Cia e Mossad dietro l’Isis

di Mario D.

CIA MOSSAD

Mi sorprende questo islamico che ha combattuto ferocemente i cristiani del sud-Sudan, per questa sua dichiarazione,ma essendo ben conscio dei legami tra servizi segreti, si può pensare che sappia bene le cose ! Ora il Sudan si avvale di manovalanza cinese e di aziende cinesi per l’estrazione del petrolio. Può quindi essere più distaccato riguardo agli Usa ed alla loro politica …

Il presidente sudanese Bashir: “Ci sono Cia e Mossad dietro l’Isis e i gruppi jihadisti”

Non c’è altra organizzazione o paese che ha un interesse affinché tali gruppi prosperino”

Il presidente sudanese Omar Hassan al-Bashir, ha accusato i servizi segreti americani e quelli di Israele di essere dietro le organizzazioni terroristiche che imperversano in Medio Oriente e ha criticato il modo in cui si sta affrontando il problema ISIS.

Il presidente sudanese, in un’intervista esclusiva a Euronews, ha spiegato come le azioni del gruppo terrorista “sono brutali e sono un affronto all’Islam, un’immagine distorta dell’Islam.”. E ancora: “Le uccisioni di giornalisti o prigionieri, bruciati vivo come il pilota giordano, non hanno nulla a che vedere con i valori dell’Islam”, ha dichiarato Al Bashir.

“Nessun musulmano sarebbe disposto a commettere tali atti, attacchi, omicidi, poiché l’Islam li vieta esplicitamente”, ha detto. “Io dico che la CIA e Mossad sono dietro queste organizzazioni perché non c’è altra organizzazione o paese che ha un interesse affinché tali gruppi prosperino: solo l’interferenza degli Stati Uniti nella regione e il supporto di Israele possono spiegare perché molti giovani si uniscono a queste organizzazioni, dei gruppi che distruggono l’immagine dell’Islam “.

Bashir ha anche criticato il modo in cui questo problema viene gestito dalla comunità internazionale e ha spiegato la sua proposta. “La nostra politica di lotta contro questo tipo di estremismo è quello di sradicare alla base la loro filosofia proprio con le loro stesse armi. E le idee hanno dimostrato di funzionare: studiosi in scienze islamiche che dialogano con loro fanno abbandonare le loro idee radicali”, ha detto il presidente.

Notizia del: 21/02/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *