Archivio per la categoria CHRISTUS REX – TRADITIO

Verona: “Pan è morto e noi l’abbiamo ucciso”, ma “Extra Ecclesiam nulla salus”!

15241992_1785302911687054_8042492421347008823_ndi Redazione 

In un sabato in cui Verona era teatro di big politici nazionali, congressi e fiere, manifestazioni e conferenze, mercatini di Natale e quant’altro, “Christus Rex” riuniva i suoi per una presentazione libraria aperta al pubblico (che ha riempito la sala) che doveva dare il “la” ad una discussione, seria ed argomentata, tra Cattolicesimo e neo-paganesimo. Il libro “Pan è morto e noi l’abbiamo ucciso – Civitas Dei e Civitas Diaboli” (Ed. Ritter) è a disposizione. Per ordini: christusrex@libero.it 

Il giovane autore ferrarese Riccardo Tennenini ha esposto le ragioni della crisi spirituale dell’Occidente, colpevolizzando la “modernità” intesa come percorso filosofico-culturale che ha abbandonato il sacro per rincorrere il “dio denaro”, attraverso la globalizzazione, il mondialismo e il progetto del Nuovo Ordine Mondiale. Alle sovversioni d’ordine politico, religioso, morale egli ha contrapposto l’ordine sociale organico, con una mirabile definizione dell’ orgoglio europeo, dalla Classicità al Sacro Romano Impero, fino all’inizio della crisi, nel periodo pre-industriale. Il tutto basandosi su presupposti neo-pagani ed una impostazione evoliana.

Matteo Castagna, nostro responsabile nazionale, ha invece improntato la sua esposizione concentrando il nocciolo del problema nell’ “uomo che si fa Dio” perpetuando il “non serviam” di Lucifero, a fronte del “Dio che si fa Uomo”, cioè Gesù Cristo, unica Via, Verità e Vita. Alla visione evoliana ha contrapposto la Dottrina Sociale della Chiesa, la Regalità Sociale di Cristo, i fasti della Civitas Christiana (quest’ultimi ampiamente riconosciuti da tutti). Nella ferma condanna di ogni forma di razzismo biologico, l’affermazione dell’identità e delle sovranità nazionali e monetarie, nel rigettare il mondialismo come sfruttamento di altri popoli, la riproposizione del modello coloniale. Nella condivisione del principio per cui “ad ogni terra il suo popolo e ad ogni popolo la sua terra” (condiviso), Castagna ha sottolineato la necessità della conversione e dell’universalità di essa, a prescindere da ogni razza. Prosegui la lettura »

VERONA: Sabato 26/11 ore 17.00 “Pan è morto e noi lo abbiamo ucciso – Civitas Dei e Civitas Diaboli” (Ed. Ritter)

SABATO IL NOSTRO CIRCOLO CHRISTUS REX-TRADITIO INVITA A UNA CONFERENZA-DIBATTITO TRA CATTOLICESIMO E NEO-PAGANESIMO. VUOI DIRE FINALMENTE LA TUA? VIENI:

img-20161108-wa0042

Prosegui la lettura »

Verona: “Mistocolvitto.it e “Christus Rex” presentano “Coop connection” con Antonio Amorosi

img-20161029-wa0054

Prosegui la lettura »

Verona, Christus Rex gestisce la “Casa della Tradizione”

 

re4

 

Sabato 1 Ottobre a Verona, Matteo Castagna ha inaugurato la “Casa della Tradizione” di fronte a 100 persone

Dopo un anno di lavoro in Via Galvani 31 con l’Associazione “Traditio”, il “Christus Rex” capitalizza quanto raccolto, anche in termini quantitativi. I suoi militanti e simpatizzanti sono divenuti Soci del “Gruppo Sportivi Veterani Veronesi”, che ha sede in Via Albere 43 a Verona e fruiscono degli spazi e delle possibilità fornite dallo Statuto dei Veterani: le due sale riunioni, la formazione e la cultura con la biblioteca al primo piano, le due sale conferenze a piano terra con uso cucina, doppi servizi e area bar, l’ampio giardino esterno ed il campo sportivo, il parcheggio interno.

 

20161001_172546-1Alle 17.15 il Responsabile Nazionale di Christus Rex Matteo Castagna presenta le attività, ringraziando la Provvidenza per aver ricevuto la Grazia di poter continuare la militanza come punto di riferimento per la Tradizione, a due mesi dalla chiusura di “Traditio”. La chiama, per esemplificare: “Casa della Tradizione”, aperta ai Soci che vorranno contribuire a restaurare l’Ordine divino e naturale, attraverso le numerose attività di formazione cattolica e meta-politica (continua per il terzo anno consecutivo la catechesi per adulti, ogni martedì alle 21.00) di preghiera, attraverso la diffusione della devozione al S. Rosario, la cultura e lo studio, la militanza pubblica per la Regalità Sociale di Nostro Signore Gesù Cristo, ma anche tramite le sport e la convivialità.  Il “Christus Rex” non fa alcuna attività di propaganda di partito. Prosegui la lettura »

VERONA: INAUGURAZIONE NUOVA SEDE “CHRISTUS REX-TRADITIO”

01-ottobre-01

È sempre nella storica “capitale” della Tradizione, cioè Verona, che dopo un anno di duro lavoro di MILITANZA e APOSTOLATO, si trasferisce il nostro Circolo Christus Rex, capitalizzando quanto fatto con “Traditio”. Ospiti illustri del mondo Cattolico, dell’associazionismo, del volontariato, del sociale, della cultura, della stampa, saranno presenti accanto ai militanti, ai sostenitori e simpatizzanti. Al termine, verra’ offerto un lauto rinfresco. La sede sarà benedetta martedì 4 Ottobre. La sala riunioni sarà dedicata a San Pietro Martire da Verona.

 

 

 

 

Prosegui la lettura »

CHRISTUS REX – TRADITIO

CR TRADITIO2

 

VERONA: IL CIRCOLO CHRISTUS REX – TRADITIO HA UFFICIALMENTE TRASLOCATO DA VIA GALVANI A VIA ALBERE N. 43, SEMPRE A VERONA. STASERA, PER IL TERZO ANNO CONSECUTIVO, PROSEGUONO LE ATTIVITA’ DI FORMAZIONE, CON UNA CONFERENZA SU: “LA CHIESA E LE CHIESE” (dalla Somma di Teologia Dogmatica di Giuseppe Casali) con relatore Matteo Castagna.

Prosegui la lettura »

Novità librarie: “Contro il nostro tempo” e “Il bavaglio europeista”

CR TRADITIO2

L’estate è tempo anche di vacanze e di riposo. Cosa c’è di meglio di un buon libro? I libri possono essere ordinati al medesimo prezzo anche presso “Christus Rex – Traditio” all’indirizzo: info.traditio@gmail.com

Segnalazione Edizioni di Ar

CONTRO IL NOSTRO TEMPO
De Rosa, Stefano
Settimo Sigillo, 2016
Con il renzismo si è divaricata la forbice tra Istituzioni e ragioni popolari, si è accentuata la distanza fra Governo e governati. Il cortocircuito politico, sociale e culturale provocato da anni di potere dilettantesco ha raggiunto vertici inquietanti. Le coscienze individuali sono state cloroformizzate dalle “armi di distrazione di massa”, gli slogan renziani – rottamazione, velocità, semplificazione – hanno obnubilato l’opinione pubblica. Fino al punto che l’erosione dello Stato sociale, passata attraverso la riforma delle pensioni e quella del diritto del lavoro, non ha provocato reazioni apprezzabili. Renzi ha sostituito alla dicotomia destra – sinistra un blocco di potere, che tutela i propri interessi con furbizia e improvvisazione. Dopo la Brexit, il referendum costituzionale d’ottobre darà al popolo italiano l’opportunità della Rexit.
Novità in libreria, 88 pagine, 10 €.

Prosegui la lettura »