Segnalazione Quelsi

 

by Redazione

 

PROLETARIApprendiamo senza troppo stupore che nella giornata di ieri il sindaco di Udine Furio Honsell si è presentato alla feste organizzata dalla Rete Antifascista Antirazzista Friulana partecipando ad una conferenza che ha visto come protagonista la negazionista delle foibe Alessandra Kersevan. (vecchia conoscenza. All’Università di Verona alcuni ragazzi le impedirono di tenere la relazione, n.d.r.)

 

 

Questa discutibile mossa viene messa a segno dopo mesi difficili per il Sindaco, messo alle strette dalle forti proteste dei commercianti udinesi duramente colpiti dalla viabilità voluta dalla giunta targata PD, dalle contestazioni degli stessi comitati organizzatori dell’evento negazionista per la vendita di Amga ad Hera o per la costruzione del mega park in Piazza Primo Maggio.

È emblematico inoltre che la sinistra provi a nascondere le proprie contraddizioni e i propri insuccessi facendo la parte degli oppositori a “contratto” e riproponendo l’ormai inattuale liturgia dell’ antifascismo, portata avanti da una sinistra radicale evidentemente sempre più relegata al misero ruolo di bacino elettorale perfettamente integrato alle sinistre liberiste.

Vorremmo ricordare infine al sindaco di Udine che al pari di altre manifestazioni la giornata del ricordo fu istituita dalla legge 92 del 30 Marzo del 2004 e osservata a livello nazionale e che con la sua presenza è stato irrispettoso verso le famiglie degli esuli del suo capoluogo e dei molti concittadini che non condividono le posizioni di chi mistifica la verità.

Redazione | giugno 4, 2014 alle 7:55 am | Etichette: Alessandra KersevancasapoundfoibeFurio Honsell,udine | Categorie: ItaliaPolitica ed Economia | URL: http://wp.me/p3RTK9-4Kl