Aborto: REPETITA IUVANT

20150717_102745_mzr1pcks

del Prof. Antonio Diano

In un altro post qui accolto viene citato il caso della fantomatica assassina “dr.ssa” Deborah Nucatola, che in USA ammazza e fa a pezzi (al fine di venderli!!) bambini spesso già nati, come purtroppo fanno altri suoi colleghi assassini (alcuni “teorici” dell’aborto post partum sono italiani attivi in Australia, come abbiamo documentato anche qui più volte). Ma attenzione: se è ovvio che l’omicidio post partum suscita psicologicamente e umanamente un orrore maggiore, imparagonabile (né v’è motivo di sorprendersene), va notato e anzi va ribadito con grande fermezza che, sul piano morale e – volesse Iddio – giuridico: omicidio è questo, omicidio è l’altro, quello in pancia. Strettamente parlando non v’ha differenza alcuna. Il fatto che uccidere un essere umano già nato faccia psicologicamente più orrore è – lo ripetiamo – comprensibile, e probabilmente serve, nella prassi astutissima dei servi di satana, oltre che ad alimentare un giro micidiale di soldi, a far rientrare con maggior efficacia una certa idea di ‘liceità’ dell’aborto purché “non si esageri”, per dir così. E’ la stessa logica di richiedere che l’omicidio avvenga “almeno” entro i “confini della legalità” (Dio ci spieghi quale ‘legalità’ può assumere un omicidio), come sembra voler suggerire qualcuno (ad es. il Card. Ruini allorché s’oppone alla cancellazione della 194, ma anche, purtroppo, alcuni sedicenti “prolife” che considerano l’opzione pro vita come una delle soluzioni ‘democraticamente’ accettabili, sovrapponendosi così drammaticamente al più orripilante pro choice, la cui legittimazione passa per la finestra, anzi ormai dalla porta).

La “messa in forma” di un delitto non ne cambia la natura e l’essenza. Bisogna stare attentissimi a queste sordide operazioni del demonio.

“Almeno” togliamo gli aspetti più orribili, dicono. E la patata è bruciata: pian piano la distinzione tra aborto e aborto 2.0 sarà passata nella communis opinio.

Lottare per salvare più vite possibile, certamente. Ma sui principii non si cede di un millimetro, altrimenti diverrà, tra l’altro, sempre più difficile, ammesso che in questi termini sia possibile, salvare vite innocenti. La morte orribile diverrà ancora più diffusa.

Infine, dobbiamo renderci conto di una cosa, al fine di non confondere la carità cristiana con operazioni surrettizie e umanitaristiche (che possono trasformarsi in tragedie morali, quale che sia la volontà di un soggetto, e persino – altro che no! – in maggiori danni alle vite singole): NOI NON SIAMO ALL’OSPEDALE, ove bisogna agire su TUTTI i casi concreti, sulle conseguenze fattuali e oscene della liceità dell’aborto-omicidio; noi siamo nella filosofia, nella dottrina, nella Chiesa cattolica per combattere senza quartiere l’orrore dell’aborto considerato in guisa di diritto, comecchessia.

Perché, come non esistono vite di serie A e di serie B, sul piano teologico-morale non esistono aborti brutti e aborti così così.

Non cadiamo nella trappola.

Il demonio è furbo.

4 Risposte

  • L’avversario è si furbo come a Madjugore ;è disponibile anche a concedere conversioni da quelle parti ma per ottenere alla fine un male peggiore.I cattolici a favore di Madjugore sono tutti per i nostri ultimi papi.L’aborto è l’omicidio per eccellenza.Omicidio di un innocente va di pari passo con il tradimento di chi si fida.Più si va verso l’abisso più la velocità aumenta .Credo che le concessioni che la gerarchia vaticana farà nel vicino futuro saranno sempre di più.Mi ricordo Padre Pio che disse: se gli aborti nel mondo cessassero Dio non farebbere nascere più la guerra.Defensor Fidei

  • L’aborto è un sacrificio satanico , questo dovrebbero pensare i cattolici , ma sono troppo presi dall’animatore di villaggio nonché vescovo bergy 🙁 .

  • L’aborto è la piaga mondiale che farà spezzare le nazioni e deflagrare la terra in punizioni inimmaginabili. Questo è quello che penso e che non vorrei, ma non c’è mai stata nella storia umana una tale sequela di leggi criminali in ogni nazione…E Mentre un Bergoglio ridens gironzola nel mondo ed accoglie crocefissi irridenti la Sofferenza del Cristo, persino l’Italia accoglie e promuove tutto quello che c’è di anticristiano. Peggio di così ?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *