Archivio per la categoria Scienza e Bioetica

16 e 17 Febbraio a Verona si terrà uno dei più importanti eventi prolife d’Italia

di Toni Brandi

ProVita vuole impegnarsi ad iniziare il 2018 nei migliore dei modi, realizzando – grazie a tutti i nostri sostenitori – importanti campagne per la Vita e per la famiglia. Iniziamo…

– Il Comune di Roma si è rifiutato per ben due volte di pubblicare nostri manifesti contrari all’aborto. Non ci arrendiamo: ricorreremo al TAR contro il rifiuto dell’amministrazione e faremo girare per dieci giorni un camion con questo grande manifesto di sensibilizzazione sulle conseguenze dell’aborto anche sulla salute delle donne…

– molto presto inizierà l’attività nel nuovo ufficio di ProVita Onlus a Roma! Ci permetterà di lavorare per la causa in modo più efficace e di poter meglio monitorare e intervenire presso le Istituzioni più importanti.

– stiamo creando contenuti mediatici di qualità sul diritto alla vita dei bambini nel grambo materno. Vi terremo aggiornati 🙂 Prosegui la lettura »

Slogan choc: Dalla scimmia alla donna col mocio

Scritto e segnalato da Antonio Amorosi

Fiera Marca Gdo Bologna, slogan choc Dalla scimmia alla donna col mocio

Alla Fiera Marca di Bologna, l’evoluzione delle pulizie rappresentata con una scimmia che diventa donna col mocio in mano

Fiera Marca Gdo Bologna, slogan choc Dalla scimmia alla donna col mocio

Prosegui la lettura »

Trump alla marcia anti-aborto

 © EPASegnalazione di F.F.

Primo presidente in video-collegamento a evento da Casa Bianca

(ANSA) – WASHINGTON, 19 GEN – “Stiamo proteggendo la santità della vita e della famiglia al centro della nostra società”.

CONTINUA SU:

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2018/01/19/trump-a-marcia-anti-aborto_2c312461-415c-4089-883b-d30eae141840.html Prosegui la lettura »

Gay U.S. Olympian Will Refuse to Meet Vice President Mike Pence at 2018 Games in South Korea

Segnalazione di Breitbart

http://media.breitbart.com/media/2018/01/AP-Steven-Senne-1.png

The reportedly first openly gay U.S. Winter Olympian, American men’s figure skating champion Adam Rippon, has criticized the selection of Vice President Mike Pence as the leader of the U.S. Olympic delegation to the 2018 games in South Korea and said he will not meet with the veep.

TO BE CONTINUED:

http://www.breitbart.com/sports/2018/01/17/gay-u-s-olympian-rips-selection-vp-pence-lead-u-s-delegation-says-he-wont-meet-vp/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_term=daily&utm_content=links&utm_campaign=20180117 Prosegui la lettura »

Dittatura Lgbt in Andalusia per media e scuole cristiane

Tutto cade di fronte alla dittatura gender, persino la libertà di pensiero, d’opinione, d’espressione ed anche di coscienza: lo dimostra la decisione della Giunta di Andalusia, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, di imporre l’ideologia Lgbt a tutti i livelli ed in tutti i contesti.La «legge per garantire i diritti, la parità di trattamento e la non-discriminazione dei soggetti Lgbt e dei loro familiari in Andalusia» avrà valore ovunque, infatti, compresi i media e le scuole, anche cattoliche, costretti, se beneficiari di fondi pubblici, ad indottrinare a loro volta rispettivamente i lettori e gli alunni sulle questioni gender.

Non solo: la normativa riconosce ai «minori transessuali» il diritto a ricevere adeguato trattamento per il blocco ormonale all’inizio della pubertà o un trattamento ormonale incrociato per incoraggiare lo sviluppo corporeo.

Da record le sanzioni previste per le infrazioni, che possono raggiungere anche i 120 mila euro. Prosegui la lettura »

Leader abortista olandese, premiata dalla “Santa Sede” con la medaglia di San Gregorio Magno

di Marco Tosatti

Secondo notizie rimbalzate sui social media, e un video in cui la protagonista conferma il fatto, Lilianne Ploumen avrebbe ricevuto la medaglia di cavaliere dell’Ordine Pontificio di San Gregorio Magno.

La notizia è stata data ufficialmente prima da questo sito, il LepantoInstitute, e poi rilanciata su altre piattaforme. Lilianne Ploumen, già ministro olandese per il commercio e lo sviluppo alla cooperazione, è particolarmente attiva nella diffusione a livello mondiale dell’aborto, e dei diritti delle associazioni LGBT.  Nel video afferma che la medaglia “è un’alta distinzione dal Vaticano, dal Papa”. Un anno fa, dopo che Donald Trump aveva deciso di sospendere i fondi destinati alle organizzazioni che promuovono l’aborto all’estero, Ploumen ha creato una nuova ONG, chiamata “She decides” (Lei decide) raccogliendo oltre 300 milioni di dollari. Nell’ottobre in un articolo sul Financial Times aveva scritto che “la politica regressiva dell’America sull’aborto è una calamità per i diritti delle donne e delle ragazze che il resto del mondo deve contrastare”.

Ploumen è stata direttrice dei programmi di Cordaid, un’agenzia di aiuti cattolica olandese dal 2004 al 2007, che fu accusata di fornire fondi a Planned Parenthood, la multinazionale americana degli aborti, e fornire contraccettivi.

Nel settembre 2017 Ploumen faceva parte del gruppo centrale LGBTI delle Nazioni Unite. Nel febbraio 2010 aveva incitato attivisti LGBT a intervenire e interreompere una messa nella cattedrale di San Giovanni Battista, recando triangoli rosa e cartelli con la scritta “Gesù non esclude nessuno”. Era contraria all’insegnamento morale della Chiesa sull’omosessualità.

L’ordine equestre di San Gregorio fu stabilito nel settembre 1831, e viene conferito a persone per il loro servizio personale alla Santa Sede e alla Chesa cattolica romana, tramite uno sforzo inusuale, il loro appoggio alla Santa Sede e i loro eccellenti esempi offerti nelle loro comunità e Paesi.

Fonte: http://www.marcotosatti.com/2018/01/13/ploumen-leader-abortista-olandese-premiata-con-la-medaglia-di-san-gregorio-magno-dalla-santa-sede/ Prosegui la lettura »

Savona, medico di base propone la cura per guarire dall’omosessualità

Segnalazione di F.F.

di Margherita Conte

Un manifesto per pubblicizzare la cura per i gay ha fatto infuriare l’associazione a difesa degli omosessuali

L’omosessualità è una malattia e si può guarire, ovvero è possibile tornare eterosessuali.

È questa la teoria pubblicizzata da un medico di base di Savona.

Secondo quanto riporta il sito dell’Arcigay, un dottore di base di Savona, Fabio Vaccaro di 64 anni, ha affisso nel suo studio un manifesto per guarire l’omosessualità. L’iniziativa del medico ha scatenato l’ira dell’associazione a difesa dei gay. Il segretario nazionale, Gabriele Piazzoni, ha commentato: “Un fatto gravissimo, una violenza su cui è urgente intervenire”

In base al comunicato reso pubblico dall’Arcigay, il medico avrebbe paragonato l’omosessualità all’Alzheimer e al diabete. Piazzoni chiede quindi l’intervento dell’ordine dei medici “che sanzioni questa sciocchezza come tutte le altre notizie false che voglio generare allarme nella popolazione”. Non si tratta soltanto di offese -continua – come il medico con inaccettabile superficialità vuol fare intendere: si tratta di persone che tentano di convincere altre persone, clinicamente sane, di essere affette invece una patologia, per poi lucrare sulla fantomatica cura”.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/cronache/savona-medico-base-propone-cura-guarire-dallomosessualit-1482753.html Prosegui la lettura »

La “sedazione profonda”: forma mascherata di suicidio assistito?

del Prof. Roberto de Mattei

Marina Ripa di Meana, la provocatoria esponente del jet set italiano morta a Roma il 6 gennaio 2018, ha scelto per morire la sedazione palliativa profonda, manifestando le sue ultime volontà in un video-testamento: «Dopo Natale le mie condizioni di salute sono precipitate. Il respiro, la parola, il mangiare, alzarmi: tutto, ormai, mi è difficile, mi procura dolore insopportabile: il tumore ormai si è impossessato del mio corpo. Ma non della mia mente, della mia coscienza. Ho chiamato Maria Antonietta Farina Coscioni, persona di cui mi fido e stimo per la sua storia personale, per comunicarle che il momento della fine è davvero giunto. Le ho chiesto di parlarle, lei è venuta. Le ho manifestato l’idea del suicidio assistito in Svizzera. Lei mi ha detto che potevo percorrere la via italiana delle cure palliative con la sedazione profonda. Io che ho viaggiato con la mente e con il corpo per tutta la mia vita, non sapevo, non conoscevo questa via. Voglio lanciare questo messaggio per dire che anche a casa propria, o in ospedale, con un tumore, una persona deve sapere che può scegliere di tornare alla terra senza ulteriori e inutili sofferenze. Fallo sapere. Fatelo sapere».

La scelta della sedazione profonda è stata suggerita dunque a Marina Ripa di Meana da Maria Antonietta Coscioni, una parlamentare di sinistra, fondatrice dell’Istituto Luca Coscioni, che si batte da anni per l’eutanasia e il suicidio assistito. Tra le due forme di fine vita, ha affermato la stessa Coscioni, in un’intervista a la Repubblica, esiste «una discriminante precisa». Nella sedazione profonda «non si somministra un farmaco che porta alla morte in un tempo ben preciso, che nel suicidio assistito può essere cronometrato. Il tempo di sedazione profonda, invece, dipende dalle condizioni del malato, che passa le sue ultime ore in un sonno profondo». Prosegui la lettura »

“Queering the Bible”: il college americano insegna a “storpiare la Bibbia”

Segnalazione dell’Osservatorio gender

di Rodolfo de Mattei

“Queering the Bible” ovvero “storpiando la Bibbia”, questo è l’emblematico titolo di un corso al quale potranno iscriversi gli studenti di un prestigioso college privato statunitense di studi umanistici che si pone il dichiarato obiettivo di “destabilizzare gli assunti di di lunga data” sulla fede cristiana. In altre parole di smontare pezzo per pezzo l’insegnamento cristiano in fatto di sessualità a proprio uso e consumo.

Come si legge infatti sul sito del Swarthmore College, questo il nome dell’istituto universitario d’elité, nei dintorni di Filadelfia, fondato nel 1864 da un gruppo di quaccheri, il corso, previsto per il semestre autunnale del 2018, esaminerà le “letture queer e trans * di testi biblici“, introducendo gli studenti alla “complessità delle costruzioni di sesso, genere e identità attraverso uno delle più influenti opere letterarie prodotte nell’antichità“.

Gwynn Kessler

Il corso, tenuto da Gwynn Kessler, dottoressa di ricerca in studi rabbinici presso il Jewish Theological Seminary di New York, promette dunque ai suoi partecipanti di offrire una “innovativa” chiave di lettura dell’Antico Testamento in fatto di gender e sessualità: “Leggendo la Bibbia attraverso un approccio teoretico queer e trans*, la classe destabilizzerà gli assunti di lunga data riguardo a ciò che la Bibbia e la religione affermano su gender e sessualità”. Prosegui la lettura »

La normalizzazione gay va in onda in prima serata al game show di Gerry Scotti

Segnalazione di Osservatorio Gender

La normalizzazione LGBT va in onda in prima serata su Canale 5. Lo scorso 4 gennaio, protagonisti del popolare game show di Gerry Scotti The Wall, sono infatti stati Riccardo e Giuseppe, una coppia di uomini, uniti civilmente nel 2017 che, dopo aver rivelato la loro relazione, hanno ricevuto l’applauso di tutto lo studio, commentato così dal presentatore:

La normalizzazione #gay va in onda in prima serata al game show di #GerryScotti #osservatoriogender #genderdiktat

Twitta la notizia !

‘Ci fa piacere questo tributo che vi ha fatto il pubblico. Un grandissimo gesto di civiltà che ci fa piacere poter ospitare perché se no sembrava una discriminante, ma noi non ne abbiamo di nessun tipo. Ci fa molto piacere ospitarvi, siete belle ed eleganti’.

Prosegui la lettura »