Cordoglio del Grande Oriente d’Italia per i Fratelli morti nella strage di Parigi

La presenza in “divisa” del grande Oriente di Francia alla manifestazione pro “Charlie Ebdo” ha assunto un significato non solo politico ma anche “personale” per la Massoneria.

del Grande Oriente d’Italia

Tra le vittime della strage di “Charlie Hebdo” anche due Liberi Muratori. Alle loro famiglie va il cordoglio del Grande Oriente d’Italia. Si tratta dell’economista Bernard Maris e del giornalista Michel Renaud.

Maris, che si firmava Oncle Bernard, era nato a Tolosa nel 1946. Grande estimatore di John Maynard Keynes al quale ha dedicato molti suoi saggi, era professore all’Istituto di Studi Europei dell’Unvesité Paris VIII. Nel 2011 era stato nominato consigliere della Banque de France. E’ stato membro del Comitato Scientifico di Attac France.

Michel Renaud è stato il fondatore di “Carnet de voyage” e del famoso Rendez-Vous, la biennale dei “disegnatori viaggianti” che si tiene a Clermont Ferrand, nella Francia centrale. Renaud aveva un rapporto speciale con l’Italia, in particolare con il movimento delle “Matite in Viaggio” che da quattro anni tiene un’analoga manifestazione a Mestre e considerava il giornalista francese una sorta di proprio padre putativo. Michel, il giorno della strage si trovava nella redazione di Charlie Hebdo per puro caso: era andato a ringraziare il direttore della rivista, Cabu, che aveva accettato di essere l’ospite d’onore dell’ultima edizione della Biennale. Nell’attacco è rimasto ucciso il cartoonist Bernard Verlhac, detto Tignous, il cui padre è un libero muratore ed è rimasto ferito il figlio di un altro fratello.

Fonte: http://www.grandeoriente.it/eventinewsgoi/2015/01/cordoglio-del-grande-oriente-per-i-fratelli-morti-nella-strage-di-charlie-hebdo.aspx#sthash.j1mtxjvv.dpuf

14 Risposte

  • Fatemi capire: a noi cattolici vogliono imporre di rinunciare al crocifisso, al presepe, all’ora di religione e a tutto il resto per non “turbare” la “sensibilità” dei mussulmani e per “rispetto” delle “culture migranti”… a noi è dovuto l’obbligo del rispetto a chiunque arriva, rinunciando a tutto anche se non è minimamente offensivo e a questi invece deve essere sempre garantito l’esercizio delle loro pretese libertà e ogni cosa deve essere permessa, anche di scrivere le più infami, offensive e blasfeme pubblicazioni?!

    E oggi dove sono coloro che si schieravano sempre dalla parte di chi era offeso dalla vista del crocifisso o del presepe…? Stavolta stranamente sono tutti lì a rendere omaggio a chi ha deliberatamente offeso la sensibilità delle tanto osannate “culture migranti”!! Che incredibile ipocrisia!!!

  • X Santos
    Asino si scrive “musulmani” e NON “mussulmani” con la doppia s. Si evince dalla tua cultura che sei un cattofascista, degno seguace di Matteo Castagna.

  • @ Ernesto: non faccia sfoggio di purismo elargendo asinità.
    In tutti i migliori dizionari della lingua italiana sono accettate entrambe le dizioni, com’è giusto, trattandosi di traslitterazioni approssimative dall’arabo.
    C’è ben altro di cui scandalizzarsi!

  • Sig. Ernesto complimenti per la bella figura! Lei si che è acculturato!

    Immagino comunque che concorda sul resto del contenuto del mio post, visto che a parte l’obiezione grammaticale (oltretutto sbagliata) non ha avuto niente altro da eccepire.

  • Che tra coloro che impiastravano la oscena rivistucola d’oltrealpe, vi potessero essere due liberi muratori è cosa normale, anzi mi stupisco che non fossero di più, siccome poi, anche se si è massoni quando ti sparano col mitra puoi crepare, è capitato che due loschi massoni spregiatori di Cristo sono stati ammazzati senza complimenti da altri spregiatori di Cristo a mirati colpi di mitra.
    Che Dio abbia pietà delle loro anime se sono riusciti
    a spuntare un posticino in purgatorio (cosa complicata vista la morte violenta e inattesa, ma non si può mai dire). D’altro canto la Chiesa non prega per i dannati e per essi non si dispera e così faccio io pure.

  • @ da santos: grazie dei complimenti. Erano impliciti, dal momento che ho detto giusto senza errori grammaticali di alcun tipo. Ciò che ho scritto è vero nel senso, come ogni persona intelligente può capire, senza bisogno di citare alla lettera (guardi comunque il Dizionario Garzanti della lingua italiana). La lettera è solo per i principianti che non si sanno muovere nei problemi linguistici.
    Dimostri lei piuttosto da dove ha tratto l’autorevole sentenza della dizione con due ss.

  • Ma il “Benedetto” delle 13:52 è in realtà “Ernesto”? Ha avuto bisogno di un nick sostitutivo, il primo gli si è bruciato? Guardi che “Benedetto” è già utilizzato da un altro utente, al massimo le rimaneva disponibile il nick “asino”, rimanendo in tema con i suoi termini preferiti…
    Quando si perde la faccia non basta cambiare nome, e tantomeno serve farfugliare frasi sconclusionate e sgrammaticate.

  • Chiedo venia per la svista a Da santos di cui apprezzo il primo commento. Nella fretta ho confuso Da santos con Ernesto, nomi che non corrispondono a nessuno nel mio immaginario. Per il resto, non c’è bisogno di alcuna dietrologia. Càpita, no?

  • ok, equivoco chiarito e scuse accettate. siamo già in così pochi a difendere la verità, non bastoniamoci a vicenda.

  • “Se qualcuno offende mia madre,io li tiro un pugno”. Parole sante caro Bergoglio! E se qualcuno offende la Sempre Beata Maria Vergine,suo Figlio Nostro Signore Gesu’ Cristo,la Santissima Trinita’??? Che fa….???

  • il katechon è stato rimosso … ora l’ordigno in mano al perito chimico è pronto a …

  • Precisiamo meglio, così il dotto Ernesto sarà contento (agerecontra non è una sentina di ignoranti, sa?). La Chiesa non prega per i dannati ma, a parte Giuda, non ha la certezza di tale stato per nessuno, un quanto il giudizio è noto solo a Dio Onnipotente che lo stabilisce. Ergo si può pregare per tutti, nessuno escluso, i singoli esseri umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *