Dialogo aperto tra musulmani e cristiani stasera in Gran Guardiadi Matteo Castagna e Maurizio-G. Ruggiero*

Il Comitato contro il relativismo religioso denuncia l’ennesimo scempio relativista che si terrà questa sera presso la Gran Guardia di Verona con l’immancabile patrocinio dell’attuale amministrazione comunale e con la Curia diocesana benedicente un dialogo impossibile con l’Islam.

Questa assemblea sincretista, condannata duramente da tutti i Papi pre-conciliari, è l’evidente pretesto per parlare ipocritamente di una presunta “pace” terrena, di una presunta fratellanza di matrice massonico-liberale, che il Magistero Perenne della Chiesa Cattolica (in particolare l’Enciclica Mortalium Animos di S.S. Pio XI, 1928) dichiara come inutile, effimera e sacrilega. Pax Christi, in Regno Christi! Non può esservi vera Pace se non nel Regno di Cristo, che gli islamici, così come tutte le false religioni, non riconoscono come Figlio di Dio o addirittura Lo bestemmiano.

I calabraghe buonisti conciliari sono complici dell’invasione attuale, spacciando la vera carità (aiuto a casa loro!) con l’accoglienza indiscriminata, spesso in nome di un business sulla pelle delle persone, che grida vendetta al cospetto di Dio!

E’ evidente che in uno Stato tradizionale cattolico non sarebbe mai potuta nascere una scuola per imam (la più grande d’Italia, a San Giovanni Lupatoto VR), poiché non vi sarebbe mai potuto essere spazio per la propaganda dell’errore anti-cristiano. Oggi, invece, a causa delle leggi della moderna democrazia, tutti possono diffondere l’eresia ed è a causa di questo che l’Occidente è malato e destinato a soccombere, se non ritrova la forza della propria identità cristiano-cattolica di sempre, rigettando le false gerarchie figlie del Conciliabolo Vaticano II e estirpando il cancro liberale che ammorba l’Europa. I cattolici tradizionalisti non mancheranno di levare forte la loro voce contro questo relativismo religioso foriero di castighi dal Cielo.

* Responsabili del Comitato contro il relativismo religioso
Ecco il link all’articolo de L’Arena sull’adunata ecumenica di stasera: