Ecumania blasfema a Milano: “Allah è grande” davanti al Duomo insieme all’Ave Maria

Risultati immagini per musulmani in piazza duomodi ZITA DAZZI

ore 17.22 del 19 maggio 2015

Cinquantamila in piazza nella serata voluta dal cardinale Scola con la Caritas Internationalis nel segno del dialogo tra le fedi. Due tenori-muezzin hanno intonato l’invocazione degli islamici, intrecciando il loro canto a quello di Tania Kassis

«Allah u akbar, Dio è grande, Allah è l’unico Dio». Suona forte e ipnotica, la cantilena sacra intonata da due muezzin in piazza del Duomo a Milano, mentre cala la sera, davanti a una folla di 50mila persone secondo la curia. Sono passate da poco le 21.30 quando parte l’invocazione ad Allah dal palco montato sul sagrato, nella piazza più importante della città, piena di gente arrivata da tutta la Diocesi ambrosiana.

Lo spettacolo di arte, musica, letturatura e preghiera, è stato deciso dall’arcivescovo Angelo Scola e da Caritas Internationalis per segnare simbolicamente l’ingresso ufficiale della chiesa nel programma di Expo. Ma non era mai successo che davanti alla cattedrale simbolo di Milano risuonasse, con tutta la sua carica evocativa ed emotiva, l’invocazione sacra al Dio dei musulmani, l’appello alla preghiera che risuona dai minareti di tutto il mondo, cinque volte al giorno.

Quella del cardinale è stata una scelta ben precisa, nel segno del dialogo fra le fedi, a cui Scola ha dedicato tanto impegno con la sua Fondazione Oasis. I due tenori-muezzin invocano Allah, «l’unico Dio», e introducono la voce dolcissima e incantevole di Tania Kassis, grande artista libanese, in prima fila nella battaglia per la pace e il rispetto dei popoli in Medioriente. Tania Kassis intona l’Ave Maria in chiave arabo-cristiana. È lei la stella fra le stelle della serata, davanti a due cardinali (oltre a Scola c’è anche Oscar Maradiaga, presidente di Caritas Internationalis), 30 vescovi e 200 dirigenti delle Caritas del mondo. Tutti quelli che oggi si riuniranno in assemblea all’auditorium di Expo e presenteranno i risultati della campagna contro la fame voluta da papa Francesco nel 2013.

Sono tanti gli artisti che si alternano sul palco. Piera Degli Esposti che legge la Creazione dalla Genesi, Matteo Bonanni che legge le Nozze di Cana e la Pesca miracolosa dal Vangelo di Giovanni; Giacomo Poretti, che si lancia in una spericolata quanto suggestiva rilettura della Bibbia sotto l’aspetto culinario. Ma è la battagliera Tania Kassis con la sua voce che sa di Oriente a stregare la platea, come ha già fatto nei teatri di tutto il mondo, da Parigi a Buenos Aires: «Sono nata a Beirut e sono cresciuta in un quartiere cristiano, passando ogni giorno davanti alla moschea per andare a scuola. Da noi è normale sentire il canto del muezzin mischiarsi con il suono delle campane; la Vergine Maria compare 24 volte nel Corano e Gesù è un profeta – spiega – Per questo ho voluto cantare un’Ave Maria che tenga dentro anche la tradizionale invocazione al Dio unico, che noi chiamiamo Allah, il dio delle religioni monoteiste, l’Islam, come il Cristianesimo e l’Ebraismo. Allah U Akbar non deve essere più ricordato come il grido di morte dei terroristi, ma come una parola di pace fra gli uomini che credono nel potere di riconciliazione della fede degli uomini».

Il cardinale Scola annuisce, sorride e conclude la serata recitando una preghiera: «Signore solo tu conosci fino in fondo la nostra fame di cibo, di lavoro, di dignità, di vita e di edificazione comune, di bellezza, di bontà e di verità. Fame d’amare ed essere amati. Non permettere che venga messa a tacere, ingannata o soffocata questa fame. Liberaci dall’indifferenza».

http://m.repubblica.it/mobile/r/locali/milano/cronaca/2015/05/19/news/milano_allah_e_grande_davanti_al_duomo_insieme_all_ave_maria-114687976/

15 Risposte

  • Cara curia ,provate a cantare l’Ave Maria alla mecca:verrete decapitati immediatamente,questa è la realtà.Ma lo ripeto ancora una volta l’islam non è il vero nemico;aver abbandonato la Tradizione e i Padri della Chiesafa sì che Dio Padre Onnipotente crei confusione nell’occidente una volta cristiano e si aprano le porte alle false religioni e si dia potere alla massoneria che vuole la guerra con la Russia la quale una volta comunista ora si mostra più cristiana di noi.La Madonna a Fatima lo ha detto la Russia fustigherà l occidente. Defensor Fidei

  • Vero , il male oscuro dell’Occidente è la massoneria e chi l’ha voluto + affini vari .
    Ma quanta colpa in coloro che cristiani non lo riconoscono , bollando tutto come fantasie !

  • Scola è un blasfemo ipocrita adoratore di chiunque non adori il Vero Dio e vero Uomo !
    Già da tempo avevo notato le sue azioni ecumeniche a beneficio degli adoratori di Altro.
    E’ una vergogna per Milano, come il precedente, piccolo di statura e di spirito.
    Che S.Ambrogio ci tolga dei piedi questo essere, al più presto.

  • Grazie al Card. Scola per alimentare l’indifferentismo religioso! Con questa trovata passa il msg che una religione sia uguale all’altra dimenticando invece che Gesù è LA via, LA verità e LA vita. E’ LA VERITA’ non una delle tante verità. Il Corano cita la Vergine Maria e Gesù? E allora??? Come li cita però? Considerando Gesù un qualunque profeta, inferiore addirittura a Maometto. Non lo considera il FIGLIO DI DIO, seconda persona della Trinità. E Maria? Solo la madre del “profeta” Gesù. Nostro Signore Gesù Cristo, il Salvatore, morto e risorto, ha lasciato il mandato di evangelizzare TUTTE LE GENTI! E cosa fanno i Suoi vescovi? Si lasciano colonizzare da altre religioni! Ecco come il sale della terra perde sapore…

  • I primi ad esser cacciati come traditori del cattolicesimo sono i prelati conciliari (vedi Scola). Ma come si fa ad essere accoglienti con coloro che uccidono migliaia e migliaia di cristiani ogni anno. Con i seguaci di Maometto si può dialogare solo con gli stessi mezzi che utilizzano loro: le armi che un bel giorno dovremo imbracciare, proprio come ora sono obbligati a fare i cristiani in Medio Oriente.

  • Che pena! Che Dio li perdoni, perché non sanno quello che fanno. O lo sanno? Mah…

  • Condivido il pensiero di Antonio: l’islam non è il vero nemico. La creazione della setta islamica e’ stata opera della solita regia satanico-giudaica. Quella che da sempre impegna tutto il suo potere x demolire la chiesa. Ora, grazie al sostegno dei clericali traditori, è arrivata all’ assalto finale.
    Ma sappiamo che non trionferà…..

  • Cara sig.a Giovanna, non trionferà ma a prezzo di immani spargimenti di sangue che sono già iniziati in Medio Oriente, dove c’erano le prime comunità cristiane al mondo!
    Per mezzo di questi nuovi sedicenti vescovi , come lo Scola, l’islam, (comandato ,certamente, dai soliti primi persecutori del cristianesimo) sta spazzando via il cristianesimo anche dove prima c’era la cultura e la civiltà cristiana.

  • Certamente il prezzo da pagare sarà altissimo (lo è già). Ricordiamoci inoltre che i sedicenti fratelli maggiori (quelli che davvero muovono i fili del potere per abbattere la chiesa) sono ben radicati nel nord ovest e nordest d’Italia. Più di quanto possiamo immaginare. Piccoli gruppi di famiglie ricchissime, sconosciute ai più, insospettabili e apparentemente in buoni rapporti con le realtà pseudo cattoliche
    locali. Sanno mimetizzarsi benissimo e per
    ingannare il prossimo fanno lauta beneficenza e danno lavoro.
    L’Italia è in mano loro. Senza rendercene conto i peggiori nemici di Cristo sono “nostri vicini di casa”.

  • Dott. Mardun, Qualcuno disse: ” il vostro parlare sia si, si, no, no …” chi sono i “soliti primi persecutori del cristianesimo” ? … ancora per poco non è reato dire pane al pane, vino al vino

  • I primi persecutori del cristianesimo sono quelli che crocefissero per interposta autorità, e quelli che qualche centinaio di anni dopo, si vendicarono della Gerusalemme cristiana e massacrarono decine di migliaia di abitanti perchè cristiani. Sono gli stessi che hanno inventato nel 1970 circa, la storia del “sacrificio voluto” [shoà] per annebbiare nelle menti cattoliche il Vero ed unico Sacrificio Sublime. Ognuno può capire, se vuole.Il reato di opinione esiste già…

  • Dimenticavo di quel brav’uomo di Renzi che a colpi di mano impone dei cambi economici e societari,. senza mai essere stato eletto, ma inserito a forza al comando dell’Italia. Che c’entra?
    C’entra, c’entra perchè il suo consigliere, ben nascosto, ma scoperto dalla trasmissione della giornalista sinistra , radical-chic, L.Gruber ha un nome “strano” che ricorda tanto cognomi dei “fratelli maggiori” di Woityla…
    Mah, chissà perchè !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *