di Luciano Gallina

 

Treviso 04-08-2014

 

Per l’ennesima volta sono rimasto sorpreso, basito, sconvolto ecc. ecc. non riesco a trovare il temine adatto alla situazione.

L’ultima scoperta in ordine di tempo (dal sito della Diocesi di Treviso), è la seguente: UFFICIO DIOCESANO Pastorale delle Sette e delle forme pseudo-religiose Se.D.I.S.

Ufficio che va ad aggiungersi a quello già esistente “Ecumenismo e dialogo interreligioso”

Sempre sul sito, si trova un ampio articolo dal titolo:

“Lavoriamo insieme per costruire ponti di pace e promuovere la riconciliazione Si conclude oggi il Ramadan: il messaggio del Pontificio Consiglio per il dialogo ai fedeli musulmani”

 

Una domanda sorge spontanea ad un povero “Cattolico Apostolico Romano”, alias TRADIZIONALISTA, anzi il termine giusto è NON MODERNISTA.

 

Ma la Santa Chiesa Cattolica, ovvero i Ministri di Cristo, di cosa si occupano?

Di portare pecore all’ovile di Cristo o di lavorare per la concorrenza. Come le spie che apparentemente lavorano per uno Stato ma di fatto sfruttano la loro carica per servire il nemico. Questo nella società laica, si chiama alto tradimento, credo che lo stesso valga anche per il cattolico, anzi molto peggio.

 

ALCUNE RIFLESSIONI ECUMENICHE (in ordine sparso)

 

MUSULMANI – Cosa penseranno gli 800 martiri di Otranto delle feste perla fine del Ramadan, dove tante volte sono presenti dei prelati?

Per chi sostiene che gli islamici non odiano i cristiani, mi permetto di proporre una verifica. Si reca alla Mecca, con un grande Crocifisso in mano, quando torna mi racconta l’accoglienza che ha ricevuto. Naturalmente io pagherò le spese di viaggio e l’assicurazione sulla sua vita. Essendo venale, sarò io beneficiario dell’assicurazione se per caso dovesse avere degli inconvenienti.

EBREI – Dal Vangelo di S. Giovanni: Gli risposero: «Il nostro padre è Abramo». Rispose Gesù: «Se siete figli di Abramo, fate le opere di Abramo!  Ora invece cercate di uccidere me, che vi ho detto la verità udita da Dio; questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro». Gli risposero: «Noi non siamo nati da prostituzione, noi abbiamo un solo Padre, Dio!».  Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro Padre, certo mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato.  Perché non comprendete il mio linguaggio? Perché non potete dare ascolto alle mie parole, voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin da principio e non ha perseverato nella verità, perché non vi è verità in lui. Quando dice il falso, parla del suo, perché è menzognero e padre della menzogna. A me, invece, voi non credete, perché dico la verità.

PENTECOSTALI – COSA NE PENSAVA UN SANTO DEI PENTECOSTALI? (CARISMATICI)

“La caratteristica degli eretici non potrebbe essere più precisa: essi dicono Signore, Signore, con le apparenze della loro pietà, si vantano anche di profetare nel nome di Dio, cioè di annunziare e propagare le parole della Bibbia; credono di essere i propagatori del regno di Dio, e i nemici di satana, mentre dolorosamente, ne sono gli amici e i coadiutori; rigettano i miracoli della Chiesa, e credono alle loro stoltezze nelle riunioni specialmente di alcune sette, come quelle dei pentecostali, nelle quali le convulsioni epilettiche e gli ubriacamenti della fantasia, fanno loro credere di rinnovare il miracolo della Pentecoste. Gesù Cristo non lascia luogo ad equivoci, afferma solennemente che simile gente è così estranea a Lui, che Egli non la conosce, e protesterà Lui nel giorno del giudizio.” Sac. Don Dolindo Ruotolo

LUTERO Il Vaticano si appresta a “festeggiare” il 500° anniversario dell’eresia luterana. LINK del Vaticano:http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/chrstuni/lutheran-fed-docs/rc_pc_chrstuni_doc_2013_dal-conflitto-alla-comunione_it.html

Nel 1883 la Beata Maria Serafina Micheli (1849-1911), fondatrice dell’Istituto delle Suore degli Angeli, si trovava a passare per Eisleben, nella Sassonia, città natale di Lutero. Si festeggiava, in quel giorno, il quarto centenario della nascita del grande eretico ( 10 novembre 1483) che spaccò l’Europa e la Chiesa in due, perciò le strade erano affollate, i balconi imbandierati. Tra le numerose autorità presenti si aspettava, da un momento all’altro, anche l’arrivo dell’imperatore Guglielmo I, che avrebbe presieduto alle solenni celebrazioni. La futura beata, pur notando il grande trambusto non era interessata a sapere il perché di quell’insolita animazione, l’unico suo desiderio era quello di cercare una chiesa e pregare per poter fare una visita a Gesù Sacramentato. Dopo aver camminato per diverso tempo, finalmente, ne trovò una, ma le porte… erano chiuse. Si inginocchiò ugualmente sui gradini d’accesso, per fare le sue orazioni. Essendo di sera, non s’era accorta che non era una chiesa cattolica, ma protestante. Mentre pregava le comparve l’angelo custode, che le disse: “ Alzati, perché questo è un tempio protestante”. Poi  le soggiunse: “Ma io voglio farti vedere il luogo dove Martin Lutero è condannato e la pena che subisce in castigo del suo orgoglio”.

Dopo queste parole vide un’orribile voragine di fuoco, in cui venivano tormentate un incalcolabile numero di anime. Nel fondo di questa voragine v’era un uomo, Martin Lutero, che si distingueva dagli altri: era circondato da demoni che lo costringevano a stare in ginocchio e tutti, muniti di martelli, si sforzavano, ma invano, di conficcargli nella testa un grosso chiodo. La suora pensava: se il popolo in festa vedesse questa scena drammatica, certamente non tributerebbe onori, ricordi, commemorazioni e festeggiamenti per un tale personaggio. In seguito, quando le si presentava l’occasione ricordava alle sue consorelle di vivere nell’umiltà e nel nascondimento. Era convinta che Martin Lutero fosse punito nell’Inferno soprattutto per il primo peccato capitale, la superbia.

 

ALCUNE RIFLESSIONI CATTOLICHE (in ordine sparso)

 

La Santa Messa è il rinnovo del Sacrificio di Nostro Signore Gesù Cristo, in modo non cruento. (Provate a chiedere ai sacerdoti, seminaristi ecc.: cos’è la Messa? Quasi NESSUNO risponderà: La Santa Messa è il rinnovo del Sacrificio di Nostro Signore Gesù Cristo, in modo non cruento. Risposta che UNA VOLTA qualsiasi cattolico, anche ANALFABETA avrebbe risposto esattamente.

La nuova messa, è SOLO il ricordo dell’ultima cena. Come fanno i luterani

Questo è il punto più dolente della situazione: l’Eucarestia. Come ben sapete, la Santa Messa (argomento di verità sapientemente occultate) è il cardine della Chiesa Cattolica, ma purtroppo ha subito una modifica sostanziale con il nuovo rito. Rito che è molto più vicino, per non dire UGUALE al rito luterano, lo disse anche Paolo VI: “questa è una messa protestante”, poi firmò lo stesso. I Cardinali Bacci e Ottaviani, manifestavano con la lettera esame critico del «Novus Ordo Missæ».a Paolo VI, tutte le loro certezze che il nuovo rito, nulla aveva a che fare con il rito precedente.

  

    Dal Vangelo di S. Giovanni: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Quindi è chiaro che SOLO Cristo è la VIA per la SALVEZZA.

 

    Dal Vangelo di S. Giovanni: Gli dice Pilato: “Che cos’è la verità?”. A questa domanda Cristo non rispose, forse perché nella domanda c’era già la risposta? Come secoli dopo scoprì che anagrammando la frase “Quid est veritas?” il risultato è a dir poco sorprendente: “est Vir qui adest”, ovvero: “è L’uomo che hai davanti”. Strano vero?

 

(Giovanni 21, 15-17) Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: “Simone di Giovanni, mi ami tu più di costoro?”. Gli rispose: “Certo, Signore, tu lo sai che ti amo”. Gli disse: “Pasci i miei agnelli”. Gli disse di nuovo: “Simone di Giovanni, mi ami tu?”. Gli rispose: “Certo, Signore, tu lo sai che ti amo”. Gli disse: “Pasci le mie pecorelle”. Gli disse per la terza volta: “Simone di Giovanni, mi ami tu?”. Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli dicesse: Mi ami tu?, e gli disse: “Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo”. Gli rispose Gesù: “Pasci le mie pecorelle.

 

S. Francesco d’Assisi, ebbe un incontro con il sultano ayyubide al-Malik al-Kāmil, nipote di Saladino. Lo scopo dell’incontro era quello di potergli predicare il vangelo, al fine di convertire il sultano e i suoi soldati, e quindi mettere fine alle ostilità.  S. Francesco, propose al sultano l’ordalia per porre fine alle discussioni su chi aveva il VERO DIO, come ben saprà il sultano declinò l’invito.

 

Concludo ricordando il giuramento antimodernista istituito da San Pio X (abolito da Paolo VI), autore della stessa enciclica Pascendi Dominici gregis, dove illustra che il modernismo è la massima e la piu’ grande di tutte le eresie.

 

A questo punto mi pongo e Vi pongo le seguenti domande/riflessioni:

  • ·       Cosa è successo e cosa sta succedendo all’interno della chiesa (per chiesa intendo in questo caso il clero a tutti i livelli)?
  • ·       Il tanto lodato Concilio Vaticano II, cosa ha portato di buono?
  • ·       Come mai quando si parla della S. Messa con il Rito Tredentino, c’è un rifiuto come si trattasse di peste bubbonica. Eppure tantissimi sacerdoti della Diocesi, alcuni sono ancora parroci, hanno celebrato per diversi lustri con il Rito Tridentino e hanno fatto il giuramento antimodernista. Tantissimi altri, come nel Vostro caso Eccellenza per tantissimi anni hanno assistito e forse anche servito Messa con il Rito Tridentino. Allora come mai questa allergia?   
  • ·       Nella bolla QUO  PRIMUM  TEMPORE, scritta da S. Pio V che accompagnava il Messale Romano, alla fine troviamo scritto: Nessuno dunque, e in nessun modo, si permetta con temerario ardimento di violare e trasgredire questo Nostro documento: facoltà, statuto, ordinamento, mandato, precetto, concessione, indulto, dichiarazione, volontà, decreto e inibizione. Che se qualcuno avrà l’audacia di attentarvi, sappia che incorrerà nell’indignazione di Dio onnipotente e dei suoi beati Apostoli Pietro e Paolo. Credo che negli ultimi anni e nel prossimo futuro, i Santi Apostoli avranno “molto lavoro”.
  • ·       Leone XIII, ebbe la visione che satana chiese a Dio di poter tentare la Chiesa per 100 anni. Tale richiesta fu accolta. Dopo tale visione Leone XIII sconvolto, scrisse la Preghiera a S. Michele Arcangelo, che UNA VOLTA veniva recitata alla fine della S. Messa.
  • ·       La richiesta della Madonna a Fatima della consacrazione della Russia al Suo Cuore Immacolato, altrimenti avrebbe sparso i suoi errori (leggi comunismo).
  • ·       La Madonna a La Salette, disse: Roma perderà la fede e sarà sede dell’anticristo.

 

ECCO L’ORIGINE DEI MALI ATTUALI

Nelle Costituzioni massoniche del 1723 si legge: “L’idea della Massoneria” di riunire tutte le religioni e creare una religione universale: religione nella quale tutti gli uomini si accordano». mentre l’essenza del deposito dottrinale è: «Il dovere del Cavaliere Rosacroce è di combattere lo gnosticismo bastardo racchiuso nel cattolicesimo, che fa della fede un accecamento, della speranza un piedestallo e della carità un egoismo. La sola Massoneria possiede la vera religione, lo gnosticismo. Tutte le altre religioni, specialmente il cattolicesimo, hanno preso dalla Massoneria ciò che potevano avere di vero. Esse non possiedono in proprio che teorie assurde e false».

 

— In un documento pubblicato a conclusione del Congresso spiritualista del 1908, a cui parteciparono ben diciassette potenze massoniche, si legge: «C’è in Massoneria, come in religione, un essoterismo e un esoterismo, al cui studio ciascuno di noi deve applicarsi se vuol giungere alla scoperta della verità, dispersa nella diversità dei culti, delle scuole, delle classi, dei gradi e che diventa UNA per colui che, superate le apparenze è in grado di abbracciare con un colpo d’occhio tutto quanto si ricollega al governo del mondo (…). Essendo il legame invisibile che unisce tra loro tutte le religioni e tutte le politiche, la Massoneria Universale è spiritualista nella sua essenza (…) trait d’union invisibile tra i culti del mondo».

 

Il “Manifesto dell’Ordine martinista” del 1921 dichiarava ufficialmente Io scopo del Martinismo: «Instaurare sopra la terra l’Associazione di tutti gli Interessi, la Federazione di tutte le Nazioni, l’Alleanza di tutti i culti e la Solidarietà Universale».

 

Marsilius Superiore Incognito, nel 1922, scriveva: «(…). Non ci saranno, come oggi, cento o duecento Chiese Rivali, ma la Grande Chiesa Universale di tutti gli uomini, raccolti nella Religione Unica. ed Uno che si nasconde sotto diversi culti tra le formule dogmatiche delle varie religioni».

 

Il piano di distruzione del Cristianesimo, il bastione da abbattere per giungere al Governo Mondiale, nelle menti di questi alti iniziati e nei programmi del canonico massone Roca, esigeva, per il suo inserimento nella “Religione Universale” massonica:

 

1) un adattamento dottrinale che presuppone l’equivalenza di tutti i culti e le opinioni religiose;

 

2) nuovi Dogmi, primo fra tutti quello dell’Evoluzione che presuppone il panteismo gnostico e l’Umanesimo Integrale, per operare il passaggio della missione della Chiesa dalla sfera mistica e sacramentale a quella politico-sociale;

 

3) un riavvicinamento con la Massoneria.

 

Sul culto divino e sulla liturgia, il massone Roca disse: «Credo che il culto divino, come è espresso dalla liturgia, il cerimoniale, il rito e i precetti della Chiesa romana subiranno, prossimamente, in un Concilio ecumenico, una trasformazione che, restituendo ad essi la venerabile semplicità dell’età dell’era apostolica, li metterà in armonia con il nuovo stato della coscienza e della civilizzazione moderna».

 

Un alto dignitario della Massoneria francese, il barone e 330 grado del Rito Scozzese, Yves Marsaudon, in un suo libro, eloquentemente dedicato alla memoria di Giovanni XXIII e di Paolo VI, a proposito del principio di libertà di religione scriveva che, riguardo ad esso: «si può veramente parlare di rivoluzione che, partita dalle nostre logge massoniche, si è estesa magnificamente oltre la Cupola di S. Pietro».

 

Come ben sapete, il NOVO ORDO MISSAE, ha come maggior attore Monsignor Annibale Bugnini. Nella veste di segretario della Commissione per la riforma liturgica, Bugnini fu uno dei principali ideatori e vero regista della riforma liturgica. Bugnini figura nella lista dei massoni di Mino Pecorelli con la data di iniziazione 23 aprile 1963, il numero di codice 1365/75 e il nome in codice BUAN.

 

Il problema è la FEDE, se manca quella siamo rovinati e purtroppo oggi è praticamente sparita dalla faccia della terra.

Dio è stato detronizzato nella migliore delle ipotesi al secondo posto al primo posto è stato messo l’uomo.

 

CONCLUDO QUESTA LETTERA CON UN PO’ DI STORIA

Si tratta di Luigi XIV della famiglia Borbone che, nel 1689, raggiunti i 50 anni d’età e un enorme potere, ricevette, probabilmente attraverso il suo confessore Père La Chaise, la richiesta di consacrare il suo regno al Sacro Cuore; richiesta trasmessa, in una visione nel convento di Paray-le-Monial, il 17giugno di quel 1689 alla suora visitandina Santa Margherita Maria Alacoque.

Tale richiesta non fu esaudita né da Luigi XIV ne dai successori. Nel 1789 (cent’anni dopo la prima richiesta), scoppiò la rivoluzione voluta dalla massoneria per eliminare il Re di Francia (ricordiamo Delfino del Papa), primo passo per la distruzione dell’Europa e del Cattolicesimo.

 

Il 13 maggio 1917 a Fatima la Madonna “risponde” dopo OTTO giorni alla lettera inviata dal Papa Benedetto XV a tutti i Vescovi, per chiedere aiuto vista la situazione in cui si trovava l’Europa devastata dalla grande guerra.

La Madonna a Fatima, chiese la Consacrazione della Russia al Suo Cuore Immacolato. RICHIESTA TUTT’OGGI INVEVASA.

 

Attenzione alla “scadenza”, da oggi (data di questa lettera) mancano poco piu’ di 1000 giorni, passano in fretta.

 

 

 

 

Sia Lodato Gesù Cristo.

 

 

 

P.S.  Per completare la presente lettera allego un articolo del Dr. Arai Daniele, scritto solo qualche giorno fa.

Sembra scritto su commissione, invece “sono solo coincidenze”.

 

 

 

 

 

 

 

 

ABBIAMO SMARRITO LA CAUSA DELLA MISERIA MORALE DEL MONDO PRESENTE?

 

 

Da agere del 31-07-2014 di Arai Daniele

 

 

Quando si osserva la crescente miseria morale del mondo presente, dove sembra sparire ovunque ogni barlume di prudenza, di rispetto, di amore per la verità e per il bene delle anime, allora si capisce trattarsi di un segno della «fine dei tempi delle nazioni» (Lc 21, 24).

 

Sì, perché alla evidente decadenza spirituale e morale, seguirà l’inesorabile e rovinoso collasso, sia economico che sociale; la fine dell’attuale «civiltà occidentale».

 

Di fronte a tanto sfacelo, la prudenza, ma anche il semplice buon senso, induce a indagare sulle cause di questa crisi autodistruttiva di dimensioni mondiali, che tocca il più profondo dell’anima umana, specialmente di quanti, venuti da quella Civiltà Cristiana che ha esteso le sue radici nel mondo, oggi si trovano orfani della Fede con cui nutrire la propria vita e sostenere un tessuto sociale capace di reggere qualche forma dignitosa di civiltà.

 

In un momento storico di tale gravità solo l’appello alla Divina Misericordia ha senso.

 

Eppure, ci sarebbe da chiedere se non è proprio un’immane smacco di queste generazioni nei confronti della Provvidenza divina la causa prima di tanta miseria morale.

 

Il cattolico ha un riferimento sicuro per giudicare il bene sociale nella Dottrina evangelica dell’amore a Dio e del prossimo. La chiave di quest’amore è nel Culto al Bene e al Vero alla cui espansione l’uomo è attratto; il culto alla Volontà del Padre nel Sacrificio di Amore del Figlio.

 

Il culto di questo Sacrificio è il riferimento universale di ogni tempo e luogo, che viene dagli albori della storia. Della sua decadenza e sospensione parlano i profeti e in speciale Daniele, ricordato da Gesù nel discorso escatologico, quando ci ha segnato il momento culminante della più perfida malvagità umana: “Quando vedrete l’abominio della desolazione, della quale ha parlato il profeta Daniele, introdotta nel Luogo santo …” (Mt 24,15).

 

Daniele parla del Tempio, dov’è cessato il Sacrificio e l’Offerta (9, 27), la Cittadella del santuario dove il Sacrificio quotidiano è stato interrotto (11, 31).

 

A questo punto ognuno si deve mettere di fronte alla propria coscienza. Non importa sentire le voci e opinioni di un clero allo sbando o le voci di balordi che non distinguono più la destra dalla sinistra. È alla Chiesa del Sacrificio che siamo chiamati a dirigere gli occhi. Questa è la Nuova Gerusalemme, il Luogo santo, il tempio e il Santuario, la Cittadella della Fede, oggi occupata da una deteriore mentalità mondana consacrata ad estinguere la sua vita spirituale.

 

Dall’anima della Chiesa provengono ancora afflitte chiamate per la vigilanza e il sacrificio nel presente abominio causato dalla desolazione sugli altari per opera dei pastori idoli, vicari dell’iniquo nel tempio di Dio, che si presentano come maestri di nuovi tempi” (II Ts. 2 4).

 

Ecco che oggi è inevitabile ripetere quanto è evidente agli occhi di chi ancora può capire: hanno toccato e inquinato a fondo il culto del Santo Sacrificio dell’Altare. E chi l’ha fatto, era stato elevato proprio alla Sede suprema per la difesa della Fede, ma invece di difenderla la rovina.

 

Alcuni dotti cattolici hanno da tempo denunciato lo scempio e invocato la resistenza. Ma di fronte all’inerzia e alle più oscure confusioni, sembra che nessuna evidenza possa bastare.

 

C’è sempre chi è pronto a tornare indietro, con le più diverse scuse, Per esempio ritenendo impossibile che tanto danno avvenga nelle cose di Dio per opera di pontefici. Quando, il danno – e sulla gravità di questo solo i sciocchi o gli apostati possono negarlo – potrebbe presentare la sua validità liturgica e canonica autenticato da vicari di Cristo; come se fosse benedetto da Dio stesso. E per dimostrarlo, e convincere le coscienze titubanti (e la propria), si lanciano in lunghe acrobazie di marchio clericale, contrapponendosi a quei cattolici che vedono i mali del mondo alla luce dell’offesa a Dio, tanto più sinistra quanto opposta alla sacralità della Sua Chiesa.

 

In questo senso ritorniamo a una discussione sulla «validità» di tale dissacrazione.

Sintesi sul grave dubbio riguardo «l’invalidità dei nuovi sacramenti conciliari» 

 

Don Curzio Nitoglia ha voluto rifare una «Sintesi sulla validità dei “nuovi sacramenti” conciliari.

 

Lo fa, raggirando la vera questione: dell’autorità per operare tale «mutazione».

 

Inizia citando: «I sacramenti sono istituiti per tutti e sono alla portata di tutti i fedeli. Quindi anche la valutazione dei loro elementi (materia/forma/intenzione oggettiva) deve essere fatta in base a un criterio accessibile a tutti e non riservato a un’élite di persone» (Pietro Palazzini, Enciclopedia Cattolica, Città del Vaticano, 1953, vol. X, col. 1579, v. “Sacramenti”).

Ma già qui, quell’«intenzione oggettiva», aggiunta tra parentesi, non può dirimere dei dubbi, come vorrebbe, ma è già occasione di nuovi.

 Infatti, tra i punti condannati da Papa Alessandro VIII, (Decreto del Sant’Uffizio, 7.12. 1690, Dz. 1318) nel nº 28 si trova questo: “È valido il battesimo conferito da un ministro che preserva tutto il rito esterno e la forma di battezzare, però, intimamente, nel suo cuore decide: «non intendo fare quel che fa la Chiesa».

 Cioè, anche l’intenzione interna del ministro è necessaria per la validità del sacramento.

 È vero che la stessa Chiesa ammette che quest’intenzione del ministro, soggettiva per natura, si possa riconoscere dall’osservanza della forma esterna, oggettiva.

 Eppure, quest’intenzione interna (sconosciuta in quel momento) resta necessaria perché si tratta dell’invocazione al potere del vero Autore divino di quel sacramento, Gesù Cristo, che sonda i cuori di tutti. Perciò un sacramento, apparentemente valido, potrà in seguito dimostrare la sua invalidità nella mancanza o inversione degli effetti poiché carenti dell’intenzione interna di fare il bene secondo l’intenzione nota della Chiesa.

 In tal senso, è bene collocare subito il grave dubbio di molti cattolici e di Mgr Lefebvre sul NOM (Nuovo Ordo Missae di Paolo 6º) considerato di effetti protestantizzanti.

 Ecco un dato oggettivo della questione, di valore pure storico perché riconoscibile nella progressiva apostasia derivata dalla nuova chiesa conciliare che, come la vera Chiesa, si dice fondata, sui suoi sacramenti e sulla celebrazione della Messa.

 A questo punto è inutile e anche ingannevoli poggiare una «sintesi sulla validità» dei «sacramenti conciliari» sulla presunzione di retta intenzione del suo ministro quando resta un dubbio, pesante come un macigno, che la sua intenzione, ben come quella intrinseca al nuovo rito sacramentale, sia aliena a quella originale e permanente della Chiesa cattolica nella sua continuità di 260 papi e 20 Concili Ecumenici.

 Tutti gli argomenti che accusano il NOM, e dal suo varo, si sono rinforzati nel tempo alla luce dell’oggettiva inversione dall’intenzione di realizzare il «bene della Chiesa».

 Ora, lo stesso don Nitoglia nella sua lunga lista di citazioni «storiche», dimostra dove si applica tale «intenzione oggettiva». Infatti cita, ma solo in nota e perciò dando la sua tesi per dimostrata, quanto segue: “Il fatto che un sacramento sia valido non significa ipso facto che il rito il quale lo circonda è lecito o conveniente, decoroso e conforme alla regole teologiche e canoniche. Per esempio: nella nuova Messa, avviene la consacrazione e sussiste la presenza reale di Gesù, ossia la validità del sacramento dell’Eucarestia (materia/forma/intenzione: pane e vino/“questo è il mio corpo”/“questo è il mio sangue”/riattuare il Sacrificio del calvario, ricordando ciò che fece Gesù), ma il rito che circonda la pur mutilata (non sostanzialmente, ma solo accidentalmente) forma consacratoria “si allontana dalla teologia cattolica e favorisce l’eresia protestante” (A. Ottaviani – A. Bacci) e dunque è sconveniente o illecito; nel sacramento della cresima (materia/forma/intenzione: imposizione delle mani + unzione con l’olio/“ricevi lo Spirito Santo”/conferire la pienezza dello Spirito Paraclito) sussiste o esiste la grazia della pienezza dello Spirito Santo, ma il rito che lo circonda se accompagnato da cerimonie carismatiche e chiassose è sconveniente o illecito.”

 Può essere considerato soltanto sconveniente o illecito favorire l’eresia protestante in un rito cattolico? P. Nitoglia lo afferma assumendo che l’intenzione «eretizzante» non capiti sostanzialmente, ma solo accidentalmente. Come ha fatto a dedurlo?

 Ebbene, qui non si tratta nemmeno più dell’intenzione individuale del ministro, ma dell’intenzione intrinseca al nuovo rito e questa è esplicita, si tratta dell’intenzione ecumenista, omologata alla protestante nella celebrazione eucaristica.

 Essendo ciò dichiarato, con parole e gesti, da Montini a Bergoglio, quale può essere il dubbio sulla presenza di una tutta «nuova intenzione» sia sul Vaticano 2º, sia sul NOM?

 Può questa mutata intenzione essere giustificata dall’interesse di una pace con i poteri ecumenisti «protestantizzanti» in atto nel mondo?

 Solo l’idea di strumentalizzare attraverso un nuovo «rito» la purezza e l’integrità della fede in un concilio e nei Sacramenti a tale scopo, già rende tale colpa inescusabile.

 Pio IX, Lett. Dolendum profecto est (12/3/1870): “Se essi credessero fermamente, con gli altri cattolici, che il Concilio ecumenico è governato dallo Spirito Santo, che è unicamente con l’ispirazione di questo Spirito divino che esso definisce e propone ciò che deve essere creduto, non sarebbe mai passato per la loro testa che nel Concilio si possano definire cose o non rivelate o nocive per la Chiesa; neppure penserebbero che la potenza dello Spirito Santo possa venire ostacolata da maneggi umani, e che così possa venire impedita la definizione di cose rivelate ed utili alla Chiesa.”

 In vista di quanto brevemente ricordato qui sul male causato da questi nuovi riti, a partire dal NOM, quel che pare un grave dubbio, si dimostra piuttosto una certezza alla luce della legge della Chiesa: ossia, che una vera autorità non può mai ministrare veleno ai fedeli che cercano nella Chiesa rinforzo alla propria vita spirituale.

 Ecco che la validità dell’autorità cattolica si estende a quanto promuove e approva.

 In questo senso ci basterà qui ricordare il dialogo avuto tra Mgr Lefebvre, invitato in Vaticano, con il Pro-prefetto della Congregazione per la Fede, Card. Franjo Seper, poi ripetuta nella lettera del Cardinale a Mgr Lefebvre del 28.1.78, dove si legge: “Un fidèle ne peut mettre en doute la conformité avec la doctrine de la foi d’un rite sacramentel promulgué par le Pasteur suprême, surtout s’il s’agit du rite de la Messe qui est au cœur de la vie de l’Eglise’. “Un credente non può mettere in dubbio la conformità con la dottrina della fede di un rito sacramentale promulgato dal Supremo Pastore, soprattutto se è il rito della Messa è al centro della vita della Chiesa ‘Sarebbe eretico! Eppure Mgr Lefebvre (12.1.79) conferma giustamente che il Novus Ordo Missae (NOM) “ne professe pas la foi catholique et qu’il est stupéfiant qu’un rite de ‘saveur protestante, et donc favens haeresim [che favorisce l’eresia], ait pu être diffusé par la Curie romaine’. «Non professare la fede cattolica, ed è sorprendente che un rito di sapore protestante, così favens haeresim [Che favorisce l’eresia], è stato rilasciato dalla Curia romana.

 Mgr Lefebvre riconosceva le contraffazioni del sacro della «messa nuova». Ora, poiché la validità di ogni cosa nella Chiesa deriva dal suo ‘essere’ dato dall’Autorità divina che  vuole la salvezza degli uomini nella Sua Chiesa, come potrebbe Dio autorizzare tale rito che «allontana in modo impressionante» dalla sua Teologia cattolica di sempre? Ma tale «sintesi» ne aggiunge un sofisma: Poiché è vero che “Un fidèle ne peut mettre en doute la conformité avec la doctrine de la foi d’un rite sacramentel promulgué par le Pasteur suprême”, “Un credente non può mettere in dubbio la conformità con la dottrina della fede di un rito sacramentale promulgato dal Sommo Pastore”  il nuovo rito, conforme alla nuova dottrina di tale pastore è valido.

 Come si può dedurre chiaramente, al contrario: poiché è innegabile la responsabilità di Paolo 6º nell’imposizione del rito protestantizzante e di fatto contrario alla dottrina di fede divina e cattolica, è anche impossibile accettare che la sua autorità sia quella del Pastore supremo, quella istituita per assicurare la conformità dei riti e dei sacramenti alla Fede cattolica e mai a quella protestante.

 Se il sacerdote che usa un rito che non esprime il senso dato dal Signore per celebrare il Suo Sacrificio non può avere l’autorità in persona Christi per consacrare ostia e calice, che cosa pensare dell’autorità che ha voluto istituire tale rito in modo permanente?

 La questione della validità del Rito del Santo Sacrificio del Signore è inestricabilmente legata a quella della vera autorità nella Chiesa, che fu istituita proprio per confermare la Sua adorabile Parola, preservandola, con ogni soprannaturale prudenza, dall’abominio della desolazione profetizzato dal Profeta Daniele per il Sacrificio perpetuo.

 

Ecco che il Sacrificio di amore di Gesù Cristo, sale “per la vita spirituale e morale di tutti i popoli del mondo”, è la luce che fa capire la situazione presente di vacanza dell’ autorità nella Chiesa e di miseria morale nel mondo, dove, colpito il pastore, il gregge si disperde. Ma il gregge che segue il falso pastore più che disperdersi si perde.

 

Conclusione: tutto l’erudito «studio» sopra si risente della mutilazione di quanto può e deve essere descritto come «Oblatio munda», senza macchia; ma qui arriva al contrario! «Immonda», ma valida! Perciò la base dello scritto va rivista e emendata come segue:

 

“Il fatto che un sacramento appaia lecito, anche se non conveniente né decoroso né conforme alle regole teologiche e canoniche non significa ipso facto che sia valido. Anzi. Nella nuova messa può sembrare ma solo sembrare, che avvenga la consacrazione e che sussista la presenza reale di Gesù, ossia che si realizzi la validità del sacramento dell’Eucarestia. Quel che è certo, però, è trattarsi di un rito mutilato a causa della forma consacratoria che “si allontana in modo impressionante dalla teologia cattolica e favorisce l’eresia protestante” (Breve esame critico – cardinali Ottaviani e Bacci).

 

La scusa ora che tale mutilazione accada solo in modo accidentale e non sostanziale non sussiste di fronte alla dichiarata intenzione dei suoi promotori di imprimere al nuovo rito il marchio ecumenista per una palese apertura ai protestanti, agli ebrei e anche ai massoni. Perché questo si è fatto dall’inizio della riforma ad oggi. Chi poteva allora assicurare la sua legittimità originale, per cui la sua oggettiva mutilazione fosse solo accidentale e non voluta nella sostanza di tale riforma? E chi lo può oggi assicurare? Bergoglio, che si fa benedire da quelli che detestano «sostanzialmente» il Rito Cattolico?

 

Come si capisce molto chiaramente l’Autore di questa «sintesi» vorrebbe staccare il problema della validità del NOM da quello sulla vera autorità della Chiesa. Questo tentativo fa imboccare non solo la via della contraddizione, ma quella eretica che anche il card. Seper ha ricordato, ma per applicarlo nel senso della sua fede conciliare: – «Si on nie la légitimité d’une on nie la légitimité de l’autre». La vera questione riguarda la legittimità pontificale poiché un Papa legittimo non può imporre ai fedeli una liturgia bastarda; legittimità che di fronte a Dio è chiara e obiettiva, senza sotterfugi clericali.

 

O l’una o l’altra, «tertium non datur»; sì sì no no, il resto viene dal maligno!

 

Che La Madonna di Fatima possa essere sentita quando ha fatto vedere il Papa colpito a morte insieme a tutto il suo seguito, visione che sarebbe più chiara già nel 1960, quando era già insediato il potere dei «papi conciliari», del culto dell’uomo nel Luogo di Dio!

ECUMENISMO