Messa FSSPX in San Pietro: trionfo o scacco della Tradizione?

 

del Prof. Franco Damiani

 

S_Pietro_RomaMessa celebrata da un sacerdote FSSPX in San Pietro a Roma: dovrebbe essere chiaro il giudizio, no? Se il nemico ti lascia entrare in casa sua è perché si fida di te. Ma se si fida allora non è più nemico. E poiché il “nemico” in questo caso è il presunto Papa… Sono considerazioni perfino banali, ripetitive, scontate. Celebrare l'”oblatio munda” in San Pietro, dove comunemente si celebra il sacrificio di Caino, significa che Abele chiede scusa a Caino e promette di non provocarlo più. Come quelli degli “altari maestosi” possano esultare è un mistero di iniquità e forse è esagerato evocare la “voluttà di servilismo”, può bastare la scena finale della “Tenda rossa”, dove il fantasma di Amundsen chiede a Nobile che cosa pensava quando, contro tutte le regole, si mise in salvo per primo anziché per ultimo. Alla fine vien fuori che pensava al bagno caldo che lo attendeva alla base.

2 Risposte

  • ….oppure perchè si crede cosi forte, da non temere il “confronto” e,contemporaneamente, vuole dare una dimostrazione di liberalismo.

  • Prima di tutto il mio sito e’ in costruzione e sara’ pronto in circa un mese.
    Io non ci capisco piu’ niente, escono siti “tradizionali” a mucchi. Tutti professano di essere ‘tradizionalisti’ ma poi, gratta gratta in molti di essi la TRADIZIONE non e’ di casa in molti altri casi vi sono cose o articoli riportati che lasciano di sasso o con dubbi fortissimo, cosi’ come il sito di ‘Riscosssa Cristisna’ che dovrebbe essere un sito tradizionalista e che il 31 di Agosto 2014 se ne esce con questo articolo;
    http://www.riscossacristiana.it/magistero-di-sua-santita-benedetto-xvi-salmo-125-dio-nostra-gioia-nostra-speranza/#wp-comments
    Io confesso la mia ignoranza, non ho capito se l’hanno messdo per esaltare Benedetto XVI o per altri motivi. Ma l’articolo e’ nudo e crudo senza commenti e per me di difficile interpretazione.
    La proliferazione di tutti questi siti tradizionali o pseudo tali non e’ un bene per I fedeli, per quelli che ancora hanno dubbi perche’ si confondono e non sanno piu’ cosa pensare o fare. L’unita’ tra tutti questi siti e un meeting (non voglio chiamarlo ‘SINODO’) tra tutti gli esponenti di questi siti, congregazioni, associazioni ecc. che facesse poi scaturire una unicita’ dalla molteplicita’ non farebbe altro che semplificare e rendere piu’ assimilabile e seguibile, da parte dei fedeli, l’insegnamento e la propagazione della fede tradizionale. Purtroppo cosi’ non e’ e io leggo con orrore eDOLORE disquisizioni ‘teologiche?’ infarcite di termini non di uso commune dalla massa dei fedeli che quindi non hanno la possibilita’ di capire e giudicare quale la via migliore da seguire, e tutti questi siti molte volte sono uno contro l’altro e molte volte si arriva a disquisizioni machiavelliche che mal si adattano ad un sito che vuol chiamarsi e pretendere di essere cattolico apostolico romano TRADIZIONALE. Io fedele, che pero’ mi rendo conto della deviazione della Chiesa a partire dal Vaticano II, ma che sono ignorante di teologia, come facccio a capire chi ha ragione o ha torto tra le diatribe di una congregazione cattolica tradizionale e un’altra simile?
    Io non credo che cosi’ si fa’ il bene della CHIESA e questo e’ un altro pericolo che la CHIESA corre oltre alla deviazione modernista del Vaticano II.
    Io vivo a Perth capitale del Western Australia e non vi e’ una chiesa ne’ un prete qui, che offici una messa tridentina non una cum.
    grazie per avermi permesso di dire il mio pensiero.

    Cesare Ferrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *