Segnalazione di Redazione Il Faro sul Mondo

 

di Cristina Amoroso

 

RABBINO DOTTOREUn nuovo rapporto ha messo in luce il ruolo di primo piano svolto dagli israeliani nel traffico internazionale di organi. Il quotidiano statunitense New York Times ha affermato in un rapporto pubblicato domenica 18 agosto che i mediatori negli affari di trapianto in Israele hanno intascato ingenti somme di denaro, organizzando trapianti di rene oltremare per pazienti disperati abbinati a donatori stranieri.

 

 Levy Izhak Rosenbaum, rabbino residente a New York, arrestato due anni fa con l’accusa di traffico di organi umani.


Attraverso la storia di una donna israeliana, identificata come Ophira Dorin, il rapporto ha mostrato come è facile acquistare illegalmente un rene tramite intermediari in Israele.
Per cinque anni, la signora Dorin di 36 anni era riuscita a controllare la malattia renale con la dieta, poi la battaglia quotidiana contro la nausea, la stanchezza e la depressione. Per una donna di 36 anni sembrava impensabile che i suoi giorni migliori potessero essere legati ad una macchina. Nell’impossibilità di trovare donatori di un rene tra familiari e amici, non rimaneva che il mercato illegale del traffico di organi. Potrebbe sembrare una cosa difficile da trovare un intermediario che commercia in organi umani, ma in breve fu facile trovare tre nomi.

Secondo quanto appreso dal New York Times nel corso di un’indagine sul commercio di organi a livello mondiale, gli uomini erano tra gli operatori centrali nel mercato sotterraneo del rene di Israele. Per anni, hanno intascato somme enormi per l’organizzazione di trapianti d’oltremare per i pazienti che vengono abbinati a donatori stranieri, come documenti governativi mostrano.

Dorin ha dichiarato al quotidiano di avere pagato 175mila dollari per un intervento chirurgico di trapianto di rene che si è tenuto in Costa Rica. Tuttavia, un documento riservato del tribunale del Costa Rica dimostra che il donatore, che era un disoccupato di 37 anni, ha ricevuto solo 18.500 dollari per il suo rene. “La mia situazione era critica,” ha detto Dorin, aggiungendo che: “Non mi sentivo molto bene, e la mia condizione stava peggiorando. Anche se sapevo che era illegale, non credo che avrei fatto qualcosa di diverso”.

Sulla base dell’analisi del New York Times dei principali casi di traffico di organi a partire dal 2000, gli israeliani hanno svolto un “ruolo sproporzionato” nel traffico di organi. Kevin Sack del New York Times ritiene che nel corso degli ultimi 15 anni, poco tempo dopo il momento in cui si sono avviati procedimenti giudiziari sui trafficanti di organi, Israele sembra che abbia avuto qualche ruolo. Gli israeliani sono o gli acquirenti o i venditori. Spesso sono i broker. E questo ha molto a che fare con le restrizioni religiose tra i rabbini ortodossi secondo i quali la morte cerebrale, che ovviamente è la circostanza ottimale per la donazione di organi, non è in realtà la morte vera, con la conseguenza che i tassi di donazione in Israele sono molto bassi e la gente ricorre al mercato nero.

“Quando qualcuno ha bisogno di un trapianto di un organo, farà tutto quanto in suo potere”, ha detto Meir Broder, un consulente legale al Ministero della Salute di Israele.
Quella disperazione era evidente nel funzionamento del turismo da trapianto che ha consegnato la signora Dorin e altri pazienti stranieri in Costa Rica dal 2009 al 2012 attraverso più di 100 interviste e decine di documenti, The Times ha tracciata la rete daibarrios di San José, capitale del Costa Rica, alle torri di vetro di Ramat Gan, un vivace quartiere commerciale vicino a Tel Aviv.

Le autorità del Costa Rica hanno annunciato l’anno scorso che avevano scoperto un traffico internazionale di organi specializzato nella vendita di reni a israeliani e europei dell’Est.
Nel 2012, almeno 10 cittadini israeliani sono stati arrestati per appartenenza a una banda legata al traffico di organi.
Israele ha ammesso nel 2009 di aver espiantato gli organi di palestinesi deceduti senza permesso del loro parente prossimo nel 1990