Prove generali di apertura al matrimonio dei preti conciliari

HummesBergoglio 

 
Brasile, lettera di Bergoglio sul celibato
 
Dal Brasile mi giunge, in via confidenziale, notizia di una lettera molto interessante in relazione al celibato nella Chiesa latina e ai Viri Probati. I Viri Probati, sono uomini di età non giovane, sposati, che hanno condotto una vita familiare e religiosa esemplare, e a cui alcuni ritengono sia opportuno affidare incarichi sacramentali nella Chiesa.
 
marco tosatti
30/12/2014
 

Dal Brasile mi giunge, in via confidenziale, notizia di una lettera molto interessante in relazione al celibato nella Chiesa latina e ai Viri Probati. I Viri Probati, sono uomini di età non giovane, sposati, che hanno condotto una vita familiare e religiosa esemplare, e a cui alcuni ritengono sia opportuno affidare incarichi sacramentali nella Chiesa.  

La lettera – letta da alcuni vescovi, e che dovrebbe presto essere diffusa più ampiamente – porta la firma di papa Francesco. Il suo destinatario è il cardinale brasiliano Claudio Hummes, residente a San Paolo, con incarichi in diocesi per l’Amazzonia, e già prefetto della Congregazione per il Clero. Il Pontefice incarica il porporato di sondare preso la Conferenza Episcopale brasiliana la possibilità di avviare la riflessione sul celibato ecclesiastico relativa ai Viri Probati.  

In parole povere: visto che in alcune zone del Brasile, e in particolare nella regione amazzonica, le comunità sono molto distanti l’una dall’altra, e i sacerdoti sono pochi, c’è chi pensa di concedere l’ordinazione sacerdotale a laici sposati, che possano sopperire a queste carenze, celebrare messa e amministrare i sacramenti.  

Si tratterebbe di un’innovazione clamorosa. Nella storia della Chiesa latina – non di quella orientale – da oltre un millennio i sacerdoti sono celibi, e questa disposizione è stata ribadita cone forza dagli ultimi tre pontefici. Se il parere della Conferenza Episcopale fosse favorevole, si passerebbe una sperimentazione sul campo. E in futuro niente osterebbe a ripetere l’esperimento altrove, in altri continenti e in altre situazioni ambientali.

 

 

Fonte: http://www.lastampa.it/2014/12/30/blogs/san-pietro-e-dintorni/brasile-lettera-del-papa-sul-celibato-KZXhhOqV5r7NT8YzzMKotI/pagina.html

3 Risposte

  • E allora, ci siamo! si parte dall’Amazzonia per giungere in Italia. Invece di indagare sulle cause che hanno provocato, dal 2008 al 2012, un catastrofico fenomeno di abbandoni vocazionali – circa 13.000 – si pensa di mettere una toppa con un decreto che permetta all’uomo sposato di celebrar messa. Ma come? oggi i giornali ci dicono che papa Francesco ha superato per tweet e facebook Benedetto XVI, che sta riempiendo le piazze di milioni di fedeli e, poi ci tocca sentire che non ci sono sacerdoti, che le chiese sono vuote, i confessionali polverosi! Mons.Fisichella: dove sta la tua “nuova evangelizzazione”? Quante conversioni, quanti battesimi nuovi? Ma è più importante, per molti prelati, farsi vedere e fotografare nelle chiese trasformate in trattorie – grazie benedetta comunità di S. Egidio di questa carità spettacolare – che amministrare i sacramenti.

  • Forse è una fortuna che in questa nuova chiesa non ci siano vocazioni. Che vada da sola verso l’autodissoluzione! D’altronde quelle che erano le “vere” vocazioni sono state individuate e sottoposte al plotone di esecuzione: ordini dall’ “alto” hanno in sequenza proclamato il “caricate!….puntate!….fuoco!” E così ci si è assicurato il vuoto totale di aspiranti santi pastori. Ora avanziamo tranquillamente tra i lupi, anche se travestiti da agnelli, certi che la chiesa, non santa, cattolica, apostolica ma falsa, sincretica, impostora, avrà la sua crescita vittoriosa e la sua gloria e potenza. Che Dio ci salvi da costoro, dai falsi pastori, celibi e non!

  • “I Viri Probati, sono uomini di età non giovane, sposati, che hanno condotto una vita familiare e religiosa esemplare”: chi vogliono prendere in giro? Ma se nessuno ha mai scomunicato (e neppure sospeso a divinis) gente come “don” Gallo, “don” Ciotti, “don” de Capitani, “don” Farinella, ecc….COME saranno questi Viri Probati? Se un Renzi, un Prodi o gentaglia simile volessero diventarlo ci sarà qualcuno nella Gerarchia che proverà ad impedirlo? O verrà impedito solo ai professori antiabortisti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *