Cristiani siriani contro l’Isis, yankees pro Isis in funzione anti-russa, Bergoglio contro Dio.

Isis benedetti in chiesa dal sacerdote

 

 

Segnalazione e commento di Maurizio-G. Ruggiero

… mentre i conciliari, come al solito, tradiscono … e gli americani importano l’Isis in Europa (nella Nova Rossja per l’esattezza, in funzione anti-russa):

Non passa giorno che le autorità diplomatiche americane non dicano di essere pronte a riaprire i rapporti con Mosca, soprattutto per quanto riguarda la lotta all’Isis. Eppure, nello stesso momento, accettano che al fianco delle truppe nazionaliste ucraine che stanno fronteggiando i separatisti filorussi nel Donbass combattano gli islamisti.

A confermarlo è un reportage del New York Times, che riporta il racconto della guerra “contro Putin” delle tre milizie cecene schierate con Petro Poroshenko, i cui combattenti provengono quasi esclusivamente da quell’Emirato del caucaso che ha dichiarato fedeltà al Califfato dell’Isis.

“Ci piace combattere i russi – dice al Nyt il comandante di uno dei tre battaglioni islamisti – abbiamo sempre combattuto i russi”. Ci sono circa 30 miliziani per ognuna delle tre truppe, la “Dzhokhar Dudayev” e la “Sheikh Mansur”, che sono a prevalenza cecena, e la “Crimea”, dove sono inquadrati soprattutto tatari della regione ora sotto il controllo di Mosca.

I combattimenti in Ucraina, nonostante la pace di Minsk, si stanno spostando verso Mariupol. Per fermare la possibile avanzata dei filorussi, l’esercito ucraino sta ricorrendo sempre più massicciamente a truppe di volontari. Tra cui, appunto, gli islamisti ceceni amici di Al-Bahgdadi. “In Ucraina – riporta il Nyt – si dice che il grido “Allahu Akbar” delle truppe cecene sia quello che più di tutti intimorisca i soldati filorussi”.

Nell’intervista, il combattente ceceno ha detto che lei e gli altri islamisti combattono con poche protezioni: “Questo è il nostro modo di vedere le cose. Noi crediamo in Dio, quindi non abbiamo bisogno di giubbotti corazzati”. E poi ha concluso: “E ‘utile per l’Europa che noi combattiamo qui come volontari. Ma non tutti capiscono”.

Forse perché fanno parte di quel movimento jihadista ceceno guidato da Aslan Byutukayev. Il quale non ha avuto remore nel dichiarare la sua affiliazione allo Stato Islamico.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/mondo/battaglioni-islamisti-dellisis-fianco-dellucraina-contro-i-s-1150353.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *