Archivio per la categoria Attualità

Deficit, Salvini si sgancia: “Tetto al 3%? non esiste”. E candida il prof anti euro

Bagnai e Borghi in campo con la Lega. Salvini mette in chiaro: “Se fa danni, il tetto al 3% non esiste”. E sull’euro: “È un esperimento fallito”

di Sergio Rame

Deficit e euro. Matteo Salvini si sgancia dall’Unione europea.

“Il numerino 3, se danneggia il risparmio, le famiglie e il lavoro, per noi non esiste”, attacca criticando il limite del 3% del rapporto deficit/Pil imposto da Bruxelles. “I vincoli europei sono una gabbia, noi vogliamo aprirla e se ci riusciremo con l’accordo di tutti saremo felicissimi – continua in conferenza stampa a Montecitorio- se fossimo invece sotto ricatto, per noi verrà prima l’interesse nazionale”.

La strategia di Salvini è chiara sin dalla scelta dei candidati. Alle prossime politiche Alberto Bagnai sarà candidato con la Lega in diverse Regioni. Dal 2005 professore associato di Politica economica al dipartimento di Economia dell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara, dove insegna Politica economica e Economia e politica della globalizzazione, ha una netta posizione anti euro. Claudio Borghi, responsabile economico della Lega, è stato invece scelto dal leader del Carroccio “per sfidare il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan”, nel collegio di Siena. “Penso che quello di Siena sia un collegio che la sinistra dia già per acquistito, ma sarà conteso – ha spiegato Salvini – vogliamo offrire un futuro diverso rispetto ai drammi del passato”. La battaglia della Lega, insomma, è chiara. E non è mai cambiata. “Più Europa in questo momento significa allungare la fiaschetta di whisky a un alcolista”, continua assicurando che il partito “non nega alcuna possibilità per difendere il risparmio e il lavoro degli italiani” dal momento che “un Paese che non controlla la sua economia, la sua moneta, i suoi confini e le sue banche non è completamente libero. Sarà un percorso complicato, ma abbiamo alle spalle una squadra che è pronta”. Prosegui la lettura »

Basta col mito del curriculum: per fare bene in politica serve tutto meno che quello

Segnalazione Linkiesta

Image

Basta col mito del curriculum: per fare bene in politica serve tutto meno che quello

Pensare, come fanno Berlusconi e Di Maio, che avere un curriculum lavorativo sia essenziale per fare politici è una mistificazione. Sarebbe bene occuparsi meno dei Cv dei candidati e più della capacità dei partiti di scegliere le persone giuste. (di Flavia PerinaLEGGI)

Prosegui la lettura »

Israele, aumenta antisemitismo in Europa

 © ANSA

Segnalazione di F.F.

Al 78% in Gran Bretagna, 1 su 3 in Francia contro ebrei

(ANSAmed) – TEL AVIV, 21 GEN – Un aumento negli “incidenti razzisti” in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora – retto da Naftali Bennett – relativo al 2017 e ripreso oggi dai media.

CONTINUA SU:

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2018/01/21/israele-aumenta-antisemitismo-in-europa_6031efd2-3cb7-4719-a64d-417a84ce7fe7.html Prosegui la lettura »

“It’s the economy, stupid”. Il segreto del successo di Donald Trump che nonostante gaffe e idee assurde piace all’America

di Alberto Negri

“It’s the economy, stupid”. Il segreto del successo di Donald Trump che nonostante gaffe e idee assurde piace all’America

Fonte: Alberto Negri

A un anno dall’insediamento alla Casa Bianca, The Donald, “the very stable genius”, strafamoso per le gaffe e per le idee balzane, sta per arrivare da noi e diventano bollenti persino le nevi di Davos. Con il discorso di Donald Trump il 25 gennaio al World Economic Forum si preannuncia l’edizione più agitata del vertice negli ultimi anni. Agli europei, e non solo a loro, il presidente americano non piace eppure, mentre l’Europa è ancora l’unico continente a non essere uscito dalla crisi, l’economia degli Stati Uniti vola. Certo non è tutto merito di Trump ma in questo momento per lui vale lo slogan coniato per la campagna presidenziale di Bill Clinton nel 1992: “It’s the economy, stupid”. E l’economia Usa viaggia come non mai negli ultimi anni. Prosegui la lettura »

No, non è l’Isis!

di Miguel Martinez

No, non è l’Isis!

Fonte: kelebek

Non è l’Isis, è la Germania.

L’altro giorno le autorità (mica i profughi siriani) hanno abbattuto la cattedrale del paesino di Immerath, nella Renania.

Perché era sulla linea di espansione di questa miniera di lignite a cielo aperto: Prosegui la lettura »

Siria: Assad condanna l’offensiva turca

 © EPASegnalazione di F.F.

Presidente da Damasco, ‘Ankara sostiene i terroristi dell’Isis’

CONTINUA SU:

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2018/01/21/siria-assad-condanna-loffensiva-turca_69e1abb9-11a1-432d-a4ef-f788b80f2f41.html

Prosegui la lettura »

Costanza Miriano: “…in questo momento sembro risultare priva di pidocchi”

Ancora un articolo su Gayburg del 20/01/2018 e ancora discussione in città, dopo la conferenza di Costanza Miriano sul ruolo della donna e della famiglia nella società, organizzata giovedì scorso dal nostro Circolo Christus Rex a Verona. In risposta alla pubblicazione della foto sottostante da parte qualche lgbtqyz, la giornalista replica, con stile e tagliente ironia, sul suo profilo Facebook:

Prosegui la lettura »

Slogan choc: Dalla scimmia alla donna col mocio

Scritto e segnalato da Antonio Amorosi

Fiera Marca Gdo Bologna, slogan choc Dalla scimmia alla donna col mocio

Alla Fiera Marca di Bologna, l’evoluzione delle pulizie rappresentata con una scimmia che diventa donna col mocio in mano

Fiera Marca Gdo Bologna, slogan choc Dalla scimmia alla donna col mocio

Prosegui la lettura »

Il Tar vuole mettere il velo al codice civile, anche se…

Scritto e segnalato da Antonio Amorosi

Il Tar vuole mettere il velo al codice civile, anche se un giudice dice no

articolo di Antonio Amorosi e l’editoriale del direttore Maurizio Belpietro, in prima pagina e a pag. 2 in edicola oggi sul quotidiano La Verità 


Prosegui la lettura »

Sondaggi: Centrodestra fa il pieno al nord, al sud duello con M5s

Foto tratta dal sito di Ipsos © AnsaSegnalazione di A.M.

Dati Ipsos. Coalizione prima a 266 seggi, Pd a 154, M5s a 170, 27 a LeU

Il centrodestra fa il pieno al nord, al sud duello tra M5s e Berlusconi, i grillini avanti in Sicilia, Lazio e Liguria. Infine il Pd in vantaggio nelle roccaforti ‘rosse’ in Emilia e Toscana, ma male nelle Marche. E’ questa la geografia politica e la distribuzione dei 231 collegi uninominali secondo un sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera sulle intenzioni di voto, grazie a 50mila interviste realizzate tra il marzo 2017 e il gennaio 2018, esclusi Valle d’Aosta e Estero, con metodo misto (linee fisse, cellulari, web-Cati-Cami-Cawi.

Secondo questo studio, la Camera sarebbe così divisa: 266 seggi al centrodestra (131 nel maggioritario, oltre a 68 di Forza Italia, 51 alla Lega e 16 di Fratelli d’Italia); 170 ai grillini (con 53 collegi nel maggioritario e 117 nel proporzionale), 154 al centrosinistra (appena 47 guadagnati nei collegi e 107 nel proporzionale), infine 27 seggi a Liberi e Uguali.

CONTINUA SU:

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/01/19/sondaggi-centrodestra-fa-il-pieno-al-nord-al-sud-duello-con-m5s_73e93253-7706-4417-bb09-07610250009e.html Prosegui la lettura »