Ancora abusi in asilo: cosa aspettano a intervenire?

 

Scoperto un nuovo caso – l’ennesimo – di maltrattamenti di asilo

 

A cura di Staff nocensura.com

 

BIMBO IMPAURITO2Taranto: maltrattamenti in un asilo , interdizione per due maestre

La Polizia di Stato di Taranto ha eseguito questa mattina una misura cautelare interdittiva nei confronti di due maestre che saranno sospese dalla funzione dell’esercizio pubblico, perche’ resesi responsabili di ripetuti maltrattamenti nei confronti di bambini di eta’ compresa tra tre e cinque anni in un asilo di Taranto. L’indagine della locale Squadra Mobile, avviata alla fine dello scorso anno scolastico a seguito di segnalazioni da parte di alcuni genitori che avevano notato il cambio di umore dei figli, ha permesso di documentare le percosse e il linguaggio offensivo e mortificante nei confronti dei bambini da parte delle due insegnanti, una delle quali insegnante di sostegno di un alunno disabile.

Fonte:  ladiscussione.com

E’ incredibile quanto sia esteso questo fenomeno, e nonostante siano emersi diversi casi pare che non ci sia stato un effetto “deterrente”.
Come per tutti i reati, per 1 che ne emerge 100 ne passano inosservati: c’è da presumere che nel paese ci siano ALTRE CENTINAIA di “asili-lager”, ma anche ospizi e comunità per disabili.

Io credo che sia necessario installare sistemi di videosorveglianza, che oltretutto ormai hanno un costo relativamente basso. Telecamere che trasmettono in diretta le immagini alle centrali operative delle forze di polizia del territorio competente; gli agenti che presidiano la caserma, che fanno “portierato” guardano i video e cambiando canale fanno “zapping” tra le telecamere dei vari asili/istituti della zona, e anche se fossero poco visionate che avrebbe un effetto deterrente; inoltre le immagini potrebbero essere registrate in una sorta di “scatola nera”, una “cassafortina” inviolabile, le cui chiavi sono custodite dalle prefetture.
LEGGI TUTTO»»

Una Risposta

  • riprendo dal sito:”
    E’ INACCETTABILE e ASSURDO che chi commette reati gravi, anche di natura VIOLENTA riesca a cavarsela, mentre finisce in gabbia un ragazzino colto in fragranza di reato mentre vende 1 grammo di marijuana ad un amico!

    Leggi ASSURDE che fanno si che su 64.000 detenuti 26.000 siano in carcere per reati legati alle sostanze stupefacenti; la media decisamente più alta d’Europa…”

    Questo sito,che da’informazioni interessanti, pecca di partigianeria evidente.
    Riguardo alla violenza di cui si parla negli asili, l’autore dimentica, o non sa, che i bambini italiani sono i+ viziati d’Europa, nonche’ i piu’ maleducati ! Da qui al fatto che ogni tanto (fosse spesso sarebbe meglio)qualche maestra molli un ceffone o intimidisca le piccole pesti, basta poco. Ma cio’ basta a gridare allo scandalo ed alla violenza le adorate mammine italiote che si vezzeggiano e coccolano i loro piccoli banditi facendoli crescere senza regole ne’ disciplina creando dei giovani mostri che poi,adulti, uccidono senza alcuna resipiscenza.Le mafia vivono di queste coltivazioni di “mamma nostra” ed e’ uno dei flagelli d’Italia legati alla perdita di valori comuni e del rispetto degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *