte dell’esercito siriano:

http://www.youtube.com/watch?v=5x9f8gG-inM

 _____________________________

 http://federiciblog.altervista.org/