Igor Strelkov, il nome del Mito russo

 

Segnalazione di Federico Prati

 

di Alexander Dugin – 25/08/2014

 

Fonte: Millennium

 

00-igor-strelkov-01-14-06-14Dobbiamo capire che il ruolo di Igor Strelkov è fondamentale. Questo è un modello di idealista russo, conservatore, un vero patriota che ha distrutto l’

abisso tra i principi e le azioni; questo abisso è il flagello paralizzante del nostro patriottismo. Quando i russi realizzano nel profondo che i loro valori vengono ridicolizzati, i loro interessi venduti, o che il loro governo è posto sotto il controllo non del migliore, ma del più ignobile, ebbene, loro cosa fanno? Si struggono, belano, incolpano le élites intellettuali (un esempio, Augustin Cochin), o bevono, naturalmente, e formano piccoli movimenti che il Sistema velocemente toglie di mezzo. I più appassionati si lanciano in lotte, aggressioni, accompagnate da un’insensata violenza e sacrificio. Alcuni vengono corrotti per scopi tecnici dell’opposizione, altri sono controllati dalla polizia e dai servizi segreti. Un circolo vizioso. Nessuno riesce a focalizzare l’attenzione sul vero nemico, nessuno specifica i propri propositi, nessuno va fino in fondo alla faccenda, fermamente e a testa alta. Dopotutto, sono ragazzi giovani a sacrificarsi, nazionalisti russi, nazional-bolscevichi, o “Partigiani dell’ Estremo Oriente”, che muoiono negli scontri o finiscono in prigione in modo insensato. Cose che non coinvolgono nessuno. I russi continuano i loro sogni di tutti i giorni. Altri sprecano decenni su questioni senza senso per farsi notare. Una visione patetica.

 

Ed è in questo contesto che Strelkov è apparso. Russo. Austero. Naif e schivo.

Un idealista. Con principi. In tempi di pace, probabilmente non indispensabile e, in qualche modo, goffo. E così lui guida le linee del fronte di una Guerra di Popolo (Narod—in russo,Volk—in tedesco). Su sua stessa iniziativa. E così, lui rompe le catene dell’impotenza, dissipa le nebbie della paura, della disperazione e dell’avvilimento per l’incapacità di tramutare gli ideali in azioni. Si fosse fermato in Crimea o fosse stato ucciso nei primi giorni della difesa di Slavyansk, non avremmo imparato nulla su di lui. È stato allora che grandi personalità sono cadute: erano eroi anche loro, come lui, altri russi, che hanno squarciato le foschie dell’oscurità. Alcuni di loro erano miei amici.

Ma Strelkov ha resistito a tutto e ha creato un esercito. È diventato il punto focale verso il quale noi indirizziamo le nostre speranze, la nostra volontà, e i nostri mutamenti. Gli altri non sono da meno, coraggiosi, e leggermente impacciati come tutti i russi, ma è Strelkov che ha raggiunto qualcosa nel nostro animo, che ha toccato il nostro sentimento nazionale. È il Mito Russo che brilla su di lui, il nostro desiderio di riconoscere un eroe. Stava semplicemente facendo il suo dovere. Sì. Ma non il dovere di un professionista o di un uomo che ha fondato se stesso in circostanze difficili a causa del fato. Questo è il SUO dovere. Questo è un dovere RUSSO, che conta più dell’apatia, della paura, dell’

indifferenza, e dell’apprensione. Questo è il vero punto centrale della

questione: Strelkov ha fatto tutto DA SÈ. Questo è ciò che conta: è stato lui stesso. E attraverso di lui noi ci avviciniamo al NOI STESSI. Abbiamo visto ciò di cui siamo davvero capaci. Anche i soldati che combatterono in Afghanistan e Cecenia furono eroici. Ma non vi andarono per propria volontà. Portarono avanti un altro tipo di dovere, che risponde al nome di Stato. Strelkov, invece, adempie a un dovere chiamato Idea. L’Idea russa. Ha abbattuto le barriere all’interno del nostro animo. Ci ha emancipato. Strelkov ha aggiustato qualcosa dentro di noi, lo ha guarito. Pensavamo che non fosse più possibile: un Guerriero Russo Ortodosso senza paura a capo di una Guerra Santa per sua stessa volontà. Ma lui lo ha fatto. E ha cominciato a vincere. E ad ogni trionfo, ad ogni resoconto dalla linea del fronte, eravamo noi ad essere vincitori. La Russia trionfava.

Non è una questione di convinzioni politiche, e nemmeno di meriti come comandante militare. È qualcosa di molto più profondo. È diventato il nostro mito. E non appartiene più a se stesso, al servizio militare, o allo Stato, ma solo a questo mito — il mito russo che una volta fu e, come abbiamo visto, potrebbe ancora essere in ogni momento.

L’odio di Strelkov è quello verso una razza nemica, non in senso biologico, ma spirituale. La razza dei tecnocrati, assieme a burocrati, manipolatori, e mercanti. Werner Sombart era solito affermare che esistono due tipi di persone: la razza dei mercanti e quella degli eroi. L’Europa della Modernità è il risultato del trionfo dei mercanti (capitalismo) sulla razza degli eroi (Medioevo). Strelkov è il Medioevo russo. Dopotutto, l’Ortodossia stessa non può essere “moderna”: sarebbe una parodia, un simulacro. Potrebbe essere Antica o Medievale. La “Modernità” è il patrimonio dell’Anticristo. Così, Strelkov viene da ciò che una volta fu. Non ciò che era e che ora non è più, ma piuttosto ciò che realmente era, e ancora è, come il nucleo dei nostri animi, come un arcano fulcro dell’identità russa.

Ora dobbiamo comprendere pienamente cosa significhi Strelkov per noi. Ma quel tipo di ira che lui ispira in tutti gli spiriti crudeli, quel tipo di invidia che vuoti personaggi provano verso di lui, l’odio che provoca nell’Occidente e nella Junta, tutto questo sottolinea il fatto che lui non è frutto del caso, non è qualcosa di accidentale. Una volta ancora: non come persona, su un livello individuale, ma come portatore del carattere russo. Un vero russo capisce tutto su Strelkov. Lui è noi. Un Narod (Volk). Narod che si sta risvegliando.

Vorrei davvero chiedere a chiunque ascolti le mie parole di trattare questa personalità con delicatezza. Lui è la nostra eredità culturale di enorme valore. Questo è il motivo per cui così tanti lo vogliono morto, vogliono sbarazzarsi di lui, minimizzare ciò che rappresenta e volgarizzarlo, e poi colpirlo e affondarlo sempre di più. Se permettiamo tutto questo, allora siamo senza valore.

È necessario difendere i Miti, il modo in cui Strelkov ha combattuto e ancora combatte per la Novorussia, per la Grande Russia, e per ognuno di noi. (Come sarebbe bello poterti declinare in Occidente: Cattolico, Apostolico Romano integrale…n.d.r.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *