L’india riconosce il “terzo genere sessuale” | L’Osservatorio sul Gender de LaNuovaBQ 3 milioni di Indu-Luxuria, che orrore!

 

Segnalazione di Maurizio-G. Ruggiero

 

TERZO SESSONel 2012 la National Legal Services Authority (Nalsa) appoggiata da  un movimento omosessualista guidato dal transessuale Laxmi Tripathi ha presentato una petizione popolare affinchè venisse riconosciuto legalmente l’esistenza di un terzo genere sessuale. Ieri, martedì 15, la Corte Suprema indiana ha accolto la petizione.

 

Nella sentenza si legge che “è diritto di ogni essere umano scegliere il proprio genere sessuale” e che “riconoscere ai transgender lo status di terzo genere sessuale non è una questione medica o sociale, ma ha a che fare coi diritti umani. Lo spirito della costituzione indiana è garantire uguali opportunità di crescita a tutti i cittadini, affinchè possano esprimere il loro potenziale, indipendentemente dalla casta di appartenenza, dalla religione o dal genere”. Oltre ad avere una dicitura speciale sui documenti ufficiali, i transessuali avranno bagni pubblici propri e corsie a loro riservate negli ospedali. Essendo poi ora considerati per legge come “gruppi sociali svantaggiati”, i transessuali ora avranno facilitazioni nell’ottenere posti di lavoro e trattamenti di favore nelle iscrizioni presso scuole e università. Il provvedimento potenzialmente riguarderà circa 3 milioni di persone.

http://www.ilpost.it/2014/04/16/india-terzo-genere-sessuale/

 

Fonte: http://gwnblog.lanuovabq.it/lindia-riconosce-il-terzo-genere-sessuale/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *