Archivio per agosto 2014

TWO SISTER LUCYS OF FATIMA? RAGIONI DELL’ENIGMA SUOR LUCIA

Um caminho sob o olhar de MariaL’EDITORIALE DEL VENERDI

di Arai Daniele

Nel maggio scorso è stato pubblicato qui su Agerecontra lo studio di Marian T. Horvat, Ph.D. su «due Suor Lucia» (http://www.traditioninaction.org/HotTopics/g11htTwo SisterLucys_Horvat.htm, preso dall’americano Tradition in action, diretto dal brasiliano Atila Sinke Guimarães.

Già avevo trattato il tema nel mio sito www.promariana.wordpress.com, pubblicando foto e testimonianze dei parenti che escludono tale tesi, ritenuta anzi offensiva. Anche se d’accordo con loro, ho sempre lasciato chiaro che vi erano forti ragioni per il sospetto a causa di alcune gravi contraddizioni e non solo di Lucia. Prosegui la lettura »

Scandalo partecipate: una vergogna tutta italiana

 

di Redazione il Faro sul Mondo

 

POLTRONAQuella delle partecipate è una giungla, si sa anche troppo bene; secondo la banca dati del Tesoro, il loro numero è di 7.581, ma secondo altre stime sarebbero quasi diecimila. Sia come sia, Cottarelli ha esaminato i dati di bilancio del 2012 (ultimi disponibili) di 5.264 di esse, perché 1.242 risultavano praticamente inattive, mentre per 1.075 i bilanci erano indisponibili anche per il Commissario alla Spending Review (e pensar male sul loro contenuto è praticamente obbligo); non mancavano quelle, e sono 86, i cui dati, eufemisticamente, “non risultano coerenti” in quanto riportano errori evidenti.

Prosegui la lettura »

Le nuove strategie della Resistenza che hanno spiazzato Israele

 

Segnalazione di Redazione Il Faro sul Mondo

 

di Giovanni Sorbello

 

ISISA differenza dei precedenti conflitti, la Resistenza palestinese ha sviluppato nuove e sorprendenti strategie che hanno spiazzato l’esercito israeliano in questa ultima aggressione contro la Striscia. Infatti, per le strade di Gaza oramai è raro vedere uomini o mezzi armati, questa sorte di “assenza” sul campo ha portato le forze armate di Tel Aviv a non avere obiettivi militari visibili da colpire. Questa strategia è stata già adottata nella guerra del 2012. Obiettivi legati alla Resistenza, come i siti di lancio di razzi e depositi di armi, sono stati tenuti nascosti agli occhi degli aerei e dei satelliti israeliani, oltre che dai tanti “collaborazionisti”.

 

 

Prosegui la lettura »

L’inquietante vicenda degli abusi su minori a Rotherham, Gran Bretagna: pakistani non denunciati per paura

 

Segnalazione Quelsi

 

by Girolamo Minotto

 

BEI MUSETTI ARABIAbuso endemico di ragazze adolescenti da parte di uomini più grandi, per lo più di origine pakistana”. Siamo in Gran Bretagna, nella città di Rotherham, che conta più di 100.000 abitanti. La frase è contenuta in un rapporto di un’indagine indipendente che si può trovare sul portale Rotherham.gov.uk. Il titolo stesso della relazione mette i brividi: “Independent Inquiry into Child Sexual Exploitation in Rotherham (1997 – 2013)”. Un’inchiesta indipendente sulle violenze sessuali su minori commesse tra il 1997 e il 2013. Dopo sedici anni di silenzio, addirittura di volontaria negligenza da parte di polizia e autorità secondo l’indagine indipendente, finalmente anche i giornali inglesi ne stanno parlando. E la verità che sta emergendo non è per nulla piacevole per una Gran Bretagna che era già stata scossa da un caso simile: 600 bambine islamiche fatte prostituire da cosche islamiche. In questo caso però le violenze sessuali sarebbero circa 1400, forse di più, e per la prima volta si dà direttamente colpa alla comunità che ha protetto i violentatori. Agli imam. A parlare sono state donne uscite dalla comunità. E non è stato facile neppure per loro: una ragazzina che voleva denunciare è stata ricoperta di benzina con la minaccia di essere bruciata viva. Un’altra bambina è stata portata dai consulenti sociali a fare denuncia dalla polizia: prima la stessa bambina era stata minacciata ed a suo fratello avevano rotto le gambe, mentre era dalla polizia le è invece arrivato un messaggio in cui era scritto che avevano preso sua sorella e che non avrebbe dovuto parlare. Lei, ovviamente, si è tirata indietro.

Prosegui la lettura »

Il ruolo preminente di Israele nel crescente mercato globale del traffico di organi

 

Segnalazione di Redazione Il Faro sul Mondo

 

di Cristina Amoroso

 

RABBINO DOTTOREUn nuovo rapporto ha messo in luce il ruolo di primo piano svolto dagli israeliani nel traffico internazionale di organi. Il quotidiano statunitense New York Times ha affermato in un rapporto pubblicato domenica 18 agosto che i mediatori negli affari di trapianto in Israele hanno intascato ingenti somme di denaro, organizzando trapianti di rene oltremare per pazienti disperati abbinati a donatori stranieri.

 

 Levy Izhak Rosenbaum, rabbino residente a New York, arrestato due anni fa con l’accusa di traffico di organi umani.

Prosegui la lettura »

RENZI BACIA LA PANTOFOLA DEI MASSONI CONTRO-INIZIATI MARIO DRAGHI E GIORGIO NAPOLITANO

 

Di Redazione

 

RENZI IL MASSONEC’è una parabola che mi ha sempre molto colpito. E’ quella che riguarda il povero Lazzaro e il ricco Epulone così per come raccontata dall’evangelista Luca (16,19-31).  Dopo una vita di bagordi e indifferenza verso il prossimo, il ricco Epulone finisce dritto dritto all’inferno. Nella speranza che perlomeno i suoi parenti si salvino, Epulone chiede ad Abramo di far tornare qualcuno sulla Terra dal regno dei morti al fine di avvertire i familiari circa il terribile destino che li attende. Ma Abramo, di rimando, rispose: “Se non hanno creduto a Mosè, non hanno creduto ai Profeti, non crederanno  neppure se qualcuno dai morti andrà da loro”. Ecco, gli italiani e gli europei di oggi si comportano proprio come i parenti dello sventurato Epulone: non credono pur avendo la verità a portata di mano.

Prosegui la lettura »

Case e alberghi gratis agli africani – tasse e disoccupazione agli italiani

 

Segnalazione di Federico Prati

 

CLANDESTINI NERISarà che i prefetti non sanno più che pesci pigliare per gestire l’emergenza immigrazione ma il diktat di quello di Brescia ha dell’incredibile: «Sono pronto a requisire luoghi pubblici e privati per dare ospitalità agli stranieri».

 

Prosegui la lettura »

MISTERI DEL COMUNISMO – DA VEDERE

 

Segnalazione di Filippo Prati

 

FALCE E MARTELLO 2https://www.youtube.com/playlist?list=PLD724111B0E17FB28

 

https://www.youtube.com/watch 

Prosegui la lettura »

Napolitano giù dal trono: l’autunno caldo del Presidente

 

Segnalazione Quelsi

 

by Giacomo Petrella

 

NAPOLICANOSta scritto in costituzione che il presidente della Repubblica è irresponsabile negli atti compiuti nella sua funzione. Eppure non c’è uomo politico maggiormente responsabile di Giorgio Napolitano nella crisi socio-economica che strangola il paese da oltre tre anni. Napolitano ha prima distrutto scientificamente la maggioranza di centro-destra uscita vincitrice dalle ultime elezioni, fomentando la scissione finiana; ha così impantanato partiti e parlamento, costringendo entrambi ad una sua rielezione “programmatica”, un vero e proprio orrore costituzionale che dovremmo chiamare “tecnopresidenzialismo”; si è quindi manifestamente fatto garante degli interessi della Troika sul suolo nazionale, assicurando a Bruxelles l’amministrazione controllata del paese; ha dettato l’agenda di austerità di Monti prima, di Letta poi, imponendo all’arrampichino Matteo Renzi, un certo Pier Carlo Padoan al ministero dell’Economia, fido uomo del Fondo Monetario Internazionale che pare, in questo fine agosto, aver messo i canini sulla giugulare di molti pensionati.

Prosegui la lettura »

Regione Abruzzo, prime grane per D’Alfonso

 

Segnalazione Quelsi

 

by Antonio Scardone

 

ALFONSOIl movimento “Abruzzo Civico”, fondato dal giornalista RAI Giulio Borrelli, si è riunito in assemblea plenaria a Ripa Teatina (CH) il 25 agosto ed ha stilato un documento per spiegare come in questi tre mesi di governo il presidente della regione D’Alfonso avrebbe compiuto scelte non corrispondenti agli accordi elettorali e senza avere la giusta considerazione di Abruzzo Civico, né relativamente al ruolo ed allo spirito di questa lista, né tanto meno al peso che essa ha dimostrato di avere alle urne, poiché alle scorse regionali essa ha raccolto un robusto 8%.

 

Prosegui la lettura »

Centro preferenze sulla privacy

Chiudi il tuo account?

Il tuo account verrà chiuso e tutti i dati verranno eliminati in modo permanente e non potranno essere recuperati. Sei sicuro?