Bambini deliberatamente storpiati e accecati in India per impietosire i passanti e indurli a più abbondanti elemosine, lucrando sulle loro disgrazie.

 

Segnalazione di Maurizio-G. Ruggiero

 

La grande civiltà indiana …

BAMBINI INDIANI 1

 

 

 

 

 BAMBINI INDIANI 2

 

 BAMBINI INDIANI 3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BAMBINI INDIANI 4

BAMBINI INDIANI 5

 BAMBINI INDIANI 6

 

BAMBINI INDIANI 7

 BAMBINI INDIANI 8

 BAMBINI INDIANI 9

 BAMBINI INDIANI 10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BAMBINI INDIANI 11

2 Risposte

  • I criminali sono tali, vanno puniti, la polizia e il governo indiano non li puniscono, c’è corruzione, ma quello che ci ha fatto spaventare è questo, come è possibile che dei medici, gente laureata e colta amputano gli arti dei bambini, per un po’ di denaro, questi sono mostri e non medici, più mostri dei criminali, i quali sono povera gente, è praica lo sfruttamento di bambini elemosinanti per bisogno, ma i medici che sono stipendiati e fanno questo crimine per crudelissima speculazione, non hanno giustificazione sono mostri, sono serial-killers!

  • ogni nazione ha il suo incubo fanciulli ! Qui in Italia il Forteto fu una struttura sinistra in ogni senso, dove i bambini vittime di abusi, venivano affidati e ri-violentati e schiavizzati. Ora e’ in atto un processo dove il governo Renzi non si schiera (sono della stessa ideologia) e non si sa cosa portera’.Infatti sei minori sono comunque nella struttura e non sono stati portati via per prudenza…
    E dei bambini di zingari ,figli o rapiti, perche’ non si parla, visto che si sa per certo che il degrado morale e sociale e famigliari li spinge ad imparare come rubare ?
    Provate a suggerire l’adozione di questi al Tribunale dei Minori che insorge contro le coppie italiane regolari, e ne vedrete di “belle”.
    Ecco dunque l’analogo dell’India,in proporzione, nella nazione che fu la culla della civilta’ europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *