extra-ecclesiam-nulla-salusSegnalazione del Centro Studi Federici

Milano, 12/11/2016, XV convegno albertariano: “Extra ecclesiam nulla salus”
Il XV convegno di studi albertariani si terrà a Milano il 12 novembre 2016 alle ore 15 presso Andreola Central Hotel, in via D. Scarlatti 24: Extra ecclesiam nulla salus. L’appartenenza alla Chiesa come necessità di salvezza.Relatore: don Francesco Ricossa.
Primo intervento: Io sono la vite voi i tralci (Giov 15, 5). Chi sono le membra della Chiesa? Il dogma cattolico dell’appartenenza alla Chiesa nell’enciclica Mystici corporis di Pio XII.
Secondo intervento: Dopo il concilio Vaticano II: contraddizione del dogma nell’ecumenismo modernista da Paolo VI a Bergoglio.
 
Bologna, 3/12/2016, conferenza sulla Massoneria
Sabato 3 dicembre dalle ore 17,30 conferenza sul tema: “La Massoneria”. Filosofia, spiritualità ed azione della setta massonica.
Relatore: don Franceso Ricossa, superiore dell’Istituto Mater Boni Consilii. Una conferenza imperdibile, nascita, sviluppo ed affermazione dell’associazione “discreta”. 
A seguito della conferenza sarà possibile cenare insieme al relatore, maggiori info sulla cena a breve. Per maggiori informazioni contattare: 333.7304611

 
Rimini, 3/12/2016, presentazione del libro: “La meraviglia cosmica”
Il Centro Studi “Giuseppe Federici” invita alla presentazione del libro di Mauro Stenico: “La meraviglia cosmica. Saggezza divina e Natura celeste” (Solfanelli Editore, pag. 180, euro 14) che si svolgerà sabato 3 dicembre 2016 alle ore 16 all’Hotel Napoleon di Rimini, in piazza C. Battisti 22 (davanti alla stazione ferroviaria), con la partecipazione dell’autore Mauro Stenico. 
Dalla quarta di copertina: “La scienza conduce l’uomo lontano dal concetto di “creazione” e dalla sfera della Trascendenza? I presupposti della filosofia scolastica sono crollati dinnanzi al suo progresso? Non v’è più spazio per la ricerca e per il rinvenimento di quel Più, di quell’eccedenza di significato che permea la realtà? Infine, ipotesi cosmologiche come quella del Big Bang e articoli di fede come quello della creazione dell’Universo dal nulla sono stati ormai posti in una contraddizione insolubile? Questi, ed altri, gli interrogativi affrontati nel testo. Sulla base di considerazioni filosofiche nonché con l’ausilio di alcune scoperte della scienza naturale del XX secolo e di geniali intuizioni di alcuni suoi protagonisti, è desiderio dell’Autore mostrare come l’uomo non solo non abbia ancora carpito il senso profondo, più misterioso e recondito, della Natura – ammesso che egli possa anche soltanto pretendere di farlo, come nel caso della tanto sospirata “teoria del tutto” (theory of everything) – ma come le molteplici questioni scientifico-naturali ancora (momentaneamente?) insolute rendano più che mai appassionante quell’approccio aristotelico di meraviglia e curiosità nei confronti dello studio della Natura, studio che nel contempo rende evidente l’inesauribile maestria del suo Artefice. Da qui, l’inevitabilità di un titolo che enfatizzasse la magnificenza della creazione e ponesse in risalto la razionalità e l’ordine in essa riscontrabili”.