Archivio per la categoria Attualità

‘Fasci del lavoro’, a Mantova 9 indagati – Ultima Ora

http://www.ansa.it/webimages/img_700/2017/5/7/7126640759b40704e5004b62949f1a9b.jpg

La Procura di Mantova ha aperto un’ inchiesta sul Movimento dei fasci italiani del lavoro che ha già portato all’iscrizione nel registro degli indagati di nove persone. (ANSA)

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2017/07/25/fasci-del-lavoro-a-mantova-9-indagati_db61dff4-2d28-4e4c-b831-8f1f892e7393.html

 

Esodo dal Niger all’Italia: i militari francesi lasciano passare imigranti

Il “corridoio” che porta in Libia è presidiato dall’Armée. Che non muove un dito sono già passati 300mila clandestini pronti a imbarcarsi per l’Italia.

In Africa la Francia sta giocando la sua partita contro l’Italia. Da oltre due anni, come riferisce Repubblica, l’esodo dei migranti economici, che da tutta l’Africa muovono verso la Libia per imbarcarsi verso le coste italiane, passa dal Niger dove sono di stanza i militari francesi.

Che non muovono un dito per fermarli. E così, stando ai dati ufficiali dell’Organizzazione mondiale per le migrazioni (Iom), soltanto nel 2016 sono transitati 291mila clandestini.

Gli interessi della Francia sull’Africa sono molteplici. Oggi il presidente francese Emmanuel Macron incontrerà il capo del governo di unità nazionale della Libia, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Hafter.

Prosegui la lettura »

All’Italia i profughi, a Macron la Libia (e il petrolio)

Ma il peggio deve ancora venire. Dietro l’incontro di Parigi, di cui l’Italia era all’oscuro, si cela l’ennesimo tentativo di sottrarci petrolio e gas libici.

Per capire lo scenario vanno considerati tre elementi. Il primo è la riapertura a giugno del pozzo di Sharara gestito da Total francese, Repsol spagnola, Omv austriaca e Statoil norvegese, ovvero quattro concorrenti della nostra Eni. Il secondo è il ritorno – annunciato da Mustafa Sanalla, capo della National Oil Company e boss incontrastato del greggio libico – a una produzione di oltre un milione di barili di greggio al giorno.

Prosegui la lettura »

“Gli italiani sono ignoranti”. Così Boldrini vuole rieducarci

di Giuseppe De Lorenzo

Fonte: Il Giornale

Se non ve ne siete accorti, siete ignoranti. Sì, esatto: gli italiani sono asini. Soprattutto quando si parla di immigrazione. A metterlo nero su bianco è la Commissione Jo Cox della Camera dei deputati, un organismo voluto e presieduto daLaura Boldrini per studiare “l’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni dell’odio”.

Istituita il 10 maggio 2016, la Commissione “include un deputato per ogni gruppo politico, rappresentanti di organizzazioni sopranazionali, di istituti di ricerca e di associazioni nonché esperti”. Fin qui tutto normale. O quasi. Nel senso che la Commissione due giorni fa ha presentato la relazione finale dei suoi temutissimi lavori ed ha emesso la sua sentenza finale sul popolo populista: gli italiani hanno opinioni sbagliate, “stereotipi e false rappresentazioni”. E per questo vanno rieducati.

Prosegui la lettura »

Tutto un programma…

di Paolo Sensini

Fonte: Paolo Sensini

Risultati immagini per boschi e pisapia

Ecco il programma del PD in sette punti: 1) portare il prelievo fiscale e la tassazione a livelli record, che già ora si attestano oltre il 70%; 2) burocratizzare ogni aspetto della vita, anche i più semplici e immediati di ogni giorno; 3) riempire l’Italia all’inverosimile di finti profughi afro-asiatici e islamizzare la penisola con il plauso del Vaticano; 4) depenalizzare una grande quantità di reati rendendo in tal modo sempre più insicura e precaria l’esistenza dei cittadini; 5) imporre leggi coercitive sulla libertà di pensiero e d’espressione (psicoreato) e minacciare con la galera chiunque osi trasgredirvi; 6) ergersi a paldini e tuttori di minoranze rumorose a detrimento della maggioranza del Paese; 7) lasciare la cittadinanza al totale arbitrio di una “magistratura democratica” che si conferma ogni giorno incapace, arrogante, priva di senso di responsabilità e incompetente anche su questioni di elementare convivenza civile.

Orban: “Una nazione che non è capace di difendere i suoi confini nemmeno esiste, scomparirà” – Imola Oggi

http://www.imolaoggi.it/wp-content/uploads/2017/07/orban_confini.jpg

 

“Una nazione che non è capace di difendere i propri confini nemmeno esiste, scomparirà”. Viktor Orban “Una nazione che non è capace di difendere i propri confini nemmeno esiste, scomparirà”. Viktor Orban pic.twitter.com/UBrH3mLbqe — Umberto Molini (@molumbe) 21 luglio 2017

http://www.imolaoggi.it/2017/07/23/orban-una-nazione-che-non-e-capace-di-difendere-i-suoi-confini-nemmeno-esiste-scomparira/

 

 

Minacce di morte allo staff che ha in cura Charlie

LA SUBCULTURA DELLA MORTE

Migliaia di messaggi anonimi, minacce di morte e insulti. Online, ma anche per strada.

 È quello che devono subire da giorni i medici e gli infermieri del Great Hormond Street Hospital di Londra dove è ricoverato il piccolo Charlie Gard, il bimbo di 11 mesi affetto da una rara e grave malattia degenerativa e al centro di una diatriba giudiziaria tra sanitari e genitori.

Del caso è stata chiamata a indagare Scotland Yard, dopo che l’ospedale nelle ultime settimane, ha registrato “un’ondata di scioccante e vergognosa ostilità” e di “comportamenti inaccettabili” da parte della gente nei riguardi del personale. Come racconta il Guardian, Mary MacLeod, presidente dell’ospedale ammette che sul caso del bimbo “è comprensibile la compassione delle persone”, ma parla di vicenda inaccettabile: “Migliaia di messaggi anonimi sono stati inviati ai medici e infermieri il cui lavoro è quello di prendersi cura di bambini malati”, dice, “Si arriva alle minacce di morte. Le famiglie sono state molestate e hanno avuto disagi mentre facevano visita ai loro figli e abbiamo ricevuto denunce di comportamenti inaccettabili anche all’interno dell’ospedale stesso”. Domani intanto il caso Charlie sarà di nuovo al centro di un’udienza presso l’Alta Corte.

Fonte: http://m.ilgiornale.it/news/2017/07/23/minacce-di-morte-allo-staff-che-ha-in-cura-charlie/1423662/

GENERALE BERTOLINI: “DOBBIAMO RESPINGERE I MIGRANTI, NON ACCOGLIERLI! DIFENDERE LA NOSTRA PATRIA PER NON FARLA MORIRE…” – NO al razzismo verso gli italiani

 http://www.norazzismoversoitaliani.it/wp-content/uploads/2017/07/GENERALE.png

GENERALE BERTOLINI: “DOBBIAMO RESPINGERE I MIGRANTI, NON ACCOGLIERLI! DIFENDERE LA NOSTRA PATRIA PER NON FARLA MORIRE…” – NO al razzismo verso gli italiani

loading… “Migranti da bloccare e non da accogliere Oppure l’Italia muore” Il generale Marco Bertolini denuncia l’attività delle Ong: «Smettano

http://www.norazzismoversoitaliani.it/2017/07/23/generale-bertolini-dobbiamo-respingere-migranti-non-accoglierli-difendere-la-nostra-patria-non-farla-morire/

“Migranti” o “profughi”, comunque invasori

Abbiamo quattro certezze sul fenomeno epocale e senza precedenti dell’ingresso ininterrotto e incontrollato nel territorio nazionale di centinaia di migliaia di persone provenienti dall’Africa, dal Medio Oriente e dall’Asia.

La prima certezza è che sono prevalentemente giovani di sesso maschile di età compresa tra i 20 e i 30 anni. La seconda è che nella stragrande maggioranza sono originari di Paesi dove non sono in corso guerre. La terza è che sono quasi tutti musulmani. La quarta, acquisita grazie alle recenti ammissioni della Bonino, è che il governo Renzi nel 2014 ha voluto che gli sbarchi dalla costa libica avvengano tutti in Italia.

Gaetano Saffioti, imprenditore vuole rimuovere gratis macerie terremoto

http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2017/07/danni-terremoto-amatrice.jpg

Segnalazione di Antonio Amorosi

Terremoto: mentre gli altri ridono, un imprenditore si offre gratis per rimuovere le macerie. Ma le istituzioni non rispondono

Lo strano caso di Gaetano Saffioti. La risposta del sindaco di Amatrice: «Non pensavo fosse vero»

http://www.giornalettismo.com/archives/2623853/gaetano-saffioti-terremoto Prosegui la lettura »