“Monsignor” Galantino: “Lo Stato guardi ai “sacrosanti” diritti delle unioni civili e omosessuali”

IMG-20150603-WA0000

“Monsignor” Galantino: “Lo Stato guardi ai “sacrosanti” diritti delle unioni civili e omosessuali”

Qualcuno ricordi a Galantino che la sodomia è uno dei quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio, secondo per gravità solo all’omicidio volontario, come ha fatto il nostro Responsabile Nazionale Matteo Castagna ieri sera su Telearena alla trasmissione “Diretta Verona”, rivolgendosi a don Rino Breoni, che sostanzialmente teneva la stessa posizione di Galantino. O come ha fatto egregiamente Maurizio Ruggiero, sempre ieri sera, seppur attaccato vilmente e faziosamente a “La Zanzara” su Radio24. Pare proprio che oggi chi difende la Famiglia naturale sia a-normale. E’ in corso un’omofollia cui è doveroso reagire con fermezza. Stasera alle 19.00 Matteo Castagna ne parlerà su Radio Forza Nuova www.radiofn.eu

Segnalazione di Federico Prati

MONSIGNOR GALANTINO: A “CHE FUORI TEMPO CHE FA”, “LA FAMIGLIA SEMBRA SCOMPARSA”

Gramellini, ricordando l’opposizione ai Dico di qualche anno fa, ha chiesto, poi, se la Chiesa ancora si oppone. “Qui entriamo in quelli che sono i compiti dello Stato e quelle che sono anche le modalità con le quali una realtà come la Chiesa reagisce a certi tipi di proposte maturandole anche in base al progresso culturale che si può fare, alla crescita di sensibilità rispetto a certe realtà. Di sicuro, quando oggi noi parliamo di persone dello stesso sesso che vogliono formalizzare questo loro stare insieme e avere il riconoscimento dei propri diritti, io penso che uno Stato civile non possa ignorare questo tipo di domanda. Mi piacerebbe che questo Stato non solo guardasse con grande realismo ai sacrosanti diritti degli individui che chiedono di unirsi nelle unioni civili e non solo stesse attento anche a vedere cosa veramente può fare per chi avendo un orientamento sessuale diverso chiede che questa posizione venga stabilizzata”.

Infatti, “fare questo non vuole dire agire in modo tale che questo tipo di interventi vada a penalizzare, vada, come di fatto sta avvenendo, a mettere all’

angolo la famiglia fatta di padri, madri e figli. Mi piacerebbe che questo nostro Governo, che questi nostri onorevoli la stessa passione che mettono in questa realtà la mettano anche per la famiglia”. La famiglia, invece, ha concluso il presule, “sembra scomparsa”.

“Lasciateci fare un po’ il nostro mestiere di gente che di fronte alla realtà cerca di ragionare, cerca di non vendere il cervello all’ammasso, cerca anche di confrontarsi con la realtà in maniera semplice, drammatica qualche volta, ma sempre con la voglia di aiutare”, ha proseguito il segretario della Cei.

Rispondendo a una domanda su matrimonio e procreazione, monsignor Galantino ha

precisato: “Non è che la Chiesa dice che il matrimonio è unicamente orientato alla procreazione, non è questo. Il matrimonio ha una portata molto più complessa, nella quale la prole è sicuramente un elemento importante, ma scusate ci sono anche tante coppie che purtroppo non riescono ad avere figli.

Allora in quel caso non avremmo un matrimonio? Il problema è un altro: il matrimonio è il mettere insieme due volontà, due progetti, però, che se vogliono essere riconosciuti dalla società civile devono anche mostrare che questo loro stare insieme non è soltanto un contratto tra di loro, altrimenti non possono chiedere l’

attenzione della società, alla quale non bisogna solo chiedere, ma anche dare”.

Questo è “il senso del matrimonio inteso unicamente come fatto costituzionale.

D’altra parte, se andiamo a leggere l’articolo 29, di questo parla”.

Fonte: AgenSir

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *