Risultati immagini per tombe re latini basilica santo sepolcroSegnalazione del Centro Studi Federici

Terra Santa – Le tombe dei Re latini distrutte dagli scismatici greci
 
Le tombe dei Re latini nella Basilica del Santo Sepolcro
Il significato della basilica della Risurrezione per i crociati e per le istituzioni da loro introdotte in Oriente non richiede nuove conferme: tuttavia l’argomento merita sempre qualche “sosta”, soprattutto quando accade – come nel caso attuale – dì occuparsi di una traccia archeologica di cui ormai resta poco più di un ricordo, che però non merita l’oblio totale da parte del pellegrino.
Goffredo di Buglione, fondatore dello Stato crociato nel 1099, e i successivi re fino a Baldovino V vennero seppelliti nella basilica dell’Anastasi adibita anche a tale scopo fino al 1187, quando la riconquista islamica di Gerusalemme impose lo spostamento della capitale ad Acri, salvo alcuni periodi non sufficienti per ripristinare la consuetudine della sepoltura gerosolimitana; era ovvio che ospitasse quelle sepolture la stessa basilica del Santo Sepolcro nella quale i medesimi re erano stati incoronati, con l’eccezione di Baldovino I che nel 1100 aveva cinto il diadema regio a Betlemme in un periodo di contrasti con il patriarca della Città Santa. Goffredo di Buglione, anche con il suo rifiuto di essere proclamato re e la preferenza accordata al titolo di “avvocato del Santo Sepolcro”, aveva stabilito il vitale legame fra la nuova istituzione statale e la tomba del Redentore; del resto, la qualifica di “avvocato” della medesima rimase sostanzialmente invariata sotto i suoi successori, monarchi a tutti gli effetti.

Era prevedibile che anche il regno crociato si sarebbe munito di un santuario regio, come si stavano avviando a fare anche il regno d’Inghil¬terra con l’abbazia di Westminster e quello di Francia con Saint Denis, senza scordare il Sacro Romano Impero la cui ideologia ruotava intorno alla tomba di Carlo Magno in Aquisgrana; e quale sede migliore della chiesa della Risurrezione, centro del mondo e del messaggio universale di salvezza? Eccola infatti adibita a sede di celebra¬zione della monarchia crociata, dove erano custoditi i frammenti della Vera Croce – uno dei quali era portato in battaglia, più importante della bandiera del regno – e le corone della monarchia; e dove tanti crociati lasciavano, al momento di tornare in Occidente, i propri scudi appesi alle pareti a duratura testimonianza della loro lotta.
La sede delle otto tombe corrispon¬deva, per le prime due, allo spiazzo davanti alla cappella di Adamo (in sostanza, il piano terreno di quella del Calvario); altre due stavano tra questa prima coppia e la porta fatta murare da Saladino e chiusa ancora oggi, mentre le restanti quattro erano collocate leggermente all’interno, dietro la Pietra dell’Unzione nell’area del coro dei canonici. Tutte erano di marmo grigiastro, a giudicare dai pochissimi frammenti (trasferiti, dopo la scoperta, nel museo del patriarcato greco “ortodosso”, sempre a Gerusalemme) rimasti e dalle testimonianze di alcuni studiosi; infatti dobbiamo soprattutto ai padri francescani Francesco Quaresmi, Eleazaro Horn e Sabino De Sandoli la diligente annotazione della forma delle tombe e degli epitaffi incisi su alcune di esse, che citiamo non per celebrare guerre passate ma per far riemergere serenamente un ricordo calpestato dalla spietatezza degli uomini.
Le prime sepolture nelle quali ci si imbatteva erano quelle, affiancate. di Folco d’Angiò (1131-1143) e di suo suocero Baldovino II (1118-1131), accanto ai quali riposavano Goffredo di Buglione (avvocato del Santo Sepolcro dal 1099 al 1100) e suo fratello Baldovino I (1100-1118). Del secondo gruppo, quello parallelo alla Pietra dell’Unzione, facevano invece parte i sarcofagi di Baldovino III (1143-1162), Amalrico I (1162-1174) e Baldovino 1V (1174-1185), accanto al quale era appena rimasto lo spazio del suo nipote omonimo, morto giovanissimo, per il quale fu scolpita una vera e propria culla di pietra.
Le ricostruzioni erudite fanno attribuire al sarcofago di Goffredo e a quello del fratello una forma quasi a tempio classico, con le superfici laterali spioventi e quattro colonnine di supporto; di almeno alcune delle altre tombe si sa solo che dovevano avere una forma relativamente tozza, a parallelepipedo, migliorata solo da alcuni fregi. Non dovevano recare neppure epitaffi, anche se il progressivo prelevamento delle decorazioni impe¬disce di fare piena luce sul loro aspetto originario, ma certamente questa sobrietà non le mise al riparo dall’asportazione abusiva dei marmi nei secoli successivi.
La scritta incisa sul sarcofago di Goffredo recitava:
«QUI GIACE L’INCLITO DUCA GOFFREDO DI BUGLIONE, CHE ACQUISTÒ AL CULTO CRISTIANO TUTTA QUESTA TERRA; CHE LA SUA ANIMA REGNI CON CRISTO»;
sul versante opposto era stata tracciata anche un’altra versione, più ricca:
«QUI RIPOSA LO SPLENDIDO ASTRO DELLA GENTE FRANCA ALL’ASSALTO DEI LUOGHI SANTI DI SION [ossia Gerusalemme], IL DUCA GOFFREDO: TERRORE DELL’EGITTO, MOTIVO DI FUGA PER GLI ARABI, ORRORE DEI PERSIANI. PUR ESSENDO STATO ELETTO RE, NON VOLLE RECARE TALE TITOLO NÈ ESSERE INCORONATO, PREFERENDO ESSERE SERVITORE DI CRISTO. ERA SUA MISSIONE RENDERE A SION LA GIUSTIZIA CHE LE SPETTAVA E ONORARE DA CATTOLICO I SACRI DOGMI DEL GIUSTO E DELL’ONESTO, ELIMINARE QUALSIASI MOTIVO DI SCISMA E SOSTENERE LA LEGGE. COSÌ LUI, SPECCHIO DEL VALORE IN GUERRA, VIGORE DEL POPOLO E SOSTEGNO DEL CLERO, POTÉ RENDERSI DEGNO DELLA CORONA CON LE CREATURE CELESTI; E A COSTUI E’ ASSOCIATO IL FRATELLO BALDOVINO, PARI IN VIRTÙ, FIAMMA AGGUERRITA DAVANTI AI PAGANI».
A pochissimi metri, Baldovino I, al quale dunque era stata data un’anticipazione di gloria già sulla tomba del fratello, ricevette un’ulteriore gratifica sulla propria:
«RE BALDOVINO, NOVELLO GIUDA MACCABEO, SPERANZA DELLA PATRIA, VIGORE DELLA CHIESA E VIRTÙ DI ENTRAMBE; CHE DESTAVA IL TIMORE E RICEVEVA I TRIBUTI DI CEDAR [la Transgiordania], EGITTO, DAN [il Nord della regione] E DELL’OMICIDA DAMASCO; AH, DOLORE! STA CHIUSO IN QUESTA MINUSCOLA TOMBA».
Il contrasto fra la grandezza delle gesta e l’angusto spazio sepolcrale che alla fine costituisce l’unica conquista di ogni uomo nel mondo terreno fa parte da sempre della morale cristiana (e non solo), ma anche riguardo a Baldovino I è stato tramandato un secondo epitaffio, non meno tambureggiante di elogi: «
QUANDO QUESTO RE GIACQUE MORTO, IL PIO POPOLO DEI FRANCHI Dl CUI ERA STATO SCUDO, VIGORE E SUPPORTO, PIANSE; INFATTI FU UN’ARMA PER I SUOI E CAUSA DI TIMORE OSTILE PER I NEMICI, VALOROSO COMANDANTE PER LA PATRIA, SIMILE A GIOSUÈ. AI TEMIBILI NEMICI INDIGENI TOLSE ACRI, CESAREA, BEIRUT E ANCHE SIDONE, E POI AGGIUNSE AL DOMINIO E ALL’OBBLIGO DI OSSEQUIO LE TERRE DEGLI ARABI E QUELLE CHE TOCCANO IL MAR ROSSO, MA PRESE ANCHE TRIPOLI E COLPÌ ARSUF, OLTRE A STIPULARE PATTI ONOREVOLI. TENNE IL REGNO PER DICIOTTO ANNI, DOPO DIVENNE CIO CHE ERA, PERCHÉ ERA CIÒ CHE DIVENNE. SEDICI VOLTE FEBO AVEVA VISTO L’ASTRO DELL’ARIETE, QUANDO SI SPENSE IL NOBILE RE BALDOVINO».
Se non ci fosse un’assoluta spropor¬zione nell’estensione delle conquiste, questo encomio non sarebbe dispiaciuto ad Alessandro Magno: e in effetti. la conquista di città e regioni ha normalmente fatto parte dei pubblici elogi dei capi, dei quali solo alcuni dei più grandi – come nel caso di certi imperatori romani – hanno ricevuto il riconoscimento di essere tali anche nella stipula di tregue e paci.
Ma il sepolcro più struggente era quello di Baldovino V, il quale successe allo zio lebbroso Baldovino IV nel 1185 per morire appena un anno dopo a otto anni, senza probabilmente nemmeno rendersi conto delle lotte di fazione intorno al suo instabile trono, lotte che avrebbero portato alla sconfitta del 1187 e alla perdita di Gerusalemme. Il suo sarcofago, che nella prima metà del XVIII secolo padre Eleazaro Horn poté vedere ancora integro ma non senza i primi segni delle “attenzioni” dei greci che lo avrebbero progressivamente smantellato, resistette più a lungo forse per la propria bellezza, pur non sfug¬gendo nemmeno esso alla distruzione: come se il re di Gerusalemme morto nell’età più prematura avesse ricevuto dal destino un piccolo risarcimento, dormendo in una tomba sopravvissuta di qualche secolo a quelle vicine e in grado di celebrarne meglio il nome. E infatti, proprio di Baldovino V è l’ultimo epitaffio che ci è stato tramandato:
«CHIUSO IN QUESTA TOMBA STA IL SETTIMO RE, IL BIMBO BALDQVINO NATO DA STIRPE REGIA; CHE UN FATO PREMATURO TOLSE AL MONDO, AFFINCHÉ POSSIEDA LE REGIONI DEL PARADISO».
Tra i frammenti marmorei rimasti ce n’è uno che sembra risparmiato apposta per simboleggiare l’infelice destino del piccolo monarca, al quale era stato negato di eguagliare la grandezza degli antenati accanto ai quali riposava: un fregio raffigurante un aquilotto morto, con il collo reclinato e le zampette ormai inerti. Anche le parole incise sul sarcofago alludono al mancato esercizio del potere sovrano, come se l’ispiratore dell’epitaffio (la madre Sibilla, contessa di Giaffa e poi regina? Il patriarca latino Eraclio? Jocelin di Edessa, zio e tutore del piccolo re?), davanti all’impossibilità del bimbo di eguagliare le gesta dei predecessori, avesse fatto la scelta migliore: piangerne la scomparsa prematura, ma anche annunciarne il dominio eterno su ben altri e superiori regni. A dire il vero qualche cronista insinuò che proprio alla corte crociata e nella stessa famiglia reale qualcuno avesse deciso di avvelenare il bambino in modo da lasciare vacante il trono, ma questa è un’altra storia.
Secoli fa si ipotizzò che, avvi¬cinandosi tempi difficili, i resti dei sovrani fossero stati trasportati in Occidente, se non ad Acri; la sacralità del cadavere del re nel pensiero politico medievale (e non solo la pietà) avrebbe suggerito una soluzione del genere, ma le circostanze drammatiche nelle quali fu evacuata Gerusalemme al cospetto di un Saladino trionfante fa scartare la congettura. E non solo i resti scheletriti di quei sovrani, ma anche i loro sepolcri scomparvero quasi totalmente. Il modo in cui si sono conservati i frammenti della tomba di Baldovino V potrebbe simboleggiare le vicissitudini dell’intero gruppo di monumenti: dopo che Saladino, rioccupata la città e riavviate alcune forme di culto nella basilica, ebbe esibito un cavalleresco – o semplicemente umano – rispetto per le tombe, queste ultime non sfuggirono alla devastante incursione dei turchi kwarismini, che nel 1244 irruppero in Gerusalemme e, oltre a massacrare i cristiani, violarono i sepolcri effet¬tuando secondo svariate interpretazioni una prima dispersione delle spoglie dei re. Ma il disastro coinvolse più queste ultime che le tombe, le quali invece non scamparono ai “restauri” successivi all’incendio del 1808, affidati ai greci i quali superarono i turchi e i copti (secondo le accuse riportate da padre Horn) nella vendetta su quelli che apparivano i resti non solo di corpi umani ma anche del colonialismo crociato. (…)
L’occasione di infierire sulle tombe dei re crociati dovette dunque parere irripetibile ai restauratori greci “ortodossi”, come già era accaduto ai loro correligionari delle epoche passate, i quali avevano approfittato del brusco ridimensiona¬mento della presenza latina nella basilica e della fatica con la quale essa era stata faticosamente ripristinata, per completare l’opera dei Kwarismini.
Anche prima del 1808, infatti, i greci avevano prelevato dei pezzi delle tombe (descritte come assai deteriorate già da un pellegrino dei 1586, e qualche anno dopo padre Quaresmi rilevò ulteriori danni infiitti dai “vendicatori’), con il beneplacito degli occupanti turchi, e stavolta completarono l’opera incastonando gli ultimi frammenti delle varie tombe, soprattutto quella di Baldovino V (le urne superstiti erano state rimosse con la falsa promessa che sarebbero state ricollocate nella cappella di Adamo), nelle parti della basilica di loro pertinenza, dove rimasero fino ai restauri degli anni Quaranta e Settanta.
Costretti a fare le spese dell’avver¬sione per il mondo crociato ancora vari secoli dopo essere stati sepolti, i re di Gerusalemme ebbero dunque modo di riposare in pace, se non nelle proprie tombe, almeno con le proprie coscienze: aggrediti nel loro sonno da nemici che non avevano potuto sconfiggerli sul campo.
(Da La Terra Santa, Anno LXXX, Settembre – Ottobre 2004)