Segnalazione ricevuta in Redazione

 

BANDIERA RUSSIA EUIntendo qui segnalare queste informazioni per indicare la completa CECITA’ dei politici europei che stanno portando i loro popoli alla catastrofe della guerra, dopo averli privati , con leggi idiote,di ogni senso morale e famigliare.

M.D. 

31 luglio 2014, 20:29

 

Sanzioni contro la Russia: per chi saranno più dolorose?

Le sanzioni occidentali contro la Russia sono “legalmente vuote” questo il commento di Mosca alle ultime decisioni di Bruxelles.

L’Europa mercoledì ha approvato un altro elenco di misure contro l’economia russa e la “lista nera” con nuovi nomi. Gli imprenditori europei, delle decisioni di Bruxelles, a dir poco non sono felici e stanno già calcolando le perdite.

La politica di contenimento della Russia e gli intrighi geopolitici per indebolirla non sono scomparsi. È qui che dobbiamo cercare le vere cause dell’introduzione di vari tipi di sanzioni e liste nere di cui parla lo speaker della Duma russa Sergei Naryshkin.

Barack Obama ha detto martedì che Washington ha bloccato le esportazioni di prodotti e tecnologie specifiche nel settore energetico in Russia e ha esteso le sanzioni alle banche russe ed alle aziende della difesa. In precedenza, gli Stati Uniti a causa di disaccordi con la Russia sulla crisi in Ucraina, hanno imposto sanzioni contro la United Shipbuilding Corporation, la banca VTB, la Russian Agricultural Bank e la Banca di Mosca. Bruxelles si è affrettata a seguire l’esempio del “collega senior”. Lo stesso giorno, i rappresentanti permanenti dell’Unione europea hanno deciso di estendere le sanzioni contro la Russia e il 30 luglio la decisione è stata adottata legislativamente. Le sanzioni riguarderanno, in particolare, gli investimenti in Crimea e tutta la “lista nera” europea è ora composta da 95 persone e 23 organizzazioni.

In Russia, gli effetti speciali della pressione economica non si sono ancora fatti sentire.                              Gli imprenditori americani inoltre non si aspettano grandi perdite.                                                                Ma in Europa, in cui il commercio con la Russia è molte volte più grande rispetto agli Stati Uniti, già si contano le perdite. In Austria, ad esempio, le previsioni indicano un calo delle esportazioni del venti per cento. Gli analisti prevedono un rallentamento economico del Regno Unito. Le imprese tedesche sono allarmate. Quasi più rispetto al resto dell’UE per le attuali soluzioni può soffrire la Polonia, ha detto l’esperto energetico polacco Andrzej Schensnyak.

La ragione è che abbiamo un grande interscambio con la Russia. Le maggiori perdite possono riguardare il settore petrolifero e del gas. È stato creato e incentrato sulla cooperazione con l’Unione Sovietica prima e ora con la Russia. Per i servizi di costruzione compravamo dalla Russia a un buon prezzo petrolio e gas. È stato e rimane ad oggi una buona base per la nostra cooperazione. Se ora dovrà recedere dall’acquisto di petrolio russo, la compagnia petrolifera polacca perderebbe molta della sua competitività.

È indicativo il comportamento dei vicini dell’UE. La neutrale Svizzera e la Norvegia non si uniscono alla soluzione politica di Bruxelles. Nonostante la Germania abbia “gentilmente ma con fermezza” raccomandato Zurigo e Oslo di sostenere l’UE.

In alcuni paesi dell’UE vi è quasi il panico. Le restrizioni agli scambi tra la Lettonia e la Russia relative alle nuove sanzioni UE avranno un impatto drammatico sull’economia lettone, dice il Ministero dell’Economia del Paese. Secondo uno scenario pessimista, il PIL della Lettonia potrebbe diminuire del 10%.

Perché l’Europa, nonostante l’ovvietà per la sua perdita continua ad essere guidata da Washington? Questa politica consolidata dell’Occidente,sembra  un piano globale che mira ad impedire alla Russia di alzare la testa, l’esperto del Fondo per le tecnologie concettuali Valery Pyakin sostiene che:

La politica dell’Europa e dell’Unione europea, qualunque essa sia, è sempre diretta contro la Russia. Pertanto, seguendo il mainstream americano delle sanzioni contro la Russia, l’Europa segue la sua lunga, secolare politica. Ma non capiscono in Europa: che se la crisi locale in Ucraina non sarà ora fermata, arriverà una grande guerra.

Sotto l’apparenza di una buona causa “per difendere la sovranità e l’integrità dell’Ucraina,” l’Occidente sta cercando di eliminare un concorrente dall’arena mondiale. Anche Mosca ha ripetutamente affermato che non è parte del conflitto ucraino, ma è accusata di tutti i peccati fino alla distruzione di aeromobili civili e al bombardamento del territorio ucraino. Secondo i politici russi, alcuni leader occidentali, in particolare gli Stati Uniti si ergono a giudici, assegnando in modo casuale colpe e determinando il grado di responsabilità di interi Paesi e popoli.                                                                                                                                    E non importa che queste accuse siano completamente al di fuori della loro giurisdizione nazionale.

Per quanto riguarda gli ultimi passi di Washington e Bruxelles, Mosca ha ripetutamente detto che è inadeguato e controproducente parlarle la lingua delle sanzioni. Il mondo è abbastanza grande, nonostante i Paesi occidentali, e l’economia russa ha sufficienti partner stranieri. Anche con le proprie forze riuscirà, infine, a colmare la mancanza di importazioni.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_07_31/Sanzioni-contro-la-Russia-per-chi-saranno-piu-dolorose-9894/