Le nozze del meccanico con i tacchi a spillo: “Anche Gesù avrebbe benedetto quest’amore”

 

La lettera del sacerdote campano che qualche giorno fa ha benedetto l’unione tra Pino/Beatrice e sua moglie Marianna: “Vi spiego perché l’ho fatto”

FotoRitoReligioso-300x225Don Giuseppe Cestone, parroco dell’Irpinia, è il sacerdote che ha benedetto le fedi di Beatrice, all’anagrafe Pino, meccanico di Roma che ama indossare tacchi a spillo e minigonne, e di Marianna, il grande amore della sua vita. Una storia che abbiamo raccontato qualche giorno fa su Repubblica.it. (LEGGI) Don Giuseppe lo ha fatto dopo avere visto il film che racconta la storia di un amore non convenzionale e dopo aver incontrato di persona i due protagonisti.

 

 

LA STORIA L’amore “fuoristrada” di Beatrice e Marianna

La sua decisione – “non giudicare, dare una carezza a una coppia non usuale, ma certo amata da Dio” – ha creato polemiche. Ci sono state persone che non hanno capito, che si sono scandalizzate… Per questo don Giuseppe ha deciso di spiegare che cosa abbia insegnato a lui, uomo di chiesa, la storia di amore tra Beatrice/Pino e Marianna. Lo ha fatto con una lettera aperta.

Ecco il testo integrale:

Sin da giovanissimo ho cercato di ispirare la mia vita al Vangelo. Tra le cose che più mi hanno stupito della vita di Gesù era la sua libertà di cuore. Quel Rabbì non indugiava a fare discorsi aulici con gli scribi e i dottori della legge. Nè tantomeno andava a braccetto con le persone per bene che all’epoca si chiamavano farisei. Quel Rabbì frequentava pubblicani (cioè pubblici peccatori, l’equivalente dei divorziati ai nostri giorni), prostitute e reietti. Li accettava per quello che erano e dimostrava loro amore. Quel Gesù li amava anche se erano truffatori o farabutti e sapeva bene che prima o poi lo avrebbero tradito. Gesù era disposto a dare la vita per quei poco di buono.

Mi sono sempre chiesto: se Gesù si fosse incarnato oggi, chi avrebbe frequentato? Dove lo avremmo trovato?
Mi piace pensare che Gesù oggi avrebbe preferito vivere alle periferie della nostra società “dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi”. Penso che Gesù frequenterebbe tossici e barboni, anzi li andrebbe a cercare, andrebbe di notte sulla Palmiro Togliatti a cercare qualcuno da perdonare e da togliere dai guai. Sono certo che moltiplicherebbe il pane su un barcone alla deriva e trasformerebbe l’acqua in benzina per l’operaio cassaintegrato.

Quando ho visto il film Furistrada mi sono chiesto: cosa ne penserebbe Gesù?
Ebbene io credo che Gesù avrebbe benedetto Beatrice/Pino e Marianna e si sarebbe fermato a casa loro per il pranzo. E molti farisei della nostra epoca si sarebbero scandalizzati.
Ecco perché ho deciso di benedire le loro fedi. Mi ha ispirato in questa scelta unicamente il Vangelo, nè bandiere arcobaleno, nè ideologie, nè moti rivoluzionari.

Mi auguro però che questa discussa scelta non si trasformi nello sterile simbolo di una lotta ideologica ma generi l’occasione per discutere serenamente su come imparare a conoscere e rispettare la diversità che compone la nostra società, sempre più globalizzata e dalle identità sfumate. Chi fomenta le strumentalizzazioni ideologiche, politiche e religiose intorno a questi temi, non sempre tiene conto che, oltre gli argomenti, ci sono delle persone in carne ed ossa che ogni giorno fanno l’esperienza dell’emarginazione.
Sono convinto che l’amore tra uomo e donna sia l’immagine di Dio per eccellenza, perchè è un amore capace di generare vita. In tal senso la Chiesa lo riconosce come Sacramento (segno della Grazia di Dio).
Ma per chi non si riconoscesse nè maschio nè femmina? Per chi a causa della sua natura o della sua storia si identificasse uomo in un corpo di donna oppure semplicemente attratto dalle persone uguali a lui/lei?
Per questo genere o “gender”, come si dice adesso, Dio non può aver pensato ad una vita di solitudine! Lo dice il libro della Genesi “non è bene che l’uomo sia solo, gli farò un aiuto che gli sia simile” (Gn 2,18).
Quelli che ai tempi di Gesù si chiamavano eunuchi facevano parte della comunità cristiana e stranamente, duemila anni fa, non creavano scandalo.
Oggi però viviamo in una giungla di relazioni frammentate che si snodano tra spazi reali, socialmediali e virtuali. Questo orizzonte relazionale liquido, non solo minaccia la stabilità della famiglia, ma conduce l’uomo postmoderno ad aver dimenticato cosa significa amare. Tutti celebriamo il quotidiano culto dell’individuo senza più scandalizzarci delle guerre, della fame, dell’ingiustizia. Nella nostra epoca è difficile imparare ad amare, e quando l’amore germoglia nella vita di due persone, Dio rinnova la sua presenza nel mondo.
La storia di Beatrice/Pino e Marianna mi ha insegnato che il rispetto e la tolleranza sono la prima forma di amore per il prossimo, ma mi ha anche fatto capire che l’Amore di Dio non ha confini è capace di arrivare oltre i canoni e le forme convenzionali.

Giuseppe Cestone, sacerdote

 

Fonte:  

http://parmeggiani.blogautore.repubblica.it/2014/09/le-nozze-del-meccanico-con-i-tacchi-a-spillo-anche-gesu-avrebbe-benedetto-questamore/?ref=HROBA-1

4 Risposte

  • Questi preti modernisti si costruiscono un Gesù secondo i propri gusti e contrario al vero Gesù delle Sacre Scritture, sono guide cieche, lupi vestiti d’agnello, il peggio che la gente ignorante li crede e li segue!

  • La riflessione di questo prete non farebbe una grinza, peccato però ha tralasciato un concetto fondamentale e cioè che Gesù frequentava taluni elementi per convertirli e far loro cambiare vita baciandoli col suo Amore. C’è una mezza verità nel suo racconto. E il perdono successivo al pentimento? Nessun accenno. D’altronde è la mentalità di questi tempi confusi e ambigui. Il Signore Gesù abbia pietà di noi!

  • Al contrario io penso che questo povero pretucolo abbia una spaventosa confusione in zucca.Quel che ha letto del Vangelo lo ha stravolto con una sua personale visione che risente dei tempi moderni e dei falsi papi ispiratori.
    Non intendo qui disquisire sui passi evangelici che parlano degli eunuchi,dei farisei e dei pubblicani (che non erano pubblici peccatori,ma servitori di Roma e come tali odiati dai giudei-che ignoranza spaventosa si insegna nei seminari!)ma rilevare come sia sgradevole che persone che dovrebbero garantire l’unicita’ di una Parola di Dio, siano ormai delle cloache di ignoranza e di fraintendimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *