Segnalazione Simone Costa

 

logo-edizioni RADIO SPADADal 2010, inizio della 3a edizione di Mistero, un  individuo alquanto misterioso, enigmatico, inquietante e diabolicamente seducente e convincente, fa breccia nel cast di Mistero, presentandosi come Adam Kadmon.

Chi è costui? Da dove viene?  Cosa fa nella vita? Come mai si presenta al Mondo solo ora e attraverso un programma, già enigmatico di suo, decide di rivelarci Tutta la Verità, solo la Verità, nient’altro che la Verità, quasi si trovasse sul banco degli imputati di fronte ad una giuria composta da 60 milioni o addirittura 6 miliardi di persone? Chi gliel’ha chiesto?

Per chiarire meglio la sua figura e il suo scopo, ho deciso di analizzarlo, utilizzando il suo linguaggio simbolico e numerologico, attraverso 5 punti. 5 è il numero da me scelto per questi motivi:

È il terzo numero primo, dopo il 3 e prima del 7 (numeri molto cari ad Adam);

è un numero pentatopico, ossia è un numero figurato che rappresenta un pentatopo, l’analogo nello spazio quadridimensionale del triangolo bidimensionale e del tetraedro tridimensionale. I primi numeri pentatopici sono: 1, 5, 15, 35, 70, 126, 210, 330, 495, 715, 1001, 1365, 1820, 2380, 3060, 3876, 4845 (son 17 numeri… 17 è un altro numero altamente simbolico);

è un numero pentagonale, ossia che rappresenta il Pentagono e il Pentacolo (non servon spiegazioni);

è un numero congruente e idoneo, e soprattutto è un Numero Intoccabile;

è il numero della Torah, non  intesa in senso Biblico, ma in un’ottica  esoterico-misterica di Conoscenza di ciò che è Divino, ossia conoscere la Torah equivale a conoscere Dio stesso (il che umanamente è impossibile!);

e dulcis in fundo è il numero che simboleggia la padronanza dei 5 elementi, (terra,aria, acqua,fuoco ed etere), ossia è padrone di tutto ciò che è materiale e spirituale, quindi dell’esistenza Tutta.

Premesso ciò, passo ora all’analisi del soggetto in questione.

Punto primo: il nome. Stat rosa pristina nomine

Per conoscere una persona, solitamente  le si chiede il Nome… ed ecco… proprio dal Suo Nome sorge la prima preoccupazione; nell’intervista  pubblicata su youtube il 12 aprile 2012, infatti, alla domanda del produttore di Mistero: “Qual è il tuo nome , qual è il tuo cognome?“ egli risponde “a me piacerebbe tantissimo poter rispondere a questo tipo di domanda , ma ho faticato  per tanti…troppi anni per  poter costruire una identità  anagrafica apparentemente banale (???) così che da potermi costruire anche io in privato …una vita serena […] io rischio la vita per quello che faccio […] e lo faccio per evitare che quello che ho sofferto io lo debbano soffrire altre persone […] io nascondo la mia identità […] ma io ad esempio potrei essere anche un attore , un interprete di Adam o Adam stesso che gioca ad un gioco di parti pirandelliane  uno, nessuno centomila…(ma come, è così desideroso di parlare in modo veritiero e  cristallino che  crea un alone criptico- enigmatico sul suo nome?). Appare ovvio quindi che se un individuo  utilizza pseudonimi e false identità, ogni cosa che dirà certamente non sarà Mai Totalmente la Verità. Adam Kadmon infatti, per coloro  che hanno nozioni di cabalistica, di ebraico o di esoterismo in generale, significa Umanità Primigenia, Primo Uomo, o L’Uomo Perfetto, ossia l’individuo che combatte tutto ciò che proviene dal Male e il Male stesso. Una sorta quindi di Messia, di Nemico dell’Anticristo, di Salvator Mundi. Un concetto che, Cristianesimo Cattolico a parte, ha strettamente a che vedere con l’occultismo. Adam si presenta come colui che conosce  e dice il Vero, che lo Custodisce e Vuole Rivelarlo agli Altri, al Mondo,dichiarandosi quindi una sorta di Grande Profeta, Di Salvatore del Genere Umano, Un Prometeo che porta la Luce e il Fuoco  Titanico della Verità a chi vive nelle Tenebre. Tutti Noi dovremmo  quindi ringraziarlo infinitamente,poiché Lui e Lui Solo si erge a Paladino dell’Umanità per  Liberarla dai suoi Nemici e da Tutti Coloro che la Tengono imprigionata a False Credenze e Vetusti Ideali (con un nome così complicato che può indicare tutto e il contrario di tutto, come è possibile dire di saper cosa egli voglia rappresentare, difendere  o combattere?   Sembra quasi che egli voglia combattere l’essere  stesso dell’essereUomo, ossia il vivere come  uomini spesso fragili, deboli, pieni di vizi, ma che sanno anche rialzarsi e vivere la vita in modo onesto e virtuoso. Ed è questo il bello dell’Uomo che Cristo ci ha insegnato e che San Paolo ha mirabilmente e sapientemente ricordato, quando ha detto” dove ha abbondato il peccato, ha sovrabbondato la Grazia”).

Punto secondo: l’abbigliamento.

“Cucullus non facit Monachum”: mai detto fu più vero nel caso del nostro tenebroso amico: come può uno “presentarsi” come il Liberatore se  si mostra al pubblico, come un giovane “Ezio Auditore da Firenze” perennemente vestito di nero, con maschera da Assassino o rapinatore , pugnale e Spada? Più che un Pacifico, assomiglia ad un Vendicativo Giustiziere che uccide e punisce chiunque al minimo errore e non sa cosa sia il Perdono o la Misericordia: infatti,alla domanda  del Produttore: Per difendere la tua realtà hai fatto del male ad altre persone? Egli risponde: ”Non ti posso rispodendere a questa domanda perché…capisci…“ (Qui tacet, consentire videtur?)

Questi tratti dunque son molto più simili ad un Diabolicus Diabolik piuttosto che ad un Mite ed Umile di Cuore che decide, come  lui stesso ha affermato e come ho riportato sopra, di sacrificarsi per il Bene del Suo Prossimo. Immaginate se  Gesù fosse apparso così ai Suoi….certamente l’avrebbero preso per  un Condottiero e non per un Re di Giustizia e Pace…..e forse non lo avrebbero  crocifisso. Come può dunque paragonarsi a uomini come Cristo che mai ha torto un capello ad essere vivente?

Punto terzo: le idee e il credo.

Quid vetat dicere verum: oltre a non dire mai pubblicamente ciò che pensa, è curioso notare come egli professi esattamente le idee e il credo che televisivamente e mediaticamente dice di voler combattere. Una  contraddizione perfettamente in linea collo spirito notoriamente contradditorio del suo datore di lavoro, ossia il  Mega-Direttore Galattico, il potentissimo e Arcoriano Duca Conte Berluscon Jr della Megaditta ItalPetrolCemeTermoTessilFarmoMetalChimTelevisiva. Il suo Credo infatti è “Veritas Vos Liberabit”  che nel suo stile diventa “Diventando il  Sole di voi stessi, illuminerete anche coloro che vi stanno accanto”  che tradotto significa “la tua verità può diventare anche la mia” ( che è quanto di più relativo a questo mondo ci sia!).

Sul suo sito si può inoltre leggere a riconferma della sua Totale relatività, il motto da lui elaborato: I Dogmi (ossia la Certezza, La Verità) dividono, lo Spirito Unisce, Il Cuore Ha un Solo Colore….( un bel minestrone di N.O.Mundi e Seclorum).

Punto quarto: il simbolo. In Hoc Signo Vinces

Ispirandosi  ai grandi del passato, anche Adam ha scelto di elaborare un simbolo che rappresenti in pieno quanto lui stesso Crede e Professa… ma anche stavolta decide di farlo in perfetto stile Massonico sempre per l’Obiettivo esposto inizialmente di voler Combattere qualsiasi piano  derivante dalla Massoneria deviata o facente parte di quei cattivoni degli Illuminati. Il suo simbolo è infatti un oroburo (serpente che in araldica  simboleggia l’astuzia, il dominio (secondo il sogno di Alessandro Magno), l’eternità (perché quando si morde la coda forma un circolo che non ha inizio né fine), la medicina (compare infatti nell’emblema del caduceo) e la prudenza. Tutte caratteristiche care ad Adam, che ha una visione così tracotante di se stesso che in confronto gli Dei meschini e pagani appaiono docili agnellini. Può però anche rappresentare il nemico, il vizio, il tradimento, o la perfidia, specialmente quando è calpestato, morso o imbeccato da altri animali. ( e forse in questo il vero Adam si riconosce meglio).Non contento ha pensato di inserire nel mezzo il simbolo di Esculapio, ovvero quei due serpentelli che si incrciano su di un bastone, divenuto poi simbolo internazionale del Soccorso Medico (Kadmon si propone quindi come Medico Onnipotente pell’Anima e il Corpo?… Avvisate il divino Otelma che ha un grandissimo rivale contro cui competere).

Punto quinto ed ultimo: conclusioni.

In homine solo ratio est, qua nihil potest esse praestantius. Dopo aver convinto numerosi allocchi a voler prestargli attenzione per molte e molte puntate che erano, che sono e che saranno, egli, al termine della sua Intervista, dopo aver detto che gli alieni esistono, che son più umani degli umani (contraddizione mastodontica), che lui stesso forse è un alieno (e da come ragiona non sorprende), dopo aver tentato di elevare a guide dell’umanità mattocentrici perfetti come Gandhi, Martin Luther King e Malcom X  (i quali furon rivali assurdi, ma che Kadmon definisce quasi amici (?)) e averli definiti “brave persone” paragonandole addirittura a Cristo, dopo aver risposto in Giapponese all’intervistatore che gli chiedeva di parlare Cinese data la sua innumerevole conoscenza delle lingue e della Scienza, dopo aver messo in guardia Oves, Boves et Universa Pecora dai falsi profeti e dalle menzogne, e aver chiesto di CrederGli per poter insieme migliorare questo Mondo…….come conclude?…Conclude con la più incoerente delle conclusioni lasciando tutti i sani di mente completamente allibiti:

“Ebbene io vi dico voi non dovete credere a nessuno perché ciascuno di voi può essere messia di se stesso, voi non avete bisogno di messia….dovete semplicemente aprire gli occhi e capire che non avete bisogno di riferimenti da parte di destra o sinistra, non fu mai un problema di dx o sx ma solo di coscienza morale. Nel momento in cui agite col rispetto reciproco non c’è più bisogno di clausole contrattuali, di angosce di preoccupazioni, potete andare avanti tranquillamente anche senza usare il denaro…la lealtà vince nel momento in cui ci sia un’autorità, perché di un’Autorità c’è sempre bisogno” (e sul suo sito elogia  la Democrazia)

A questo punto, dopo l’ennesimo conflitto di termini e la ribellione dei segni di punteggiatura, mi sento di concludere dicendogli: “Tranquillo Adam, a te sicuramente non crederemo mai!”

di Simone Petrus Basileus I.G

Fonte: http://radiospada.org/2014/02/mistero-e-il-falso-profeta-adam-kadmon-in-5-punti/