Scandaloso Amato: Ecco come abbiamo distrutto l’Italia…

LETTA PRESENTA GOVERNO PD-PDL,TANTE DONNE E NIENTE BIGLe rivelazioni di Giuliano Amato, ex tesoriere socialista ai tempi di Bettino Craxi che “misteriosamente” non era al corrente dei loschi affari del segretario; Giuliano Amato, fedele amico dei poteri forti e uomo di fiducia di Napolitano, che recentemente lo ha nominato giudice costituzionale, raddoppiando il suo già lautissimo stipendio. Un politico “sempreverde” da piazzare nei ruoli strategici dove serve qualcuno che sia fedele e affidabile, pronto a mettere faccia e firma su qualsiasi provvedimento. Conosciuto per la sue mega pensione e per il prelievo forzoso che Amato effettuò, nottetempo, sui conti correnti degli italiani nel 1992

Staff nocensura.com 
– – – – –
Di seguito l’articolo de ilgiornale.it

Amato racconta la “grande schifezza”: ecco come abbiamo distrutto l’Italia – Ora Amato confessa: “Abbiamo usato la spesa pubblica per fini politici”.

di Andrea Indini 

Nel 2013 il pil italiano è sceso sotto i livelli del 2000, mentre il debito pubblico è volato al record storico. Stando all’ultimo report dell’Istat, che la settimana scorsa ha messo nero su bianco la situazione dei conti pubblici, lo stock del debito pubblico ha raggiunto il top dall’inizio delle serie storiche confrontabili nel 1990 volando al 132,6% del pil. 

Come si è arrivati a questa percentuale monstre che taglia le gambe agli italiani e mina la stabilità del Bepaese? Dal 1980 alla fine della Prima Repubblica il rapporto tra debito e pil è drammaticamente passato dal 60% a oltre il 100%. Un’escalation violenta che vede sul banco degli imputati la politica clientelare dei socialisti e, in particolar modo, le misure economiche di Giuliano Amato, l’alter ego di Bettino Craxi che, dopo aver razzolato i risparmi degli italiani varando notte tempo il prelievo forzoso del 6 per mille dai conti correnti bancari, oggi siede alla Corte costituzionale.

LEGGI TUTTO»»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *