Elezioni Europee 2014: TUTTI AL MARE!

di Matteo Castagna

Il Parlamento Europeo è un organismo costosissimo con due sedi, a Strasburgo e Bruxelles, che conta meno di zero. E’ l’Unione Europea (che non viene eletta!) a comandare! Le votazioni di Bruxelles riguardano, ad esempio, il numero massimo dei fagiolini che debbono stare in un barattolo (e non è uno scherzo, è realtà), ma l’eletto gode di indennità molto alte, privilegi come l’immunità e ogni sorta di spese pagate (tra cui quelle mediche) tanto che il Parlamento europeo è chiamato “Paradiso dorato”, ove generalmente i partiti mandano in “esilio” i personaggi scomodi, le vecchie cariatidi o i trombati (secondo il principio del promoveatur ut amoveatur). I Parlamentari europei italiani percepiscono 144.084,36 euro netti all’anno.

Il Parlamento europeo ha tre funzioni principali:

  • discutere e approvare le normative europee insieme al Consiglio (che rappresenta i governi nazionali).
  • controllare le altre istituzioni dell’UE, in particolare la Commissione, per accertarsi che agiscano democraticamente. Compito, questo, che pare essere più sulla carta che reale.
  • discutere e adottare il bilancio dell’UE insieme al Consiglio. Che tradotto, significa applicare i dettami UE in materia di bilancio.

Il sito del Parlamento europeo ci dice che “in diversi settori, come la tutela dei consumatori e l’ambiente, il Parlamento collabora con il Consiglio (che rappresenta i governi nazionali) per discutere il contenuto delle norme dell’UE e adottarle ufficialmente. Tale processo è chiamato“procedura legislativa ordinaria” (ex “procedura di codecisione”).

Il trattato di Lisbona ha ampliato la gamma di politiche in cui viene applicata la nuova procedura legislativa ordinaria, dando così al Parlamento un maggiore potere di influenzare il contenuto delle norme in settori quali l’agricoltura, la politica energetica, l’immigrazione e i fondi dell’UE”. 

Tutti i partiti o politici italioti che ora si dichiarano euroscettici, anti-europeisti, contrari all’euro ed all’immigrazione di massa hanno votato il Trattato di Lisbona e gli altri trattati internazionali del sistema di mondialismo e globalizzazione. Sempre atlantisti, sempre proni ai poteri forti ed alle lobby, sempre camerieri dei banchieri. E’ per questo motivo che la Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, NcD fuso con l’ UdC non sono credibili o non vogliono veramente l’interesse del Paese, che dovrebbe uscire da questa Europa, rinegoziare i trattati internazionali con la Russia, uscendo dalla NATO.

Invece la propaganda di Centro, Centro-destra e Lega per intercettare il voto dei numerosi scontenti è una autentica truffa ai danni dell’elettore, che ha, pertanto, il dovere morale di reagire con l’unico strumento a sua disposizione, per dire che è stanco di essere preso per i fondelli: ASTENERSI dall’andare a votare, perché NESSUNO HA LE CARTE IN REGOLA PER RAPPRESENTARE DEGNAMENTE il nostro popolo.

Vogliamo finalmente dare un segnale FORTE di protesta e malcontento? Non possiamo certo farlo votando un clown a 5 Stelle né il partito delle tasse e dell’austerity che è il PD, né i comunisti di Tsipras per ovvi motivi. E allora creiamo un Movimento di pensiero di massa che attraverso l’astensione dimostri, in primis, che il nuovo Parlamento è delegittimato perché troppi non si sono sentiti rappresentati da nessuno e, poi, continuiamo la lotta, la testimonianza per la Regalità Sociale di N.S. Gesù Cristo. Chissà, in secundis, se qualche contingenza, tra cui l’acuirsi della crisi, spingerà verso un netto cambiamento di rotta.

 

Una Risposta

  • nessuno è contro l’europa, il fatto è che questa europa così non va. non è solo un problema di banche rapaci,ci sono banche di serie a, serie b e altre di serie c non semplifichiamo il problema pensando solo alle banche, il problema è la visione dell’europa che è postmodernista e contraddittoria, l’europa è un settore del potere globale che non è solo delle banche cattive perchè i cattivoni sono annidati in tante attività anche in quelle apparentemente buone, meritorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *