Putin in chiesa (foto d'archivio)La società russa deve ricordarsi delle pagine luminose e tragiche della storia e percepire i fatti oggettivamente per comprendere appieno e far tesoro delle lezioni del passato, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin.

Oggi il presidente russo si è recato al monastero Sretensky in occasione dell’apertura della nuova chiesa della Resurrezione di Cristo e dei Nuovi Martiri e Confessori della Chiesa Ortodossa Russa.

“La cerimonia di consacrazione della nuova chiesa del monastero Sretensky è importante, un evento significativo non solo per i credenti ortodossi, ma anche per la nostra società nel suo complesso”, — ha detto Putin.

Il presidente russo ha sottolineato che la chiesa è simbolo di riconciliazione ed è dedicata in memoria di coloro che hanno sofferto per la loro fede durante la rivoluzione e durante gli anni delle purghe.

“E’ emblematico il fatto che la nuova chiesa viene aperta nel centenario delle rivoluzioni di febbraio e ottobre, diventate per molti l’inizio di grandi sofferenze e prove attraverso le quali è toccato passare al nostro Paese nel XX secolo. Dobbiamo ricordare le pagine luminose e tragiche della storia e imparare a comprendere tutto oggettivamente senza tralasciare nulla, in modo da comprendere appieno le lezioni fornite dal passato,” — ha detto il presidente.

La nuova cattedrale nel territorio del monastero Sretensky è stato costruita in 3 anni grazie alle donazioni in occasione del 100° anniversario dei tragici eventi rivoluzionari del 1917.