L’aumento registrato tra gennaio e marzo rispetto a due anni fa. Siamo l’unico Paese che non respinge. L’ Italia è nel mirino. Ancora, sempre di più. I profughi scelgono le coste italiche. Barconi stracarichi di uomini, donne, minori che traghettano fino a qui.

Risultati immagini per profughiSicilia, Sardegna, Puglia. Una vera e propria invasione, costante, quotidiana, senza misura, intollerabile. Il nostro Paese come una gigantesca spiaggia libera, eletto come meta preferita. Estate, inverno, cambia poco: ormai ogni giorno è buono per mettersi in viaggio. E tentare. Qui si arriva e si trova accoglienza. Una certezza che ormai si è cristallizzata con gli interventi delle navi delle Ong. Una rotta che non è difficile sbagliare: quella giusta porta da noi. Non in Grecia dove, secondo Frontex, il numero dei profughisbarcati è diminuito del 90% dopo l’accordo tra Ue e Turchia, non la Spagna dove i potentissimi sistemi radar e respingimenti messi in atto già dal governo socialista di Zapatero fanno la differenza e hanno di fatto azzerato gli arrivi. In Italia invece no. Il nostro di fatto è rimasto l’unico Paese accoglie invece di respingere, che apre invece di chiudere. Una porta non aperta ma spalancata. E si vede, lo dicono i numeri.Sempre più impressionanti. Un aumento del 139,86% di sbarchi tra gennaio e marzo 2017, rispetto al 2015. Nel 2016 sono arrivate 181.436 persone, il 17% in più del 2015 e il 6% in più del 2014. Il picco è stato raggiunto in ottobre con 27.384 arrivi, un record anche rispetto a qualsiasi mese degli anni precedenti.


Gli sbarchi sulle coste italiane registrati dal ministero dell’Interno hanno confermato che l’Italia è la principale meta dei flussi migratori verso l’Europa. A preoccupare è sopratutto il numero dei minori stranieri non accompagnati. Molto facilmente si perdono le loro tracce: vengono risucchiati dalle città, avvicinati da mafie o dispersi nelle campagne. Negli ultimi anni il loro numero è raddoppiato: nel 2015 sono stai 12.360, nel 2016 25.846. Lo scorso 29 marzo la Camera ha approvato una legge che garantisce loro protezione, prevedendo una serie di misure volte alla loro tutela. Con il 2017 il flusso migratorio non sembra essersi frenato, tanto meno arrestato.

Nonostante le difficili condizioni meteorologiche e del mare, tra gennaio e marzo 2017 sono sbarcati 24.280 migranti, il 29,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Rispetto ai dati dello stesso arco di tempo di due anni fa l’aumento registrato è del 139,86%. Numeri da esodo biblico, che rendono ovviamente impossibile una gestione organizzata. Nonostante gli sforzi quotidiani delle forze dell’ordine, degli operatori, i numeri così assurdamente alti rendono difficilissimi sia tempestivi ricollocamenti dei richiedenti asilo sia i notevoli sforzi volti all’accoglienza. È proprio per far fronte a questa emergenza che è partito il piano Minniti-Orlando. Un decreto con l’obbiettivo di tentare di rimpatriare, il più rapidamente possibile i migranti irregolari.La Commissione Europea ha dichiarato di approvare questa scelta, anche se resta aperta sul tavolo la questione legata alla equa distribuzione intra-UE dei migranti. Le statistiche mostrano un forte squilibrio. Nel 2015, più del 70% dei richiedenti asilo vennero accolti in soli quattro Stati: Germania, Svezia, Ungheria e Italia. La maggior parte degli Stati non è stata toccata dalla «più grande crisi di rifugiati europea dalla seconda guerra mondiale», come l’ha definita l’Unhcr. Per questo l’UE ha istituito un programma di ricollocamento di 160mila richiedenti asilo entro il 2020. Programmi, principi di solidarietà, trattati di Lisbona a cui il piano si ispira. E il miraggio di rendere obbligatorie per tutti delle misure di emergenza.

Fonte: IL GIORNALE.it del 30 Aprile