di Filippo Savarese

Ci possiamo (ancora) fidare della Disney?

Te lo chiedo perché stanno pensando di trasformare Elsa, la protagonista del cartone animato Frozen, in una paladina delle battaglie Gay. Nel 2019 uscirà al cinema il secondo film, e la Disney sta pensano di ‘trasformarla’ in una lesbica, dandole anche una fidanzata.

È quello che ha detto la sceneggiatrice del cartone, Jennifer Lee: “Stiamo affrontando il tema, ne stiamo parlando e siamo consapevoli di tutti gli aspetti. Sarà la stessa Elsa a dirmi dove condurla“.

Abbiamo creato questa petizione per chiedere alla Disney di non commettere un errore così grave, usando i suoi cartoni animati per fare propaganda politica e ideologica. Consegneremo le firme a Daniel Frigo, il Country Manager di Walt Disney in Italia (Milano).

Ti chiedo per favore di firmarla e diffonderla il più possibile ai tuoi contatti Facebook, Twitter, WhatsApp e via mail.

Grazie!

➡️ Firma subito la petizione, clicca qui

Lasciami essere chiaro.

La Disney ha realizzato e ancora realizza moltissimi capolavori. Io li ho visti praticamente tutti una marea di volte, sia quando ero piccolo sia, di nuovo, coi miei nipoti. Quei cartoni fanno parte del mio immaginario, della mia fantasia, dei mieiricordi. Di alcuni conosco a memoria le battute e soprattutto le colonne sonore.

Oggi però ho paura di questo enorme “potere”

Negli ultimi anni la Disney è cresciuta, ed è anche cambiata. Oggi è un colosso enorme, che continua a comprare altre televisioni, altri mezzi di comunicazione,entrando nelle case di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo. Fattura ogni anno 55 miliardi di dollari. Ha un’influenza pazzesca.

Per farti capire fin dove arriva ti dico solo che, recentemente, la Walt Disney Company ha comprato la Tv americana 21 Century Fox, e quindi ora controlla circa il 40% di Sky, che a sua volta controlla il 100% di Sky Italia.

➡️ Firma subito la petizione, clicca qui

Il suo pubblico preferito, ovviamente, sono i bambini.

I nostri figli e i nostri nipoti. Quello che realizzano, entra nella testa dei bambini, nelle loro emozioni, nei loro sentimenti. Abbiamo il dovere di chiederci, quindi, se la Walt Disney Pictures, questo enorme centro di potere, segue anche un progetto poltico e ideologico.

Abbiamo il dovere di capire se la Disney vuole cambiare le idee dei nostri bambini sulla famiglia, sul matrimonio, sull’amore… mica poco, no?

Qui non si tratta di “fare crociate”. Si tratta, semplicemente, di essere responsabili nei confronti dei bambini. Non possiamo metterli davanti a una scatola e lasciare anche assorbano qualsiasi cosa gli venga proposta. Non credi?

Quindi noi vogliamo sapere con esattezza se la Disney intende usare i suoi cartoni coi nostri figli e i nostri nipoti per diffondere la cultura LGBT.

Per poterlo sapere, ho bisogno che moltissimi cittadini siano informati, e la Disney prenda in considerazione la nostra richiesta. Ho bisogno che anche tu mi aiuti, firmando e diffondendo la petizione:

➡️ Firma subito la petizione, clicca qui

Grazie come sempre del tuo sostegno! Ti farò sapere gli sviluppi di questa delicatissima vicenda.

Un caro saluto,

Filippo Savarese

direttore delle campagne di CitizenGO Italia

PS: Per firmare subito la petizione e diffonderla a tutti i tuoi contatti, clicca qui. Grazie.

NON USATE FROZEN PER CONFONDERE I BAMBINI
Destinatario: The Walt Disney Company
La Disney starebbe pensando di trasformare Elsa – la protagonista del cartone animato Frozen – in una paladina del mondo Gay.
La regista che sta girando il secondo episodio, che uscirà al cinema nel 2019, ha detto che stanno considerando se renderla esplicitamente lesbica e se inserire nel cartone anche una suafidanzata.
Non vogliamo che la Disney usi i cartoni animati per fare propaganda politica e ideologica indottrinando milioni di bambini in tutto il mondo.
Con questa petizione chiediamo che non sia presa nemmeno in considerazionel’idea di inserire nel cartone una “fidanzata” per Elsa, ma semmai di lasciare che trovi anche lei, come da miglior tradizione, il suo Principe Azzurro
Lasciate in pace i bambini!