di Redazione

Stasera ringraziamo Dio per tutte le innumerevoli Grazie che ci ha donato nel corso dell’anno, chiedendo perdono dei nostri peccati:

Te Deum laudámus: * te Dóminum confitémur. 
Te ætérnum Patrem, * omnis terra venerátur. 

Tibi omnes ángeli, * 

tibi cæli et univérsæ potestátes: 

tibi chérubim et séraphim * 

incessábili voce proclamant: 


Sanctus, * Sanctus, * Sanctus * 

Dóminus Deus Sábaoth. 

Pleni sunt cæli et terra * maiestátis glóriæ tuae. 

Te gloriósus * Apostolórum chorus, 

te prophetárum * laudábilis númerus, 

te mártyrum candidátus * laudat exércitus. 

Te per orbem terrárum * 

sancta confitétur Ecclésia, 

Patrem * imménsæ maiestátis; 

venerándum tuum verum * et únicum Fílium; 

Sanctum quoque * Paráclitum Spíritum. 


Tu rex glóriæ, * Christe.
 

Tu Patris * sempitérnus es Filius. 

Tu, ad liberándum susceptúrus hóminem, * 

non horruísti Virginis úterum. 

Tu, devícto mortis acúleo, * 

aperuísti credéntibus regna cælórum. 

Tu ad déxteram Dei sedes, * in glória Patris. 

Iudex créderis * esse ventúrus. 

Te ergo, quæsumus, tuis fámulis súbveni, * 

quos pretióso sánguine redemísti. 

ætérna fac cum sanctis tuis * in glória numerári. 


Salvum fac pópulum tuum, Dómine, * 

et bénedic hereditáti tuæ. 

Et rege eos, * et extólle illos usque in ætérnum. 

Per síngulos dies * benedícimus te; 

et laudámus nomen tuum in sæculum, * 

et in sæculum sæculi. 

Dignáre, Dómine, die isto * 

sine peccáto nos custodíre. 

Miserére nostri, Dómine, * miserére nostri. 

Fiat misericórdia tua, Dómine, super nos, * 

quemádmodum sperávimus in te. 

In te, Dómine, sperávi: * 

non confúndar in ætérnum.

Il giornalista vicentino Marco Milioni, collaboratore di varie testate nazionali e locali, scrittore e blogger di tre siti: www.lasberla.net, www.taepile.net e http://marcomilioni.blogspot.it ha intervistato il nostro Responsabile Matteo Castagna per un bilancio di fine anno, col botto…

di Marco Milioni per il suo blog http://marcomilioni.blogspot.it/2017/12/cattolici-tradizionalisti-la-parola-al.html?m=1

https://4.bp.blogspot.com/-6_TDIIWaWoA/WkgTZcTY3TI/AAAAAAAAF-g/ZKrti1N6U6I1jBhohW7b40KOmyUZo4w8wCLcBGAs/w1200-h630-p-k-no-nu/teocastagna.jpg

Matteo Castagna è un volto molto noto nel capoluogo scaligero. Spiega di avere fortemente voluto, era il dicembre 2006, la fondazione del Circolo “Christus Rex” «per estendere per estendere la militanza cattolica fedele alla Tradizione da parte dei laici da una dimensione meramente veronese a tutto il Nord-Est. Sono passati dieci anni da quel momento e in casa del circolo, spiega ancora Castagna, è tempo di bilanci.

«Ne è passata di acqua sotto i ponti, sono state organizzate moltissime iniziative pubbliche di testimonianza della Fede cattolica di sempre, ci sono state delle evoluzioni, a partire dall’abbandono dei lefebvriani nel febbraio 2009 e dei successi insperati come ad esempio il contributo determinante dato per la liberazione della chiesa di San Pietro Martire, co-patrono di Verona, dai luterani».

Del suo circolo Castagna (in foto) dice: «siamo un piccolo gruppo a cui incredibilmente, viene riconosciuto pure dai nemici, riescono grandi cose. Il motivo è che lavora per la Maggior Gloria di Dio, in maniera completamente disinteressata e costante». Ma soprattutto – sottolinea ancora il fondatore – il gruppo «ha una capacità di rigenerarsi e di rialzarsi dalle cadute che stupisce anche me. Da noi non c’è posto per l’ipocrisia e per l’affarismo, come altrove, purtroppo. Cerchiamo chiarezza e ci sforziamo di darla, anche a costo di andare controcorrente.

Il Natale ricorda la nascita di Colui che cambiò il corso della storia, del Dio che si fa uomo» sottolinea nuovamente il responsabile che si dice pronto a rinnovare il suo impegno anche per l’anno a venire. Fulcro di questa attività sono la piattaforma web di Agerecontra.it e la sede in cui «operiamo come soci del Gruppo sportivi veterani veronesi» per la parte inerente le conferenze pubbliche e la formazione cattolica.
Matteo tu recentemente hai firmato un articolo molto duro nei confronti di papa Bergoglio, come mai?
«Sì, ho scritto quel commento perché Bergoglio è il momentaneo punto d’arrivo del nuovo corso iniziato al Concilio Vaticano II, svoltosi dal 1962 al 1965, che ha creato una nuova religione, una nuova Chiesa, una nuova liturgia».
Sarebbe a dire?
«Proprio Bergoglio infatti corre sulla scia del modernismo dei predecessori sino a Roncalli, con uno stile che spaventa perfino i suoi. Di più, i Sacri Palazzi sono occupati da oltre cinquant’anni da personaggi che vestono abiti cattolici, ma che cattolici non sono».
E perché mai?
«Costoro hanno manipolato il nostro credo di sempre trasformandolo in una ideologia ecumenista, mondialista, assai terrena, la quale non ha nulla a che vedere col Vangelo e che ha distrutto la Tradizione. E trasformato la gerarchia in una sorta di consiglio d’amministrazione col suo presidente e il suo presidente emerito».
Ma l’emerito è per caso un riferimento a Ratzinger?
«Mi pare evidente. Anzi, è sempre stato Ratzinger il deus ex machina di questo stravolgimento del cattolicesimo».
E voi di fronte a questa situazione come vi ponete?
«Noi constatiamo la vacanza della sede apostolica e l’evidente riduzione della dimensione visibile della Chiesa cattolica. Per questo rimaniamo dalla parte del piccolo gregge rimasto fedele, sparso e disperso nel mondo, in unione spirituale e filiale coi pochi vescovi e sacerdoti rimasti integralmente cattolici. Rimaniamo col nostro Presepe in cui Gesù è la Seconda Persona della Santissima Trinità e non un profugo. Maria è la Vergine Immacolata e Corredentrice. E Giuseppe, suo castissimo sposo, è il patrono della Chiesa fondata da Cristo su San Pietro, il quale non dialogava con gli eretici per legittimarli, bensì convertiva, predicando la Verità per la salvezza delle anime. E ancora Pietro pasceva le sue pecorelle, non si immolava per lo ius soli né baciava le mani ai rabbini».
Voi portate avanti da tempo una attività dottrinale ben conosciuta in città. É solo questo l’ambito della vostra presenza?
«Assolumente no. Ci occupiamo anche di sociale, soprattutto in sinergia con i Veterani veronesi coi quali tra l’altro quest’anno abbiamo collaborato alla stesura del bollettino relativo al 95esimo della fondazione dello stesso gruppo dei Veterani, presso la sede storica di Verona».
C’è solo il sociale quindi?
«No. In termini generali, tutti noi siamo per la restaurazione della Regalità Sociale di «Nostro Signore Gesù Cristo». A titolo personale, alcuni di noi si interessano alla politica. Il sottoscritto, ad esempio, è tra i sostenitori della nuova amministrazione comunale scaligera, più nel dettaglio ha supportato e supporta l’avvocato Andrea Bacciga eletto in consiglio comunale nella lista civica del sindaco Federico Sboarina. Assieme a Bacciga e diversi altri il 18 gennaio presenterò una conferenza dal titolo “Quando eravamo femmine…c’era la famiglia” che vedrà come ospite la scrittrice Costanza Miriano. Il tema sarà quello della famiglia naturale, in linea col Catechismo e con le direttive previste dal programma e ribadite in Consiglio comunale dalla nuova maggioranza di Palazzo Barbieri. Altri, fra i nostri, hanno optato e optano per scelte politiche differenti ma non contrastanti con lo spirito cattolico del gruppo. Tanto che si lavora sempre in armonia e amicizia. Infine ci sono anche coloro che non hanno alcun interesse per la politica ma si impegnano nella militanza cattolica o sociale di “Christus Rex”».
Matteo una tua immagine è apparsa durante una recente puntata di Piazza pulita su La7. In quel fotogramma eri ritratto assieme a padre Florian Abrahamowicz, noto al pubblico come prete lefebvriano legato ad alcuni gruppi di estrema destra e ad ambienti del Carroccio. Ma eri proprio tu?
«Sì ero io nel corso di una conferenza tenuta a Verona, ma nel 2012, quindi un tantino datata. Fino all’ottobre del 2014 il sacerdote in questione era il riferimento ecclesiale del circolo “Christus Rex”. Ma dopo il 23 gennaio 2015 la maggior parte del gruppo ha completamente tagliato i ponti ed ogni genere di frequentazione».

E perché mai?
«Possiamo dire che i motivi sono tanti e variegati».
Per esempio?
«Dopo attenta riflessione, ci pare una contraddizione dottrinale pubblica non da poco dichiararsi sia lefebvriani che sedevacantisti».
Puoi spiegare meglio?
«Senza nulla togliere ai meriti che dopo il Concilio ebbe monsignor Lefebvre quanto al mantenimento dei principi tradizionali e della Messa di sempre, ma lo stesso Lefebvre, salvo qualche sporadica dichiarazione, non giunse mai alla posizione sedevacantista, come la nostra o come quella dichiarata a Monaco nel 1982 da Mons. Thuc. La nostra posizione, perfettamente compatibile col diritto canonico del 1917 è quella secondo la quale l’attuale Soglio pontificio è vacante dal 1958, data della morte di Pio XII, in quanto i suoi successori aderirono ad eresie manifeste, poi espresse nel Concilio vaticano II, decadendo da ogni Autorità o non possedendola perché invalidamente ordinati. Don Floriano, quindi, sembra tirar per la tonaca monsignor Lefebvre verso una posizione pubblica sedevacantista che non ebbe mai, generando confusione».
E ci sono anche ragioni non strettamente dottrinali?
«Purtroppo sì. Ci siamo resi conto infatti di tutta una azione pastorale completamente fallimentare, di un sostanziale abbandono della cosiddetta cura delle anime per rincorrere chissà quali altri interessi di natura temporale, commerciale e personale. Il fuggi fuggi di molti, in questi anni, ne è la testimonianza. Così come è evidente che tra noi c’è una profonda differenza nell’intendere l’etica pubblica, su più argomenti».
Ti riferisci all’affaire Paese, ovvero ad una storia di presunti abusi edilizi che riguardano la sua sala di preghiera in provincia di Treviso?
«Anche se mi viene un pochino da ridere, ovviamente sì. Quella questione non può che lasciare perplessi se non addirittura inquieti. Siamo di fronte alla storia di una bifamiliare acquistata con una parte dei soldi di una eredità di un defunto zio calabrese ed intestata ad una persona che in quello stabile vive assieme a padre Abrahamowich. Quel convivente risulta per di più uno studente (privatista) di seminario dallo stesso Abrahamowicz. E ancora, la sala di preghiera risulta essere un ex pollaio riattato a luogo di culto aperto al pubblico non si sa bene con quali autorizzazioni comunali. Ma il 2014 ha segnato un altro evento traumatico».
Quale?
«Si tratta di una e-mail da me ricevuta proprio nel 2014 in data 24 ottobre alle 9 e 24».

Chi era il mittente?
«Don Floriano. In quella e-mail don Abrahamowicz mi chiedeva di intercedere presso una persona influente, che sapeva essere mia amica, al fine di “rallentare le manette” ad un politico calabrese, che già risultava pubblicamente, a livello nazionale (e il don lo sapeva) rinviato a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa. Inoltre, di fronte alle mie allarmate richieste di spiegazione, non ottenni da Don Floriano, nonostante molte sollecitazioni da parte mia, alcun genere di spiegazione né ci fu nei confronti del sottoscritto alcuna presa di distanza da eventuali collusioni con ambienti particolarmente torbidi. Prendo atto che col 2018 fanno quattro gli anni di totale omertà…da parte sua…».
E chi sarebbero queste persone?
«Mi spiace ma al momento non intendo rivelarne l’identità per evitare di contrastare eventuali indagini in corso da parte delle autorità preposte».

Ma come mai di questa vicenda parli solo ora?

«A dire il vero chi di dovere era già pienamente al corrente di tutto ciò».