imagePer non dimenticare cosa fu la Tradizione

Segnalazione di Maurizio-G. Ruggiero

http://www.prolocosigna.it/notizie/2016/il-granducato-mediceo-fra-storia-arte-e-devozione

http://www.prolocosigna.it/notizie/2016/il-granducato-mediceo-fra-storia-arte-e-devozione/image/image_view_fullscreen

L’Altare da viaggio del Cardinale Francesco Maria de’ Medici

Il Comune di Signa e l’Associazione Scambi Internazionali hanno organizzato a Signa presso la Sala dell’Affresco del Palazzo comunale una mostra dal titolo Il Granducato mediceo tra storia, arte e devozione. L’Altare da viaggio del Cardinal Francesco Maria [1660-1711].

La mostra, curata da Maurizio Catolfi, che si svolgerà dal 26 novembre al 18 dicembre 2016, è incentrata sull’altare da viaggio appartenuto alla famiglia Medici,attualmente giacente nei depositi delle Gallerie degli Uffizi. Attraverso le storie dei personaggi del Granducato mediceo, la mostra racconta quel periodo straordinario nel quale Firenze era centro di potere politico ed economico ma anche culturale e artistico, e porta  una riflessione e un approfondimento su un tema caro alla famiglia granducale: la devozione. Per questo motivo è stato scelto di esporre un oggetto significativo e allo stesso tempo di raro interesse artistico e storico anche per la unicità del pezzo: un altare portatile che testimonia i viaggi devoti della  famiglia Medici, in questo caso appartenuto al Cardinal Francesco Maria, fratello del Granduca Cosimo III e figlio di Vittoria della Rovere e Ferdinando II. Verranno esposti  anche alcuni ritratti della Famiglia Medici in modo da ricreare una semplice ma suggestiva contestualizzazione. La mostra mette in evidenza anche il forte legame fra Cosimo III e Signa, e come la Beata Giovanna abbia avuto un ruolo importante nella devozione della famiglia Medici.

Orario di apertura al pubblico. Mattino: tutti i giorni (compresi sabato e festivi) dalle 9.30 alle 12.30.Pomeriggio: martedì, giovedì e sabato dalle 15.00 alle 17.00 – Ingresso libero-

La presentazione della mostra e del relativo catalogo è fissata alle ore 15.00 di sabato 26 novembre presso la vicina Pieve di San Lorenzo.

Saranno presenti:

Alberto Cristianini     Sindaco di Signa

Giampiero Fossi        Assessore alla cultura

Paolo Bambagioni     Consigliere Regionale

Maurizio Catolfi        Presidente ASI curatore della mostra

 

Per informazioni: Biblioteca comunale di Signa – Via degli Alberti,11 – Tel. 055/875700.

Francesco Maria de’ Medici in un ritratto giovanile

Altare portatile del Cardinale Francesco Maria de’Medici.

Firenze. Galleria degli Uffizi

N.B. Mentre persino il PD toscano e quello di Signa (Fi) in particolare esaltano con fierezza la religiosità medicea e la pietas del Cardinale Francesco Maria che, pur di officiarla Santa Messa, portava con sé l’altare su cui avrebbe offerto il Divin Sacrificio, si spandono a piene mani fole diffamatorie contro di lui e i Medici (cfr. wikipedia, lo scemeggiato — con la m — Rai in cui si fanno pensare e parlare i protagonisti come gl’italiani scristianizzati, americanizzati e atei di oggi ecc.).

Così preti progressisti, dimentichi (anzi, traditori!) dei propri doveri sacerdotali, ultimo dei quali per loro è il Sacrosanctum Sacrificium Missae e Bergoglio, esaltatore di Lutero contro Papa Medici (Leone X) si acquietano la coscienza e possono seguitare nella loro riprovevole vita personale e di demolizione, dall’interno, della Santa Chiesa. M.G.R.

Per non dire dei falsi storici, eccone qui un assaggio:

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/10/19/I-Medici-Rai-1-anticipazioni-25-ottobre-2016-e-news-Albizzi-continuera-a-tramare-contro-Cosimo/728720/

I MEDICI, RAI 1, BUFERA SULLA SERIE TV: I FALSI STORICI CHE FANNO INFURIARE I FIORENTINI (VIDEO PROMO DELLA PROSSIMA PUNTATA) – Non sono mancate le polemiche all’indomani del debutto de “I Medici” su Raiuno. Ieri è stata trasmessa la prima puntata della serie tv che racconta l’ascesa al potere a Firenze della famiglia Medici e che si concentra sulla figura di Cosimo De Medici. Molti fiorentini hanno espresso il forte senso di appartenenza sui social network, dove però sono stati evidenziati anche dei veri e propri falsi storici. Li ha fatti notare Marco Ferri, che da anni si occupa di comunicazione per i Beni Culturali a Firenze: “Va in onda un panorama del fianco sud della Cattedrale di S. M. del Fiore e sullo sfondo la cupola di S. Lorenzo, realizzata quasi 200 anni dopo”, scrive il giornalista, che poi si concentra sull’ultima immagine della sigla de “I Medici”. Siamo al 1429 circa e la Cattedrale di Santa Maria del Fiore non ha ancora il Cupolone, “ma in basso a sinistra si vede l’Arno, il Ponte Vecchio e soprattutto il Corridoio Vasariano, costruito nel 1565”. Clicca qui per vedere il video promo.

         https://www.facebook.com/IMediciOfficial/videos/318087115224120/