Verona: l’Avv. Bacciga querela Toscani che viene indagato per diffamazione ai veneti

oliviero toscani

È chiamato a rispondere di diffamazione, ma non ha l’aggravante della discriminazione.

Formalmente indagato per diffamazione. E la denuncia depositata dieci giorni fa dall’avvocato Andrea Bacciga si è «trasformata» in un fascicolo d’indagine per l’ipotesi prevista dall’articolo 595 ma senza l’aggravante della discriminazione, un fascicolo aperto dal procuratore Mario Giulio Schinaia e che è stato assegnato al sostituto procuratore Marco Zenatelli.


L’iscrizione di Oliviero Toscani, l’architetto lombardo «toscano di fatto» e provocatorio ideatore delle campagne pubblicitarie di una delle aziende venete per eccellenza, Benetton, rappresenta da parte della Procura un atto dovuto. Già, perchè per quel «Veneti popolo di ubriaconi e alcolizzati» pronunciato da Toscani durante la trasmissione «La Zanzara» (ma poi ha rincarato la dose) una signora e tre ragazzi si erano risentiti.
Invero, almeno a giudicare dalle reazioni che per giorni si sono susseguite sui social network, si è offeso un anche un considerevole numero di veneti che ipotizzavano addirittura una class action. Si era risentito anche il Governatore Luca Zaia che aveva accordato a Toscani 48 ore per presentare scuse formali per tutto, anche per quel «Poveretti, non è colpa loro se uno nasce in un posto, è un destino».
Sta di fatto che la denuncia depositata il 5 febbraio chiedeva espressamente che Toscani venisse indagato. Il legale che rappresenta i «denuncianti offesi» aveva ipotizzato anche l’aggravante prevista dalla legge Mancino, ritenendo che le frasi utilizzate da Toscani esprimessero palesemente il «disprezzo verso i Veneti e rimarcando il pregiudizio nei loro confronti qualificandoli come un popolo “diverso”, di ubriaconi». Una circostanza che tuttavia nel fascicolo in carico al sostituto Zenatelli non appare.
Le scuse di Toscani chieste da Zaia arrivarono entro le 48 ore «con l’ansia», scrisse, «e la fretta del suo ultimatum che pende sulla mia testa», spetterà ora al magistrato valutare la portata offensiva di quel concentrato di «etichette» poco edificanti.F.M.

 

 

Fonte: http://www.larena.it/stories/Home/1062890_frasi_contro_i_veneti_toscani_indagato/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *