Istat: a novembre disoccupazione giovanile al 43,9%, record dal 1977

Condividi su:

Segnalazione  Quelsi

by Vittorio Argese

OBJ LAVOROL’Istat comunica che il tasso di disoccupazione a novembre sale a quota 13,4%, +0,2% rispetto ad ottobre. Si tratta del massimo storico, il valore più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, ovvero dal 1977.
Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni a novembre balza invece al 43,9%, +0,6% su ottobre. Anch’esso è il valore più alto registrato dal 1977. Risultano in cerca di un lavoro ben 729 mila under 25, in aumento di 18 mila unità nell’ultimo mese (+2,5%) e di 63 mila rispetto a dodici mesi prima (+9,4%). Gli occupati under25, a quota 934 mila, restano fermi su base mensile, mentre calano di 8 mila nel confronto annuo (-0,9%).


Mentre in Germania scende al minimo storico: a dicembre il tasso è sceso al 6,5% e il numero dei senza lavoro è calato di 27 mila unità contro le 5 mila attese dagli economisti.

L’istituto di statistica comunica inoltre che gli occupati a novembre risultano in diminuzione dello 0,2% rispetto a ottobre. Si contano così 48 mila occupati in meno in un solo mese. Si tratta del secondo ribasso consecutivo. Il loro numero cala anche su base annua, sempre dello 0,2% (-42 mila).

Il tasso di inattivi a novembre resta fermo al minimo storico del 35,7%. In un anno il numero di coloro che non sono occupati né cercano un lavoro è sceso di 312 mila. La tendenza degli ultimi mesi sembra quindi associare a un calo dell’inattività e dell’occupazione un aumento della disoccupazione.

Vittorio Argese | gennaio 7, 2015 alle 10:42 am | Categorie: Dall’Italia | URL:http://wp.me/p3RTK9-6dF

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *