I Khmer rossi, uno dei più tremendi regimi comunisti

KHMER ROSSI

Quando il comunismo ha scritto una delle pagine più tremende della storia. Esattamente quarant’anni fa i Khmer rossi presero il potere in Cambogia dando vita ad uno dei regimi più sanguinari della storia. Pol Pot e Nuon Chea sono i leader diventati famosi per la loro politica sanguinaria. Rimasti al comando per quattro anni, furono rovesciati dall’invasione vietnamita. Si calcola che circa un milione e settecentomila cambogiani abbiano perso la vita sotto il regime comunista per fame, torture e assassinii di massa.

Prosegui la lettura »

In Farmacia vendono placebo o medicinali

di Luciano Gallina

IN FARMACIA VENDONO PLACEBO O FARMACI

GALLINA 1

È risaputo che con il placebo si possono curare diversi problemi. Il piu’ noto dei disturbi curati con il placebo è l’insonnia. Provate a chiedere a qualche medico e/o infermiere che abbia lavorato nei vecchi manicomi oppure nelle attuali cliniche psichiatriche, quanti litri di fiale di acqua distillata hanno iniettato e iniettano tuttora al posto del Valium. Il risultato è eclatante TUTTI i pazienti dormono tutta la notte come dei ghiri. Potenza di una puntura.

È altresì risaputo che il placebo pur essendo in alcuni casi “miracoloso”, non può essere spacciato per farmaco.

GALLINA 2

Ora vi illustrerò il vademecum distribuito ora in diverse farmacie per i disturbi dello stress.

In esso si scrive che lo stress provoca diversi disturbi quando è troppo, tipo: dermatiti, herpes, ulcera, stitichezza, aritmie, ecc.

Prosegui la lettura »

Verona Pulita, lettera dell’Avv. Croce al Corriere

LETTERA AL CORRIERE

Corriere di Verona 17.04.15 Gentile Direttore, l’editoriale sull’Agec apparso ieri a firma di Davide Rossi esprime le preoccupazioni per il difficile, o troppo facile, rapporto tra la politica e la amministrazione degli enti da essa detenuti e diretti e i cui capi nominati. L’articolo è ampiamente condivisibile, le sue riflessioni attente e veritiere. È giusto immaginare gli enti come luoghi …

lettera al corriere

 

 

Prosegui la lettura »

Work of Human Hands Now in Print! Save $17 over Amazon!

Segnalazione di don Anthony Cekada

Work of Human Hands Available Again!

don CekandaThe “definitive traditionalist critique” of the New Mass

by Fr. Anthony Cekada          Only $24.95

Save $17 to $1174 over crazy Amazon prices!

Click for more info!

The second edition of Father Cekada’s internationally acclaimed systematic analysis of the new rite in light of history, liturgical tradition and Catholic theology is now in print!

Read it to find out why Fr. Cekada’s treatment of the Novus Ordo has been called “definitive,” “carefully argued,” “well-documented.”

AND… We’re very pleased to offer a public thanks to the many benefactors whose generosity made the printing of this second edition possible!

WHH is back! Spread the word to your traditionalist (or modernist!) friends!

Prosegui la lettura »

Mafia, pentito: “Alfano portato da Cosa Nostra”

alfano-675

Sono alcune delle dichiarazioni rilasciate alla corte d’assise di Palermo da Carmelo D’Amico, l’ex killer di Barcellona Pozzo di Gotto, oggi diventato l’ultimo super testimone dell’inchiesta sulla Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa Nostra. I magistrati lo considerano un collaboratore altamente credibile. Merito delle confidenze raccolte nei due anni trascorsi in carcere con Nino Rotolo, il boss di Pagliarelli fedelissimo di Bernardo Provenzano.

Prosegui la lettura »

Un coro di insulti per la Boldrini che vuole “cancellare” Mussolini

LADY OSCAR

Ma cosa vuole che le dica? È una cazzata”. Non va proprio giù a storici e critici d’arte l’idea del presidente della Camera Laura Boldrini di cancellare la scritta Mussolini dall’obelisco del Foro Italico.“Quella lì cosa si è messa in testa di essere? La regina d’Italia? Non merita neppure la mia opinione”, ha commentato duramente lo storico Arrigo Petacco raggiunto telefonicamente dal giornale.it.

Prosegui la lettura »

CARDINALE FASULLO DELLA FASULLA E SATANICA CHIESA CONCILIARE…

PASTORA PASTORE

GERMANIA: FASULLO CARDINALE CATTOLICO CONCELEBRA INSIEME CON “PASTORA” PROTESTANTE !!!!

La cerimonia è stata officiata dal falso cardinale Woelki e dalla presidente della Chiesa evangelica di Westfalia, Annette Kurschus.

In tutta la Germania la cerimonia è stata trasmessa dalla televisione pubblica e dalle emittenti private.

Alla celebrazione ha partecipato la cancelliera Angela Merkel, oltre a rappresentanti del governo francese e spagnolo.

http://www.gettyimages.co.uk/detail/news-photo/cardinal-rainer-maria-woelki-and-annette-kurschus-leader-of-news-photo/470046306

Prosegui la lettura »

Non chiamateli eroi. L’elenco delle ausiliarie uccise dai partigiani dopo che si erano arrese

 

AUSILIARIA

 

Amodio Rosa: 23 anni, assassinata nel luglio del 1947, mentre in bicicletta andava da Savona a Vado.
Antonucci Velia: due volte prelevata, due volte rilasciata a Vercelli, poi fucilata.
Audisio Margherita: Fucilata a Nichelino il 26 aprile 1945.
Baldi Irma: Assassinata a Schio il 7 luglio 1945.
Batacchi Marcella e Spitz Jolanda: 17 anni, di Firenze. Assegnate al Distretto militare di Cuneo altre 7 ausiliarie, il 30 aprile 1945, con tutto il Distretto di Cuneo, pochi ufficiali, 20 soldati e 9 ausiliarie, si mettono in movimento per raggiungere il Nord, secondo gli ordini ricevuti. La colonna è però costretta ad arrendersi nel Biellese ai partigiani del comunista Moranino. Interrogate, sette ausiliarie, ascoltando il suggerimento dei propri ufficiali, dichiarano di essere prostitute che hanno lasciato la casa di tolleranza di Cuneo per seguire i soldati. Ma Marcella e Jolanda non accettano e si dichiarano con fierezza ausiliarie della RSI. I partigiani tentano allora di violentarle, ma le due ragazze resistono con le unghie e con i denti. Costrette con la forza più brutale, vengono violentate numerose volte. In fin di vita chiedono un prete. Il prete viene chiamato ma gli è impedito di avvicinare le ragazze. Prima di cadere sotto il plotone di esecuzione, sfigurate dalle botte di quelle belve indegne di chiamarsi partigiani, mormorano: “Mamma” e “Gesù”. Quando furono esumate, presentavano il volto tumefatto e sfigurato, ma il corpo bianco e intatto. Erano state sepolte nella stessa fossa, l’una sopra l’altra. Era il 3 maggio 1945.
Bergonzi Irene: Assassinata a Milano il 29 aprile 1945.
Biamonti Angela: Assassinata il 15 maggio 1945 a Zinola (SV) assieme ai genitori e alla domestica.
Bianchi Annamaria: Assassinata a Pizzo di Cernobbio (CO) il 4 luglio 1945.
Bonatti Silvana: Assassinata a Genova il 29 aprile 1945.
Brazzoli Vincenza: Assassinata a Milano il 28 aprile 1945.
Bressanini Orsola: Madre di una giovane fascista caduta durante la guerra civile, assassinata a Milano il 10 maggio 1945.

Prosegui la lettura »

IL CERCHIO SI STRINGE AI CATTOLICI SENZA MARCHIO CONCILIARE

L’EDITORIALE DEL VENERDI

OMBRELA CON CIAVE

di Arai Daniele

Il Signore ha insegnato che l’ultima persecuzione sarà quella dell’inganno dei falsi cristi e dei falsi profeti. E naturalmente l’inganno sarà tanto più ampio e penetrante quanto più potente l’entità a promuoverlo. Se poi in questo senso c`è un’alleanza di poteri religiosi e civili, con tutto l’aspetto della legalità in corso, riconosciuta mondialmente, rimane ben poco spazio per individuare dove sono le falle demolitrici e difendersi.

Prosegui la lettura »

Venerdì della seconda settimana dopo Pasqua

La malafede di Gerusalemme.

Oggi rivolgiamo i nostri sguardi verso Gerusalemme che, quindici giorni fa, risuonava dell’orribile grido: «Tolle, tolle, crucifige eum! via, via, crocifiggilo ». È sempre emozionata dei grandi avvenimenti che si sono svolti tra le sue mura? dura ancora il frastuono suscitato da quella tomba trovata vuota? I nemici del Salvatore sono poi riusciti a tacitare il pubblico, mediante il loro stratagemma? Hanno fatto venire le guardie del Sepolcro, hanno dato loro del danaro per dire, a chi vorrà ascoltarle, che non hanno saputo mantenere la consegna, che si sono lasciati prendere dal sonno e che, durante quel tempo, i discepoli sono venuti furtivamente ed hanno prelevato il corpo del loro Maestro? Nel timore che questi soldati si preoccupino delle conseguenze che potrebbero derivare da una simile infrazione alla disciplina, hanno loro promesso di negoziare, presso i capi, la loro impunità (Mt. 28, 12).

Prosegui la lettura »