Segnalazione di www.unavox.it 

 

Partita_manifestoPrima e dopo la realizzazione della geniale idea di papa Bergoglio: una partita di calcio “interconfessionale” per esortare il mondo alla pace, diversi cattolici hanno espresso le loro riserve per questa commistione fra sacro e profano, dove ciò che finisce col contare è quello che Alessandro Gnocchi ha acutamente definito: “forma rituale dotata di un linguaggio universale”, funzionale all’“Onu delle religioni”.
Ora, al di là dell’evento in sé, è stato notato poco il contesto preparatorio, dal carattere spettacolare tipicamente moderno dello “show” di massa.

 
STOESSELLa partita è stata preceduta dall’esibizione canora di una diva canzonettiera di marca rigorosamente argentina, tale Martina Stoessel; è in tale esibizione che si può cogliere il senso vero che della pace ha papa Bergoglio. Non stiamo a contarla in termini di correttezza cattolica, ci basta indicare alcuni elementi significativi, che i fedeli possono cogliere e valutare in tutta semplicità. Ed essendo la nostra la “civiltà (!) dell’immagine”, ci serviremo di alcune immagini, tanto semplici quanto esplicative.

Cominciamo con l’immagine della diva ricevuta in udienza privata da papa Bergoglio prima della partita, perché non si dica che questi non ne sapesse nulla….

Fonte: La vera pace di papa Bergoglio