Riflessioni sull’immigrazione, oltre il “razzismo” e il “buonismo” dei partiti

 

A cura di  Alessandro Raffa di Nocensura.com

PROFUGHISe la Vostra famiglia vivesse una situazione di profonda indigenza cosa fareste? Rimarreste nel Vostro paese o cerchereste fortuna altrove? Vi fermereste dinnanzi alla mancanza del permesso di soggiorno, o sareste disposti a tutto?

Che l’immigrazione di massa stia provocando problemi, specie in un momento in cui non hanno lavoro molti italiani e molti migranti già presenti in Italia, è INNEGABILE; e con questo post non vogliamo “promuovere” l’immigrazione come fanno le sinistre; ma umanamente dobbiamo considerare questo aspetto. 

 

 

Il centrodestra, ed in particolare la Lega Nord, ha preso voti cavalcando i problemi di immigrazione, ma QUANDO HA GOVERNATO NON HA FATTO NIENTE DI SOSTANZIALE per risolvere la situazione… non hanno modificato le leggi che regolano l’assegnazione delle case popolari e dei sussidi, pur cavalcando queste questioni da sempre. Politiche che hanno solo alimentato tensioni sociali.

Sia da parte della sinistra che della destra, assistiamo a prese di posizione sbagliate, in una direzione o nell’altra. Sbaglia chi vorrebbe aprire le frontiere al mondo, ma sbaglia anche chi si dimentica che parliamo di esseri UMANI.

Quando il governo di centrodestra varò i tanto decantati “respingimenti”, una trovata elettorale fatta a pochi mesi dalle elezioni 2009, è vero che gli sbarchi cessarono, ma quello che omisero di rilevare è come gli ingressi dai confini terrestri decuplicarono; così come ci fu un forte aumento degli ingressi “regolari” con visto turistico di persone che alla scadenza dello stesso rimasero in Italia.

Molti blog fanno propaganda anti-immigrazione con toni esasperati, sensazionalistici e spesso anche MENZOGNERI, ma da parte loro non leggiamo MAI riflessioni sul fatto che QUESTO è DOVUTO ALLA POVERTA’ GENERATA DA QUEGLI STESSI POTERI FORTI CHE STANNO SACCHEGGIANDO E METTENDO IN GINOCCHIO IL NOSTRO PAESE (qualcuno crede che per gli schiavisti, per i “colonizzatori” e per i guerrafondai la vita di un italiano, di un francese o di uno spagnolo valga più di quella di un iracheno, afgano, o nordafricano?!? Pensano solo ai propri interessi, e sono disposti a coltivarli sulla pelle di chiunque)

ANZICHE’ PRENDERVELA CON I DISPERATI CHE VENGONO IN ITALIA/EUROPA CON IL MIRAGGIO DI UNA VITA MIGLIORE, PRENDIAMOCELA CON GLI AFFAMATORI: I GRANDI GRUPPI BANCARI CHE SPECULANO PERSINO SULLE DERRATE ALIMENTARI: speculano sulle CARESTIE, sui prezzi del grano e dei cereali: e per chi “vive” con 1$ al giorno, anche un piccolo aumento significa non avere accesso al CIBO… AL CIBO!!! MA CI PENSATE? VE NE RENDETE CONTO QUANDO SPARATE A ZERO SUI DISPERATI?

Una banca che si è resa protagonista di PORCATE DISUMANE è la GOLDMAN SACHS, della quale sono stati “consiglieri” Mario Monti, Romano Prodi e altri politicanti che hanno guidato il paese. (Non solo GS specula sulla fame: ma tutte le “big banks” americane che controllano le multinazionali)
 
Leggi: “GOLDMAN SACHS E LE SPECULAZIONI SULLE CARESTIE…”

MA DA PARTE DEL PARTITO DEMOCRATICO, che candida la signora Kyenge e predica solidarietà, così come da SEL, NON ABBIAMO MAI SENTITO UNA PAROLA CONTRO TALE BANCA; ANZI, SI VANTANO CHE “GOLDMAN SACHS VOTA PER IL PD”, lo hanno scritto a chiare lettere sul loro sito ufficiale.

Per non parlare di MONSANTO, che sta mettendo le catene ai piedi e ai polsi degli agricoltori di tutto il mondo, PROVOCANDO QUALCOSA COME 250.000 SUICIDI DI AGRICOLTORI NEL MONDO (dato di un paio d’anni fa… sicuramente oggi sono di più)

Infine, merita mensione il BUSINESS DELL’ACCOGLIENZA, gestito per lo più dalle “Cooperative di partito”, un AFFARE MILIONARIO di cui ha parlato persino Repubblica… 

DOVREMMO AIUTARE LE NAZIONI POVERE a risollevarsi, ma la loro povertà fa comodo ai potenti, che si assicurano manovalanza a bassissimo costo e senza diritti, inoltre i soldi destinati agli aiuti al terzo mondo spesso sono finiti nei conti correnti svizzeri dei vari dittatori amici degli USA … 

LA SOLUZIONE DOVREBBE ESSERE AIUTARE questi popoli direttamente nei loro paesi; ma gli accordi internazionali per destinare al contrasto della fame una percentuale del PIL delle nazioni ricche sono stati sempre, puntualmente, disattesi…

MEDITATE ITALIANI… E SOPRATUTTO, RESTIAMO UMANI 

Mi piacerebbe leggere queste considerazioni sulla bacheca del signor Salvini e degli altri leghisti, ma anche sulla bacheca della Boldrini e della Kyenge…

Mi piacerebbe vedere questo post sulla bacheca di tutti i miei contatti a cui spesso vedo condividere contenuti anti-immigrazione…

 
Alessandro Raffa di Nocensura.com

3 Risposte

  • Francamente, alla domanda d’apertura dell’articolista risponderei: nei limiti del possibile, resterei nel mio paese per cercare di ricostruirlo senza abbandonarlo.
    Purtroppo la gestione del problema tende a far arricchire speculatori disonesti e avanzi di galera.
    Che ci siano moltissime tragedie umane (le morti, innanzitutto) nel vistoso dramma dell’immigrazione è certo, ma bisogna saper distinguere l’enorme massa di potenziali delinquenti da chi fugge da fame e carri armati. Non c’è un’equivalenza diretta.
    Quindi, individuare gli speculatori ma nessuna pietà per i delinquenti che già sui barconi mettono in pericolo la vita di bimbi innocenti nelle pance della madri, in Italia e nel resto d’Europa delinquono e arrecano disordine sociale a livello insopportabile eppure sono fatti oggetto di ogni attenzione istituzionale, politica e sociale, a fondo perduto e con i soldi del contribuente. Chi ha dato a molti degli occupanti delle cdd. carrette del mare i 7000 euro per pagare gli scafisti? Io non li avrei, anche se in teoria dovrei stare molto meglio di loro. No a razzismi semplicistici ma assolutamente no a buonismi assolutori: La massoneria e la finanza internazionale sono i responsabili di questa situazione, ciò non toglie che una fetta enorme degli “immigrati” si stia rendendo responsabile di crimini che nulla potrebbe mai giustificare, eppure godono di privilegi che a noi non sono concessi, ad iniziare dalla casa: perché non andate a Brescia a dare un’occhiata al quartiere ‘nero’? Poi ne riparliamo.
    Quanto all’aiutarli a casa loro, è l’unica soluzione umanitaria e non suicida al tempo stesso.

  • Aggiungo che a nessuno che entra in un paese ospite dovrebbe essere concesso di rifiutarsi di lavarsi o di lamentarsi del minestrone. E finiamola qui con gli esempi. Chi vive sulle strade sa bene che non si tratta di casi isolati. C’è gente che si spacca la schiena per mantenere la famiglia, mentre le città son piene di persone che esibiscono fogli con scitto a PC “Ho fame” e che però rifiutano il cibo se glielo offri perché vogliono soldi in contanti, tanto hanno già mangiato altrove. Per favore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *