Di redazione

 

ISRALE E SOLDISarà Israele la prima società senza contanti del pianeta? Una commissione presiedutadal Capo del personale del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha messo a punto un piano in tre fasi per “fare tutto quello che serve per farla finita con leoperazioni di cassa in Israele”

Almeno all’inizio dovrebbe essere consentito a persone e imprese di continuare a farequalche operazione in contanti per piccole quantità di denaro, ma l’obiettivo finale è quello di costringere i cittadini israeliani far girare il denaro, per quanto possibile, utilizzando forme di pagamento elettroniche.

 

 

 

Infatti, sembra che lo stato israeliano creda che il “cash sia il male”  perché alimenta l’economia sommersa e consente alla gente di evadere le tasse.  Si spera che vietando di condurre la maggior parte delle transazioni in contanti, si riduca il crimine e si aiuti il budget nazionale.  E quando per il  98 – 99 % delle transazioni non serviranno più i soldi in contanti, non sarà difficile per il governo israeliano (o per qualunque altro governo) dormire sogni tranquilli e bandire del tutto l’uso del denaro.  Ma una società cashless – senza denaro che passa di mano in mano – è quella che ci piacerebbe? Questa è la domanda che deve cominciare a porsi la gente in tutto il mondo, visto che i governi continuano a restringere l’uso dei contanti.
A settembre, fu annunciato che il governo di Israele aveva formato un comitato per  “studiare il modo per eliminare i contanti dall’economia israeliana”  …

Martedì il governo ha autorizzato l’istituzione di una commissione che esaminerà i modi per eliminare ildenaro dall’economia israeliana – il modo migliore per impedire ai cittadini di barare con le tasse. Il comitato sarà presieduto da Harel Locker, direttore dell’Ufficio del Primo Ministro.

LEGGI TUTTO»»