bimbo-alla-tv

Segnalazione di Redazione BastaBugie

LA TRASMISSIONE ”FORUM” SI TINGE DI ARCOBALENO

La mielosa conduttrice Palombelli rafforza il palinsesto già gay-friendly di Canale 5 (ad es. Maria De Filippi e la squadra di omo-bi-tran-sessuali)

di Cristiano Lugli

Che la legge Cirinnà fosse riuscita a passare con il beneplacito assoluto da parte dei media, oltre che dai franchi tiratori politici che provavano ad auto-proclamarsi difensori della “famiglia naturale”, quello era ovvio; tuttavia ora si scopre il vero lato subdolo di un’altrettanta subdola legge, mirata a variare gli assetti che la società fin d’ora ha sempre avuto, e pretendendo di normalizzare ciò che normale non è: l’unione tra persone dello stesso sesso. Forte della sua approvazione, l’onorevola Cirinnà ora si diletta in piccoli ricami di propaganda video-mediatica, partecipando, in ogni cantone della televisione italiana, a talk-show o simili. L’ultima trovata è targata Barbara Palombelli, la mielosa conduttrice di Forum, che ha deciso di dedicare puntate tutte speciali sotto il nome di “Forum – I nuovi diritti” per la stagione 2016/17, rinvigorendo così il palinsesto gay-friendly di Canale 5, già calcato dalla collega Maria De Filippi con la nuova squadra di tronisti arcobaleno.

Domenica scorsa infatti, con tanto di replica odierna, è andata in scena su Canale 5 la puntata tutta speciale in cui veniva trasmessa la registrazione dell’unione “civile” tra Fabrizio e Massimiliano, che hanno deciso di farsi riprendere dalla tv sulla spiaggia di Maccarese, provincia di Fiumicino. Ad officiare il simpatico siparietto, in cui uno dei due partner chiedeva addirittura una “laica benedizione di Dio”, non vi era nientepopodimeno che il sindaco di Fiumicino, ovvero Esterino Montono, marito di Monica Cirinnà. Oltre alla Cirinnà in studio era presente anche la nota attivista LGBT Imma Battaglia, certamente trovatasi a suo agio con una conduttrice che motiva così le proprie scelte: “Il loro è un nuovo diritto e con “Forum” voglio essere la prima a raccontarlo. Una scelta personale di cui mi assumo ogni responsabilità. Nessuno scandalo, solo un’occasione per spiegare come stanno le cose”. La sua è stata “una scelta coraggiosa e condivisa con la Rete – continua la Palombelli – È la storia di una lunga battaglia: il mio obiettivo è aiutare a cancellare i pregiudizi. Fatta la legge, ora bisogna farla vivere”. La conduttrice, per chi non lo sapesse moglie di Francesco Rutelli, aveva già preannunciato in un’intervista la volontà di dare uno slancio innovativo al proprio programma, scrivendo un nuovo “diario delle evoluzioni sociali”: “I nuovi diritti sono protagonisti della stagione 2016-17 di ‘Forum’. Già a partire dallo speciale dell’;11 settembre inizieremo a scrivere insieme, giorno dopo giorno, il diario delle evoluzioni sociali attraverso le vostre storie. Tante conquiste un tempo impensabili sono state raggiunte, ma sappiamo davvero come usarle al meglio? E quali sono i punti deboli del nostro sistema legislativo, pieno di norme che a volte spaventano e limitano i nostri sentimenti? Ci auguriamo di riuscire a incoraggiare il lato positivo di ogni situazione: di energie nuove abbiamo bisogno tutti. E non solo a Forum!”.  Il minestrone offerto da Forum ricalca tutto il moderno esperienzialismo, il quale si lega alle più svariate condizioni di vita sociale, scimmiottando l’ideale ed il modello della vera Famiglia, nonché del Matrimonio: si trattano infatti divorzi, convivenze, la mono-genitorialità e, perché no, anche le relazioni omosessuali sfruttando il clima nebuloso della “dirittualità” odierna. Un programma assolutamente osceno che ha ricoperto per ben 4 ore una fascia oraria protetta, con il chiaro intento di iniettare il messaggio devastante nelle menti di un pubblico più vulnerabile e soggetto a preferenziali infiltrazioni relativiste. Nota di BastaBugie: ecco altre notizie dal gaio mondo gay (sempre meno gaio). PER LA RAI PUOI ESSERE MASCHIO, FEMMINA O ALTRO Mamma Rai lancia Raiplay. Si tratta di una piattaforma multimediale che offre agli utenti un catalogo aggiornato di programmi, serie, fiction, film, documentari e concerti consultabile sia su smartphone, tablet ecc. tramite app sia su PC. Oltre a questo ci sono 14 canali Rai, streaming in diretta ed altro ancora. Se andate a scaricare l’app, al momento della registrazione vi viene chiesto, tra gli altri dati, di indicare il sesso di appartenenza: maschio, femmina o altro. Dietro quell’ “altro” si celano ovviamente i multiformi “sessi” della teoria del gender. (Gender Watch News, 21 settembre 2016) VESCOVO SIGALINI: AUGURI ALLA PRIMA COPPIA GAY ROMANA UNITA CIVILMENTE Qualche giorno fa Francisco e Luca (nella foto insieme al sindaco Raggi) sono stati la prima coppia gay ad essere uniti civilmente nella capitale. Mons. Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e segretario della Commissione episcopale per le Migrazioni della Cei, seppur dichiarando che questa nuova coppia non è una famiglia fa loro gli auguri di una vita felice: «Faccio gli auguri a questi giovani ed auguro a loro felicità. Che due amici si vogliano bene e che abbiano pari diritti di qualsiasi altra coppia è fuori discussione. Però la loro non potrà essere la vita impostata come quella di una famiglia. Non si tratta di discriminare o disprezzare la scelta di due persone che si vogliono bene. La nuova coppia possa anzi vivere bene ma sapendo che si tratta di una vita in salita. A Francisco e Luca dico perciò di vivere il loro amore facendone dono agli altri». Ricordiamo al vescovo cattolico che per il Magistero le unioni omosessuali non devono essere incoraggiate, nè tanto meno ricevere riconoscimento giuridico e che non si può parlare di “amore” per le coppie omosessuali. (Gender Watch News, 17 settembre 2016)

Titolo originale: Il Forum delle famiglie… omosessuali!

Fonte: Osservatorio Gender, 17/09/2016

Pubblicato su BastaBugie n. 472