Nel 2014 disoccupazione record dal 1977. Crescono debito e pressione fiscale

Segnalazione Quelsi

CERCOLAVORO

by Vittorio Argese

L’Istat rileva che nel 2014 il tasso di disoccupazione è salito in Italia al 12,7% dal 12,1% del 2013. Il dato annuale è il massimo mai registrato dal 1977. Nel 2014, osserva l’Istituto di Statistica, è dunque continuata la crescita della disoccupazione, con un incremento di 167.000 unità (+5,5%), che ha interessato sia gli uomini che le donne e tutte le ripartizioni geografiche. L’incremento, è dovuto in quasi sette casi su dieci a quanti sono alla ricerca di prima occupazione. L’incidenza della disoccupazione di lunga durata (dodici mesi o più) sale dal 56,4% del 2013 al 60,7% del 2014. Rispetto alla media nazionale del 12,7%, il tasso di disoccupazione ha raggiunto nel Mezzogiorno il 20,7%. Per quanto riguarda invece l’occupazione, nella media del 2014, dopo due anni di calo, l’Istat registra una crescita dello 0,4% (pari a 88.000 unità in confronto all’anno precedente), a sintesi di un aumento nel Nord (+0,4%) e nel Centro (+1,8%) e di un nuovo calo nel Mezzogiorno (-0,8%, pari a -45.000 unità).

Prosegui la lettura »

L’ex boss Raffaele Cutolo: ‘Se parlo crolla il Parlamento’

CUTOLO

Parole terribili, che lasciano il segno e che, ancora una volta, confermano che i legami tra mafia e politica siano, in questo Paese, la norma.

Da Parma, dove è detenuto al 41 bis, l’ex boss della Camorra Raffaele Cutolo rilascia una scioccante dichiarazione a Repubblica: “I miei segreti fanno tremare tutti. Chi è al comando oggi è stato messo lì da chi veniva a pregarmi“.

Prosegui la lettura »

La Lega Nord mette Tosi im gabbia e con il “cane da guardia”

 

TOSI NON RIDE

 

http://mobile.corriere.it/m/informazionelocale/notizie/corrieredelveneto/notizie/politica/2015/2-marzo-2015/regionali-lega-vota-zaia-all-unanimita-tosi-con-estrema-destra-perdiamo-2301053358508/0?checkEnrichmentDate=1425363496997&op=TIM&pu=21c079a88a72bda624ead26a31395e8f

Prosegui la lettura »

Massoneria e ‘Ndrangheta

di Davide Consonni

MASSONERIA

1) PREMESSA

I motivi che ci portano a pubblicare tale scritto sono molteplici. Basti considerare che il web italiano [e a maggior ragione quello straniero] è privo di un resoconto più o meno dettagliato dei rapporti documentati intercorsi tra la setta massonica italiana e ‘ndrangheta calabrese, tale considerazione basterebbe di per sé a motivare la fatica dello scrivere queste pagine misere per tentare di colmare molto parzialmente, e per alcuni indegnamente, quel vuoto. Allargando la considerazione al fatto che perfino il variegato mondo dell’editoria italiana si è ben guardato dall’editare testi che trattano l’argomento sia in modo esclusivo che parziale, con ovvie eccezione più uniche che rare, tale scritto ci sembra essere maggiormente necessario. Come terza considerazione circa i motivi che ci hanno spinto a scrivere si può evidenziare la ritrita nonché nauseabonda e consueta retorica con cui i massimi esponenti del Grande Oriente d’Italia si ostinano a negare qualsiasi interconnessione, documentata da decine di inchieste, tra logge massoniche ed esponenti delle cosche calabresi.

Prosegui la lettura »

Regaliamo agli immigrati la pensione sociale E loro tornano in patria a vivere come nababb

immigrato

Per la legge bisogna avere la residenza stabile in Italia. Ma gli immigrati si mettono in tasca i soldi e se ne vanno. E l’Agenzia delle entrate non può neppure controllare se sono davvero poveri

Si godono la vecchiaia a casa loro, campando alle spese dello Stato italiano. Gli stranieri che ottengono l’assegno sociale e poi tornano nel proprio Paese sono sempre di più.

Sanno come aggirare le regole e come piegarle ai propri interessi. Accade anche con l’assegno sociale, una prestazione economica che viene concessa ai cittadini, italiani e stranieri, che si trovano in condizioni economiche particolarmente gravi. Il reddito annuo di chi lo richiede non deve superare 5.800 euro. Ottenerlo, soprattutto per gli stranieri, è abbastanza facile. Basta avere residenza stabile e abituale da dieci anni in un Comune italiano, essere titolari di un permesso di soggiorno di lungo periodo, non superare la soglia di reddito richiesta e, ovviamente, avere compiuto 65 anni. Solo in Lombardia, come ci assicura una fonte dell’Inps, sono circa 5mila gli stranieri che hanno richiesto questo tipo di assegno. Gran parte di questi, però, una volta intascato il malloppo, è tornata nel proprio Paese d’origine, dove ha potuto condurre – anzi, conduce tuttora – una vita da nababbo alle nostre spalle.

Prosegui la lettura »

Vicenza, retromarcia della Curia: immigrati in ambienti parrocchiali, non più nei luoghi di culto

di Redazione

SANTUARIO DI MONTE BERICO

Tutto era iniziato con le sparate di “mons.” Pizziol, occupante la Curia di Vicenza, che invitava ad aprire le chiese e il Santuario della Madonna di Monte Berico per l’accoglienza di immigrati.

Nel consueto clima di buonismo e mondialismo vaticano secondista, a parte rare eccezioni, tutti sembravano adeguarsi e a tutti pareva normale che le Case del Signore potessero cambiare la loro “destinazione d’uso” da luoghi sacri a una sorta di “bivacchi” per presunti profughi.

Prosegui la lettura »

CGIA: “15 mln di italiani hanno chiuso il conto in banca e usano solo contanti”

L’abbassamento del limite per i pagamenti contanti a 1.000€ (tra i più bassi in Europa), l’obbligo per i commercianti di dotarsi di POS per i pagamenti elettronici, i vari regali alle banche e gli incentivi sui pagamenti elettronici (“metti benzina senza commissioni” – “sconto del 10% ad alcuni distributori automatici per chi paga con la carta”) etc non sono serviti per indurre gli italiani ad abbandonare i contanti, e anzi, di contro è aumentato il numero di coloro che pagano solo “cash”! Questo indurrà le banche italiane ad abbassare le commissioni per pagamenti con carte di credito? Visto che paghiamo le commissioni più alte d’Europa? In ogni caso gli italiani vogliono pagare contanti, e se la sovranità popolare vale ancora qualcosa, Renzi e soci devono tenerne di conto!

Staff nocensura.com

EURO

15 MILIONI DI ITALIANI HANNO CHIUSO IL CONTO IN BANCA E USANO SOLO CONTANTI: +30,4% DAL 2008”

Cresce enormemente l’ammontare di banconote in circolazione in Italia. Nel 2014 la massa monetaria complessiva ha sfiorato i 164,5 miliardi di euro. Negli ultimi 7 anni di crisi, fa sapere la Cgia di Mestre, l’incremento percentuale e’ stato del 30,4 per cento, a fronte di una variazione dell’incidenza delle banconote sul Pil del +2,4 per cento.

Prosegui la lettura »

Psicologo condannato per aver sostenuto che un omosex può uscire dall’omosessualità

Segnalazione di Redazione BastaBugie

BASTA BUGIE

Eppure aveva solo risposto a una domanda di aiuto consigliando le teorie riparative (che funzionano!) Autore: Luciano Moia – Fonte: Avvenire LEGGI

>>> http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=3646

Fa lo psicologo da trent’anni. È specializzato in psicoterapia cognitivo comportamentale, ha conseguito sette perfezionamenti universitari e tre master, ha scritto anche saggi e insegnato la materia a cui ha dedicato la vita. Ma secondo il Consiglio dell’ordine degli psicologi della Lombardia ci sarebbero lacune nelle sue conoscenze scientifiche. Tanto gravi da fargli meritare una condanna a tre mesi di sospensione. Non appena l’atto sarà formalizzato non potrà lavorare e dovrà anche cancellare da tutti i siti la pubblicità del suo studio. Vittima del provvedimento è Paolo Zucconi, 64 anni, sposato, due figli, udinese d’origine ma con studio a Milano, zona Loreto.
La sua colpa? Il 19 luglio 2013, sul sito ‘guida psicologi.it’ ha osato rispondere a un visitatore che, non si sa quanto ingenuamente, aveva chiesto: «È possibile uscire dall’omosessualità?».
Zucconi articola la sua risposta citando i protocolli della terapia cognitivo-comportamentale, da tempo utilizzati con successo negli Stati Uniti ma anche in Europa, e spiega che «quando una persona avverta un evidente disagio nel suo comportamento sessuale», è possibile ricorrere a queste terapie. Apriti cielo.

Prosegui la lettura »

L’odio giudaico e maomettano contro Cristo

Segnalazione del Centro Studi Federici

Jesus-before-Caiaphas

In Siria e in Iraq i terroristi islamici proseguono indisturbati la mattanza di cristiani, mentre in Terra Santa i giudei hanno commesso l’ennesimo vandalico, con scritte sacrileghe, contro una comunità cristiana. Stranamente, gli assassini del cosiddetto califfato, che proclamano l’intenzione di conquistare Roma, per il momento di sono dimenticati della vicina Gerusalemme. Preghiamo la S. Vergine, Auxilium Christianorum, per la salvezza corporale e spirituale dei cristiani del Vicino Oriente e per la sconfitta dei loro nemici circoncisi.

Prosegui la lettura »

La Turchia di Erdogan sogna un nuovo Impero ottomano

Segnalazione Quelsi

ERDOGAN

by Mario Bocchio

La Turchia in Europa? Il solito tormentone. Ma proprio mentre ha l’Isis praticamente dietro alle spalle, Erdogan pensa ad un nuovo Impero ottomano attualizzato, in versione moderna. Tanto che la gente incomincia addirittura a chiamarlo “il Sultano”. Diversi candidati alle elezioni politiche di giugno per il partito islamico Akp appaiono già sui manifesti elettorali vestiti da sultani o visir, con tanto di baffi posticci a manubrio.

Prosegui la lettura »