Non è Francesco o non è Antonio? Socci si precipita a rassicurare che il suo libro non è stato ritirato dal commercio…

L’attacco durissimo di Crippa (di cui si trova articolo anche su questo sito) e le polemiche sui giornali non sono altro che un toccasana pubblicitario per la vendita del libro, come ha dimostrato la corsa all’acquisto di varie persone, il giorno stesso del suo arrivo in libreria.

Più o meno ingenuamente, qualcuno ha persino messo in giro la voce che il libro sarebbe stato ritirato dal commercio, così alcuni si sono affrettati ad andarlo a comprare. E Socci ha potuto, così, smentire, come potete leggere a fine articolo, dando così la notizia due volte e, quindi, rilanciando la pubblicità al suo testo…E mentre il disorientamento aumenta, le tasche dell’autore, che elenca le eresie di Bergoglio ma dichiara la Sede Vacante per una questione di “brogli elettorali” (sic!), si ingrossano… Ma allo stesso tempo si parla di sedevacantismo e in determinati ambienti lo si inizia a sdoganare dall’ostracismo…

Segnalazione di Pietro Ferrari

di Carlo di Pietro

LIBRO

IL FATTO.

È in distribuzione in tutte le librerie il testo “Non è Francesco” di Antonio Socci, giornalista e scrittore italiano, laureato in lettere moderne (1983), con una carriera giornalistica che va da 30Giorni nella Chiesa e nel mondo, al Giornale, Libero, il Foglio, Panorama e Rai. Apprendo dal web che dal 2004 è direttore – per conto della Rai – della Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia. Negli anni del liceo milita negli ambienti della sinistra (fonte Wikipedia) per poi approdare nel 1977 a Comunione e Liberazione. Senza nulla togliere alle sue doti di scrittore e di indiscusso intellettuale contemporaneo, da Comunione e Liberazione al giornalismo di punta … il passo forse è breve (sic!).

Il testo ha fatto discutere ancor prima della sua distribuzione con successiva possibile lettura e vivamente spero che non produca ulteriori fratture nel già devastato mondo della cosiddetta «Tradizione» (epiteto bizzarro, per altro. O si è cattolici integrali o non si è cattolici, non essendo il cattolicesimo una religione liberale o relativista).

CLAMOROSO.

Cosa c’è di clamoroso in questo scritto? Lo leggeremo. Nella mia città è arrivato stamane.

Socci parte da un racconto della giornalista argentina Elisabetta Piqué (libro simil apologetico Francesco. Vita e rivoluzione), una sorta di biografa di J. M. Bergoglio, da cui si apprende che «Dopo la votazione e prima della lettura dei foglietti, il cardinale scrutatore, che per prima cosa mescola i foglietti deposti nell’urna, si accorge che ce n’è uno in più: sono 116 e non 115 come dovrebbero essere. Sembra che, per errore, un porporato abbia deposto due foglietti nell’urna: uno con il nome del suo prescelto e uno in bianco, che era rimasto attaccato al primo. Cose che succedono. Niente da fare, questa votazione viene subito annullata, i foglietti verranno bruciati più tardi senza essere stati visti, e si procede a una sesta votazione».

Secondo Socci: «C’è solo un – per così dire – “piccolo” problema di cui nessuno finora sembra essersi accorto: stando ai fatti riferiti dalla Piqué […] l’elezione di Bergoglio è nulla. Infatti l’articolo 69 della Costituzione apostolica Universi Dominici Gregis che regola il Conclave recita testualmente: “Qualora nello spoglio dei voti gli Scrutatori trovassero due schede piegate in modo da sembrare compilate da un solo elettore, se esse portano lo stesso nome vanno conteggiate per un solo voto, se invece portano due nomi diversi, nessuno dei due voti sarà valido; tuttavia, in nessuno dei due casi viene annullata la votazione”».

Prosegue: «La prima violazione delle norme che si può intravedere è quindi l’aver annullato una votazione che doveva essere ritenuta valida e scrutinata. Ma come se non bastasse si può ravvisare una seconda violazione, perché si è proceduto con una nuova votazione – la quinta di quel giorno (proprio quella che ha eletto Bergoglio) – laddove la stessa Costituzione apostolica prescrive invece che si debbano fare quattro votazioni al giorno, due al mattino e due al pomeriggio (articolo 63). Perché si tratterebbe di violazioni che comportano la nullità dell’elezione? Perché l’articolo 76 della Universi Dominici Gregis afferma: “Se l’elezione fosse avvenuta altrimenti da come è prescritto nella presente Costituzione o non fossero state osservate le condizioni qui stabilite, l’elezione è per ciò stesso nulla e invalida, senza che intervenga alcuna dichiarazione in proposito e, quindi, essa non conferisce alcun diritto alla persona eletta”».

COMMENTINO PRE-LETTURA APPROFONDITA.

Sostanzialmente il testo, che ancora non ho potuto leggere (per questioni di tempo), si presenta come un tentativo disperato di apologia di J. Ratzinger. Bergoglio, così grossolano e smargiasso nella sua eresia pubblica e notoria, non sarebbe dunque papa per i motivi elencati al paragrafetto CLAMOROSO, ma lo sarebbe ancora J. Ratzinger, al dire di Socci, così ortodosso e rigoroso.

Secondo il CJC del 1917 can 188 § 4 (considerato per il Papato il can 108 §3), l’ufficio di governare la Chiesa lo avrebbero perso molto prima i sedenti del CV2 e del post concilio e questo per pubblica defezione dalla fede. Di studi specifici ce ne sono in quantità industriale, pertanto sarebbe superfluo rilanciarli qui. Certo è che una “chiesa” oggettivamente liberale, relativista, irenista, pancristiana, terzomondista, filo pederasta, noachita, novatrice, sensazionalista, “carismatista”, ecc… non è la cattolica. Perde, difatti, le sue note distintive, ovvero cattolicità, santità, apostolicità ed unità. Frastagliata in una miriade di sette, guidate dai loro leader carismatici, oggi definite organizzazioni, movimenti, ecc…

La visibilità della Chiesa, tuttavia, è una «caratteristica» che deve avere a prescindere. La Chiesa cattolica, difatti, NON resta priva di visibilità se in un dato periodo storico, o per gravità di situazioni o per altri vari motivi, i battezzati si disinteressano alla religione, oppure sono male informati, plagiati, oppure diventano molto ignoranti in materia, oppure rifiutano la religione stessa ed in numero massiccio, ecc…. In questo caso possono al massimo essere o i pastori o i fedeli (che sovente non conoscono neanche i dieci comandamenti) ad aver perso la capacità di rilevare la visibilità della Chiesa, ma non certo può dirsi che la Chiesa, stando così la situazione, perda la sua visibilità (la visibilità è necessaria, per esempio, contro la proclamata invisibilità delle sette protestanti dei primi tempi). Al massimo, in casi gravi, diventa più difficile il discernimento del singolo. Sulla visibilità della Chiesa, così come la Chiesa correttamente la insegna (non come ne deformano oggi l’insegnamento in alcuni ambienti detti “tradizionali”), ci si può documentare studiando, per esempio, Satis cognitum di Leone XIII, Dei Filius di Pio IX, ecc…

ELEZIONE NULLA.

Torniamo a Socci. L’elezione di Bergoglio sarebbe dunque nulla, J. Ratzinger sarebbe Papa pur avendo canonicamente rinunciato all’ufficio [PS: il papato è conferito da Cristo al designato se sussistono i requisiti previsti dalle Costituzioni (sesso maschile, età di ragione, sanità mentale, battesimo, fede cattolica, ordine episcopale o intenzione a… in caso di laico); il designato riceve la potestà di giurisdizione e la media ai vescovi che ne necessitano. Il papato NON ha carattere indelebile come l’ordirne episcopale]. Socci per sostenere la sua tesi usa lo scritto della Piqué e la UDG (n° 63, 69 e 76) di K. Wojtyla. Preciso che esistono anche la De aliquibus mutationibus in normis de electione Romani Pontificis 11/06/2007 e successivamente la Normas nonnullas 22/02/2013. Poco muta nella sostanza della Sede vacante (conclave, ecc…) e solo in alcuni N°.

IL NUMERO 68

Il n° 68 della Universi Dominici Gregis (K. Wojtyla sulla Sede vacante) ha come fonti Gregorio XV,Caeremoniale Romano …, § Quartus actus Scrutinii … san Pio X, Vacante Sede Apostolica, n. 70.  Pio XII,Vacantis Apostolicae Sedis, n. 81. Riguarda il conteggio ed il mescolamento delle schede: «Dopo che tutti i Cardinali elettori avranno deposto la loro scheda nell’urna, il primo Scrutatore l’agita più volte per mescolare le schede e, subito dopo, l’ultimo Scrutatore procede al conteggio di esse, prendendole in maniera visibile una ad una dall’urna e riponendole in un altro recipiente vuoto, già preparato a tale scopo. Se il numero delle schede non corrisponde al numero degli elettori, bisogna bruciarle tutte e procedere subito ad una seconda votazione; se invece corrisponde al numero degli elettori, segue lo spoglio così come appreso».

Abbiamo 3 casi: 1) numero schede = numero elettori; 2) numero schede < numero elettori (è possibile poiché un Cardinale potrebbe recarsi in Cappella ma decidere di non dare il suo voto. In questo caso non si può parlare di scheda bianca, bensì di astensione dal diritto di designazione. La ratio legis non è ovviamente riferita a questi casi, detti estremi. Se non ricordo male, papa Gregorio XV volle il conteggio con verifica); 3) numero schede > numero elettori.

Facciamo attenzione al punto 3. Posto che Socci considera che K. Wojtyla fu papa, lui deve usare il CJC del 1983 al can 173 § 3. Dice: «Se il numero dei voti supera il numero degli elettori, nulla si è realizzato». Il testo originale dice «numero electorum», pertanto si riferisce chiaramente NON al numero degli elettori presenti, bensì al numero di quanti hanno dato direttamente (o indirettamente, es. gli ammalati) il proprio voto. Si comprende perché la Universi Dominici Gregis, diversamente da ciò che è scritto nel CJC 1983, considera invalida l’elezione qualora i voti raccolti sono di numero inferiore a quello degli elettori. Sempre la UDG prevede (non specifica il momento) la bruciatura delle schede nel caso in cui il numero delle stesse (rinvenute) non corrisponda al numero dei votanti, siano esse o inferiori o superiori. Dice «schedulae omnes comburendae sunt». La bruciatura delle schede deve sempre avvenire comunque prima del secondo scrutinio (mattina o pomeriggio), questo per consentire che il popolo comprenda tramite fumata nera.

Attenzione, dunque, stando al racconto della Piqué: «Dopo la votazione e prima della lettura dei foglietti, il cardinale scrutatore, che per prima cosa mescola i foglietti deposti nell’urna, si accorge che ce n’è uno in più: sono 116 e non 115 come dovrebbero essere. Sembra che, per errore, un porporato abbia deposto due foglietti nell’urna: uno con il nome del suo prescelto e uno in bianco, che era rimasto attaccato al primo. Cose che succedono. Niente da fare, questa votazione viene subito annullata, i foglietti verranno bruciati più tardi senza essere stati visti, e si procede a una sesta votazione».

La supposizione della Piqué («che era rimasto attaccato al primo») resta una mera ipotesi non comprovabile. Difatti lei dice: «prima della lettura dei foglietti, il cardinale scrutatore, che per prima cosa mescola i foglietti deposti nell’urna, si accorge che ce n’è uno in più». Effettivamente se il “cardinale” scrutatore ha PRIMA mescolato le schede e POI si è accorto della incongruenza numerica, non si può avere certezza che «il foglietto bianco, era rimasto attaccato al primo». Dunque l’elezione è nulla (poiché semplicemente c’è una scheda in più).

Stando al diritto canonico, muore evidentemente la prima obiezione di Socci: «La prima violazione delle norme che si può intravedere è quindi l’aver annullato una votazione che doveva essere ritenuta valida e scrutinata». Per di più aggiungo che il diritto canonico si compone di elementi di diritto divino ed elementi di diritto ecclesiastico. Il primo primeggia sul secondo, il secondo NON può contraddire i precetti divini del primo. Questo è un di più che volevo precisare.

I NUMERI 63 E 76.

La seconda obiezione mossa da Socci, sinceramente più sensata, riguarda il n° 63 della UDG: «Qualora ciò avvenga già nel pomeriggio del primo giorno, si avrà un solo scrutinio; nei giorni successivi, poi, se l’elezione non s’è avuta al primo scrutinio, si dovranno tenere due votazioni sia al mattino sia al pomeriggio». Fa seguire il n° 76: «Se l’elezione fosse avvenuta altrimenti da come è prescritto nella presente Costituzione o non fossero state osservate le condizioni qui stabilite, l’elezione è per ciò stesso nulla e invalida, senza che intervenga alcuna dichiarazione in proposito e, quindi, essa non conferisce alcun diritto alla persona eletta».

Fino al conclave che designò san Pio X, la regolamentazione prevedeva una votazione al mattino ed una al pomeriggio; alle due votazione seguiva l’accessus (revisione del voto per “accesso” o cambio di voto). San Pio X, abolì l’accessus sostituendo tale operazione elettorale, prevedendo così la seconda votazione sia del mattino che del pomeriggio.

In questo caso Socci non ha tutti i torti, difatti anche i più recenti e noti commentatori sia del CJC che della UDG ritengono il n° 76 del documento di Wojtyla molto vago (oserei dire pericoloso), come generica è considerata parte della “costituzione”. In questo caso (si legge: «l’elezione è per ciò stesso nulla e invalida») ci troviamo in presenza di una cosiddetta «legge irritante» (dichiara ipso facto nullo e invalido un atto che non è conforme alla legge stessa). Questa legge priva di valore l’atto giuridico stesso. In questo caso, avendo esplicitamente scritto «invalida» riferendosi alla designazione, l’atto non sarebbe sanabile dall’autorità preposta (davanti al diritto, l’atto «nullo» è, invece, sanabile).

LEGGI IRRITANTI.

Stando al n° 76 della UDG, la designazione sarebbe pertanto non avvenuta (inesistente secondo diritto), tuttavia il CJC 1983 (che Socci riconosce) al can 10 dice: «Sono da ritenersi irritanti o inabilitanti solo quelle leggi con le quali si stabilisce espressamente che l’atto è nullo o la persona è inabile».

Esempio: «Ob tacitam renuntiationem ab ipso iure admissam quaelibet officia vacant ipso facto et sine ulla declaratione, si clericus: […] §4 A fide catholica publice defecerit» – «In virtù della rinuncia tacita ammessa dallo stesso Diritto, diventano vacanti, ipso facto, e senza nessuna dichiarazione, qualsivogliano offici, se il chierico […] §4 devia pubblicamente dalla fede cattolica» (CJC 1917, can 188); per il Pontefice alla luce del can 108 § 3: «Ex divina institutione sacra hierarchia ratione ordinis constat Episcopis, presbyteris et ministris; ratione iurisdictionis, pontificatu supremo et episcopatu subordinato; ex Ecclesiae autem irnstitutione alii quoque gradus accessere» – «Per divina istituzione, la sacra gerarchia (dei chierici) è composta, in ragione dell’ordine, di vescovi, sacerdoti e ministri; in ragione della giurisdizione del Pontificato supremo e dell’Episcopato subordinato».

Viene da ridere studiando il CJC del 1983, dove soprattutto il can 108 § 3 non ha alcuna corrispondenza, questo perché Wojtyla – e Montini prima di lui – hanno ben pensato in qualche modo (ambiguo come loro solito) di “unificare” potestà d’ordine e potestà di giurisdizione (per aprire alla collegialità). Da questo abominio deriva anche l’attuale tendenza di attribuire carattere indelebile al presunto pontificato di J. Ratzinger. Secondo il teologo tedesco, difatti, la «separazione tra il ministero come diritto e il ministero come rito» sarebbe «un’aggiunta postuma di epoca medievale» (Cf. Apologia del Papato, EffediEffe 2014, p. 433, nota 543; Cf. J. Ratzinger, «Elementi di teologia fondamentale», Morcelliana, Brescia, 1986, pp. 147-150).

Torniamo a Socci. Secondo il consenso unanime di tutti i commentatori della UDG e dei canonisti contemporanei in generale, tale “costituzione” al n° 76 (legge ecclesiastica) non intende dichiarare “irritanti” tutte le disposizioni in essa contenute ma, laddove non specificato esplicitamente, dichiara tali solo quelle di diritto divino (evidentemente è anche inutile dirlo) e quelle strettamente legate all’elezione, «irritanti» la designazione stessa.

Per esempio Montini nella sua Romano Pontifici eligendo (1975, AAS 67) al n° 77 dice: «Quodsi electio aliter celebrata fuerit, quam uno e tribus modis, qui supra sunt dicit ( cf. nn. 63 sqq.), aut non servatis condicionibus pro unoquoque illorum praescriptis, electio eo ipso est nulla et invalida ( cf. n. 62) absque ulla declaratione, et ita electo nullum ius tribuit». Si noti l’esplicito «… uno e tribus modis, qui supra sunt dicti …». Egli si riferiva ai tre modi esistenti per eleggere il papa.

Oggi il metodo elettivo è per scrutinio, pertanto si ha invalidità e nullità solo se si agisce mediante una forma differente da quella comandata. Sebbene Wojtyla abbia usato l’espressione «electio aliter celebrata», siamo di fronte ad una genericità tale che è necessario seguire le prescrizioni del CJC ed agire con buon senso, dunque l’elezione si ritiene invalida (insanabile) e nulla, SOLO se non si rispettano le condizioni LEGATE STRETTAMENTE agli atti elettivi.

ESEMPIO.

Per esempio, si può consultare la Vacante Sede Apostolica di san Pio X al n° 78, oppure la Vacantis Apostolicae Sedis di Pio XII al n° 90 per capire cosa è «irritante» e cosa non lo è. Leggiamo il n° 90 della VAS: «Quod si electio aliter celebrata fuerit, quam in scrutinio per secreta schedularum suffragia duarum ex tribus partibus Cardinalium in Conclavi praesentium, uno insuper addito suffragio; vel per viam compromissi ab omnibus Cardinalibus similiter in Conclavi praesentibus, nemine dissentiente, initi et ita ut nemo seipsum elegerit; vel quasi per inspirationem, nullo praecedente de persona speciali tractatu, omnium pariter Cardinalium praesentium in Conclavi, communiter, nemine itidem dissentiente, per verbum “eligo” intelligibili voce prolatum aut scripto, si voce non potuerit, expressum; nulla sit et invalida eo ipso absque ulla declaratione, et ita electo nullum ius tribuat» – «Se per caso l’elezione sia stata effettuata diversamente da quanto di seguito indicato: nello scrutinio tramite voti segreti, con schede, di due terzi dei Cardinali presenti in Conclave, più un altro voto; per via di compromesso fatto ugualmente da tutti i Cardinali presenti in Conclave, senza che nessuno dissenta, e in modo tale che nessuno elegga se stesso; quasi per ispirazione, senza che vi sia stato nessun precedente accordo circa la persona, ugualmente di tutti i Cardinali presenti in Conclave, ordinariamente, senza che parimenti nessuno dissenta, con la parola “eligo” espressa con voce intelligibile o per iscritto: perciò stesso sia nulla ed invalida senza alcuna dichiarazione e quindi non conferisca all’eletto nessun diritto».

CONCLUSIONE.

Quello che sostengo è sì complesso ma è anche logico secondo il diritto, oltre che considerato in maniera unanime condivisibile perché se, per esempio, non venisse rispettato il n° 23 della UDG, oppure il 24, o il 28, o il 30, o il 31 e così via, assolutamente il n° 76  non troverebbe alcuna applicazione.

Faccio i miei migliori auguri a Socci per la sua recente pubblicazione, mi complimento per la sua ricerca di risposte all’evidente eretico lavoro svolto da Bergoglio (sebbene solo speculativo sul piano del Diritto canonico) ed auspico che il suo scritto non funga da catalizzatore ulteriore per vaneggiamenti filo-ratzingeriani, esistendo anche una perfetta continuità di insegnamento fra il teologo tedesco e lo show man argentino, soprattutto sul tema della comunione ai fantomatici “risposati” (alias adulteri), come dimostro chiaramente e senza artifizi alcuni in Apologia del Papato, nota 557 (dichiarazione all’aeroporto di Bresso (MI), B16 risponde a due psicologi).

Il giorno 1 ottobre Libero titolava: «“Non è Francesco”: Il libro di Socci sul Papa che agita il Vaticano».  Potete stare tranquilli, nessuno si agita in Vaticano; sanno il fatto loro e si agitano solo se diminuisce l’8×1000 alla “chiesa” pancristiana del CV2. Se Bergoglio non è papa, e secondo me non lo è – come non lo sono (Papi in atto) da Roncalli in avanti – non lo si deve certo a questo “vizio” rilevato da Socci, bensì alla loro notoria defezione (a volte plateale, a volte dietro eleganza e sofismi) dalla fede cattolica integrale. Che gli organi di stampa creino tanto clamore per questa “ipotesi socciana” non mi meraviglia, essendo essi privi di qualsivoglia competenza in materia di Diritto ecclesiastico, lo dimostrano nei fatti.

Ringrazio conclave.name per gli ottimi spunti di riflessione.

Fonte: http://radiospada.org/2014/10/non-e-francesco-di-antonio-socci-ed-il-diritto-canonico/

NEL FRATTEMPO, QUALCHE ZELANTE “PAPOLATRA” SPARGE LA VOCE SUL WEB CHE IL LIBRO DI SOCCI SAREBBE STATO RITIRATO DAL COMMERCIO, FORSE PERCHE’ TROPPO ANTI-BERGOGLIONE E L’ALTRETTANTO ZELANTE ANTONIO SOCCI SI PRECIPITA A SMENTIRE…DEL RESTO, IL LIBRO VA VENDUTO…

Lo Straniero – Il blog di Antonio Socci:

QUALCUNO (EMULATO POI DA QUALCHE INGENUO) SI E’ INVENTATO CHE IL MIO LIBRO “NON E’ FRANCESCO” SAREBBE PRESTO RITIRATO DAL COMMERCIO. E’ OVVIAMENTE UNA SCIOCCHEZZA SENZA ALCUN FONDAMENTO. STA TRANQUILLAMENTE IN QUALSIASI LIBRERIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *