Mare nostrum: allarme per 10 militari contagiati da TBC!

 

Di Redazione

 

TUBERCOLOSILA DENUNCIA ARRIVA DAL COISP, Il SINDACATO DI POLIZIA. GLI ABITANTI DI POZZALLO, AUGUSTA, PORTO EMPEDOCLE, AGRIGENTO, TRAPANI E VIA CONTINUANDO CHE SONO VENUTI A CONTATTO CON I MIGRANTI SONO STATE VISITATI? O DOBBIAMO ASPETTARE LA FASE ATTIVA E CONTAGIOSA DELLA TBC? IL GOVERNATORE CROCETTA E L’ASSESSORE BORSELLINO HANNO QUALCOSA DA DIRE?

 

“Dati fisiologici? Dieci militari positivi alla Tbc un dato fisiologico considerati i grandi, giganteschi numeri dei migranti con cui hanno a che fare? Lo si vada a raccontare a ciascuno di quegli operatori, lo si vada a raccontare alle loro famiglie, ai loro figli. Dati fisiologici un accidenti. Forse per qualcuno questi uomini sono solo numeri, ma questo non fa che confermare che è l’indifferenza a dominare incontrastata la disastrosa gestione di un’emergenza che, lungi dall’aver trovato una qualche soluzione accettabile, non fa che peggiorare di giorno in giorno”.

E’ questa l’infuriata reazione di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, alla notizia che una decina i militari impegnati nelle operazioni Mare Nostrum sono risultati positivi al test di Mantoux, la prova di screening che individua la presenza di una infezione latente del micobatterio della tubercolosi.

LEGGI TUTTO»»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *