FATIMA E L’ECLISSE DEL PENSIERO CATTOLICO SULLA CHIESA DELLA VERITÀ

Risultati immagini per Eclisse del pensiero cattolicoL’EDITORIALE DEL VENERDI

di Arai Daniele

Ricordare che la Chiesa, Società perfetta istituita da Nostro Signore per la salvezza, è la Chiesa della Verità ovvero di Gesù Cristo, sembrerebbe ridondante.

Eppure, più passano gli anni dopo il famigerato Vaticano 2 e più la nozione di Chiesa Cattolica è resa estranea, non alle verità cristiane in genere, ma alla Verità unica. E ciò, pure tra i fedeli di prima. Per esempio, pare che la Chiesa non abbia niente a che vedere con la crisi monetaria in Grecia o con i regimi sinistrorsi americani. Forse in Medio Oriente avrebbe ancora di che occuparsi a causa dei massacri di cristiani.

Sulla questione di Roma e del papa eretico, allora, si potrebbe discutere ma solo in vista degli assurdi quotidiani pontificati da Bergoglio. Resterebbe comunque la stessa Chiesa, che sarebbe per definizione quella lì del Vaticano, per quanto grave possano essere le discrepanze dimostrate nella fede dai doti di quel mondo sedeplenista o sedevacantista; peggio ancora se a rilevarle sono dei cosiddetti «sedevacantisti totali».

Ecco il punto dolente per molti; le questioni di fede sollevate usando termini come «integra e pura», «totale», «piena», applicati alla Religione e alla Chiesa. Eppure, sono proprio quei termini che esprimono l’incompatibilità della Verità con una «fede ecumenista» e una «chiesa divisa».

Ebbene, è proprio su questo che penso sarebbe sano che il «pensiero cattolico» prendesse il volo elevandosi fino a vedere il Bel Pianeta dall’alto dei Cieli. E da tali quote meditasse sulla Verità assoluta che si è incarnata come Persona in quella magnifica sfera di mari e terre, dove ha istituito la Sua Chiesa, Una e Santa. Tutto affinché la persona umana seguendo l’aspirazione inerente al pensiero per cui è stata creata, potesse avvicinarsi nella Fede allo splendore unico della Verità divina. Sì perché la Verità rinchiude tutto, pur nella fugace vita umana in terra: il visibile e l’invisibile; riguarda l’esistenza dell’anima spirituale immortale, che non si vede e la cui esistenza è oggi spesso negata, e la realtà della Chiesa che si vede oggi ma alterata. Sì perché, se da quell’istituzione, che la moltitudine ritiene essere la Chiesa visibile, procede una voce che pontifica falsità sulla verità del Peccato, della Giustizia e del Giudizio sullo spirito del mondo, ispiratore di tutte le credenze e ideologie già condannate, quel che si vede è una falsa chiesa aliena alla Verità. Per saperlo, basta aver presente il Vangelo della piena Verità inspirata dallo Spirito Santo.

Infatti, Gesù insegna: Me ne vado, ma manderò a voi il Paraclito. “Quando egli verrà, accuserà il mondo di peccato, di giustizia e di giudizio; di peccato perché non credono in me; di giustizia perché vado al Padre e voi non mi vedrete più; di giudizio perché il principe di questo mondo è già giudicato. Ho ancora molte cose da dirvi, ma non potete sostenerle per ora. Quando verrà lo Spirito di verità, egli vi insegnerà tutta la verità; giacché non parlerà da Se stesso, ma vi dirà quanto udrà, e vi annuncerà le cose che dovranno succedere. Egli mi glorificherà, perché prenderà da Me e ve lo annuncerà. Tutto ciò che ha il Padre è Mio; perciò ho detto che prenderà da Me e ve lo annuncerà». (Gv 16, 7-15)

«Questo vi ho detto in parabole. Viene l’ora in cui non vi parlerò più in parabole, ma vi annuncerò apertamente quanto riguarda il Padre Mio. In quel giorno chiederete nel Mio nome e non vi dico che Io pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, poiché voi Mi avete amato e avete creduto che sono uscito da Dio. Sono uscito dal Padre e sono venuto al mondo; ora lascio il mondo e vado al Padre»… Rispose loro Gesù: «Voi adesso credete?Ecco che viene l’ora, ed è venuta, che sarete dispersi ciascuno per conto suo e Mi lascerete solo. Ma Io non sono solo, perché il Padre è con Me. Questo vi ho detto perché abbiate la pace in Me. In questo mondo avete da soffrire; ma abbiate coraggio: Io ho vinto il mondo». (Gv 16, 25-33)

Può esserci una chiesa accordata con il mondo vinto da Gesù Signore che non sia falsa?

LA GRAN PREGHIERA DI GESÙ AL PADRE

per la glorificazione della Sua testimonianza Sacerdotale (Gv 17)

“Così parlò Gesù e, levati gli occhi al cielo, disse: «Padre, l’ora è venuta. Glorifica il Figlio Tuo affinché il Figlio glorifichi Te. Come gli hai dato potere su ogni carne, dia Egli la vita eterna a tutti coloro che Tu gli hai dato. Questa è la vita eterna: che conoscano Te, il solo vero Dio, e Colui che Tu hai mandato, Gesù Cristo. Io Ti ho glorificato sulla terra, avendo compiuta la missione che Tu Mi hai affidata. Ora glorificami Tu, Padre, davanti a Te, con la gloria che Io avevo presso di Te prima che il mondo fosse. Ho manifestato il Tuo Nome agli uomini che Mi hai dato dal mondo. Erano Tuoi e li hai dati a Me, e hanno osservato la Tua parola. Ora essi sanno che tutto quanto Mi hai dato viene da Te, perché le parole che Tu Mi hai date Io le ho date a loro ed essi le hanno accolte riconoscendo veramente che sono uscito da Te e hanno creduto che Tu Mi hai mandato».     

«Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che Tu Mi hai dato, perché sono Tuoi. Tutto ciò che è Mio è Tuo e quello che è Tuo è Mio, e Io sono stato glorificato in loro. Io non sono più nel mondo, ma essi sono nel mondo, mentre Io vengo a Te, Padre santo; conservali nel Tuo Nome che Mi hai dato, affinché siano uno come siamo Noi. Quando ero con loro, Io li ho conservati nel Tuo Nome che Mi hai dato e li ho custoditi e nessuno di loro si è perito, Tranne il figlio della perdizione, affinché si adempisse la Scrittura. Ora vengo a Te e queste cose dico mentre sono nel mondo, affinché abbiano in loro la Mia gioia in pienezza. Io ho dato loro la Tua parola e il mondo li ha odiati, perché non sono del mondo come Io non sono del mondo. Non Ti chiedo che li tolga dal mondo, ma che li preservi dal male. Essi non sono del mondo, come Io non sono del mondo. Consacrali nella Verità. La Tua parola è Verità. Come Tu Mi hai mandato nel mondo, così anch’Io li ho mandati nel mondo. E per loro consacro Me stesso, affinché siano anch’essi consacrati nella Verità».    

«Non prego solo per costoro, ma anche per coloro che crederanno in Me mediante la loro parola: che tutti siano uno come Tu, Padre, in Me ed Io in Te, affinché siano anch’essi in Noi, così che il mondo creda che Tu Mi hai mandato. Io ho dato loro la gloria che Tu Mi hai data, perché siano uno come Noi siamo uno: Io in loro e Tu in Me, perché siano perfetti nell’unità, e il mondo riconosca che Tu Mi hai mandato e li hai amati come hai amato Me. Padre, Io voglio che anche quelli che Tu Mi hai dato siano con Me, dove sono Io, affinché contemplino la Mia gloria, quella che Tu Mi hai dato, poiché Mi hai amato prima della creazione del mondo. Padre giusto, il mondo non Ti ha conosciuto, Io invece Ti ho conosciuto e costoro hanno riconosciuto che Tu Mi hai mandato. Io ho fatto loro conoscere il Tuo Nome e continuerò a farlo conoscere, affinché l’amore con cui Tu Mi hai amato sia in essi, ed Io in loro». Gv 17, 1-26)      

ARRESTO DI GESÙ – “Detto questo, Gesù uscì con i Suoi discepoli al di là del torrente Cedron dove c’era un orto, in cui entrò con i suoi discepoli. Anche Giuda, che lo stava tradendo, conosceva bene il posto, perché Gesù molte volte si era riunito là con i Suoi discepoli. Giuda dunque, presa la coorte e le guardie dei sacerdoti-capi e dei farisei, vi si recò con lanterne, fiaccole e armi. Gesù, sapendo tutto ciò che stava per accadergli, si fece avanti e disse loro: «Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù il Nazareno». Dice loro: «Io sono». Stava con loro anche Giuda che lo tradiva. Quando ebbe detto loro: «Io sono», indietreggiarono e caddero a terra. Domandò allora di nuovo: «Chi cercate?». Ed essi dissero: «Gesù il Nazareno». Gesù rispose: «Ve l’ho detto che sono Io. Se dunque cercate Me, lasciate andare via costoro». Così si adempì la parola che aveva detto: «Di quelli che Mi hai dato non ne ho perduto nessuno».

La Chiesa della Verità è provveduta fin dalla sua istituzione di governo e leggi con tutti i mezzi per operare in vista della sua missione essenziale e perenne: rappresentare l’unica autorità di Dio in terra. Tale missione integrale ha le sue origini nella SS. Trinità; proviene dal Padre ed è trasmessa dal Figlio e si esercita nello Spirito Santo. Questo potere, dato all’uomo eletto per essere Vicario di Cristo, non è dato dalla Chiesa, ma immediatamente da Dio stesso, per il Suo disegno vitale.

Il cattolico deve avere in mente cosa sia la piena missione della Chiesa, società speciale, la più eccellente di tutte, che ha un aspetto umano, ma è d’istituzione e diritto divino. Come la si vede, però, nei nostri tempi? Nell’era in cui predomina il naturalismo materialista e l’agnosticismo ecumenista, si arriva a vedere la Chiesa come società di alleanze piuttosto umane, poiché tale è l’aspetto che predomina nella visione del suo governo terreno. E ciò comporta una serie di devianze in peggio. Per esempio, in qualsiasi società, quando un governo decade per qualsiasi ragione; per decesso, invalidità o nullità del capo, se ne fa subito un altro, per non restare senza un governo che compia il fine essenziale di quella società. Per la continuazione dei regni terreni si usa dire “The King is dead. Long live the King! Certamente nella Chiesa cattolica, anche se la successione non è parimenti ereditaria, i provvedimenti per la sua continuazione sempre furono ritenuti urgenti e immediati. Come si potrebbe trascurarli nella Società voluta da Dio per il Suo disegno di salvezza? Ma eccoci allora al peggio del peggio: non solo si trascura questa impellente necessità di sua continuazione nel tempo, oggi si trascura la continuità nell’integrale, totale fedeltà al suo fine.

In qualsiasi società organizzata, se la sua direzione devia dallo scopo per cui esiste essa è contestata e al più presto sostituita. Per la Chiesa di Dio, tutto sembra ora diverso, si attribuisce il male e l’eventuale corruzione dei suoi fini al suo aspetto umano, ma ai suoi governanti si crede dover riservare sempre tutto il rispetto dovuto al loro «aspetto divino» ad oltranza, con o senza l’unica fede. Ciò a punto di non voler attribuire ai «papi conciliari» responsabilità diretta alla rovina nella vita della Chiesa, neppure in questioni riguardanti le loro iniziative devianti dalla Fede! Si arriva a predicare che un «papa» resta tale, anche se somministra veleno spirituale «urbi et orbi» e perciò non può essere seguito nei suoi atti sovversivi!

Chierici come Roncalli o Montini, elevati alla suprema posizione, hanno cambiato la Chiesa secondo un piano apertamente modernista e massonico. Questa loro intenzione deriva da pensieri ereticali precedenti per cui s’inquadrano in pieno nella condanna della Bolla di Papa Paolo IV. Cioè, il piano si poggia su dottrine ereticali condannate risalenti a prima della loro «elevazione», il che rende nulle le loro elezioni, pur con il voto unanime dei cardinali – che non è stato nemmeno il caso. Nonostante la loro opera demolitrice, nell’ambito cattolico è prevalso un «rispetto» che si è riversato più sulle persone dei deviati, e della loro successione antiapostolica, che sulle difese per preservare la Dottrina apostolica di 260 Papi e 20 Concili ecumenici. S´inventò di tutto per difendere, non prima di tutto la santa Fede ricevuta dal Sacrificio di Gesù Cristo, ma la presunta legalità di «autorità» elevate per mutarLa. Ecco il modo come si calpesta oggi, non solo la Legge della Chiesa, ma la sua missione divina. La scusa è ancora del rispetto quasi assoluto per dei conclavi ritenuti «canonici» pur se elettori di deviati e perciò di eretici. Questi erano allora occulti e il che spiega lo sbaglio umano di ellegere dei non papabili, ma poi essi si sono manifestati nelle loro opere con gravi deviazioni dottrinali di segno modernistico.

Si trattava di conclavi nulli, come lo prevede quella Bolla papale e la Legge della Chiesa. Ma la visione chiara della realtà di quello che è vero nella Santa Chiesa rimane turbata da una scrupolosità clericale irretiva da una mal digerita manualistica canonica che comunque mette in primo piano il diritto di un eletto piuttosto che l’integrità della Fede per la quale è eletto un Papa. E il pauroso guaio di convivere con «papi modernisti» che si succedono è ormai istituzionalizzato!

Se oggi un cattolico volesse soffermarsi per vagliare la distorta reazione di certi autori che lo ammettono, non lo faccia per rispetto al suo linguaggio d’aspetto legalista, ma piuttosto nella verifica del suo amore per la difesa dell’unica Fede nell’unica Chiesa, senza fare accezione di persone e gradi. Questo amore si può solo dimostrare nella reazione sul principale e più urgente: la Chiesa da mezzo secolo ha bisogno di un Papa cattolico che difenda la continuità della sua Fede divina. Ma a ciò si contrappone il «pensiero» piantato sulla «legalità» del deviato e del conclave che lo ha elevato alla Sede della Verità per giocarla, Ecco cos’è che scinde la legalità dalla Verità nell’opera del Signore e diviene d’ostacolo all’unica direzione di pensiero che offre la soluzione come Dio comanda: “sia anatema e non salutatelo nemmeno!” (Gl 1, 8; 2Gv)

Come potrebbe la confusione opportunistica contraria a tale comando riguardare la Chiesa da sempre definita Società perfetta istituita per la salvezza e provveduta fin dalla sua istituzione di governo e leggi con tutti i mezzi per operare nella missione perenne di rappresentare l’Autorità di Dio in terra.

Eppure, nei nostri tempi si avanzano queste idee che si vorrebbe far passare per pensiero e anche prudenza cattolica e tradizionale, per cui può esistere una Chiesa vera ma divisa, presentata come Chiesa Una, ma ecumenista con diversità nella sua integrità dottrinale!

Ciò può solo risultare dall’impossibilità di capire e credere nella natura della Chiesa come entità assoluta e soprannaturale, tanto superiore ai governi terreni, come è l’unica Chiesa di Dio. Ma la storia è vecchia, basta rileggere il Profeta Samuele… il popolo voleva un re, come quello degli altri popoli!

Lo hanno avuto e l’elezione di quel Popolo a ricevere la Verità incarnata ne è rimasta compromessa. Come potrebbero capire poi la dottrina totale della Persona che è Verità e non solo pregava la Parolaspirituale, ma cacciava i mercanti e i falsari dal Tempio.

La Verità divina riguarda tutta la verità sull’uomo, dall’anima spirituale e immortale ai valori terreni da far rispettare con azioni di governo.

Quando manca il Vicario della Verità, sostituito da capi applauditi nelle piazze del mondo, la Veritàrimane isolata altrove. E allora gli spacciatori di droga e di moneta contraffatta sguazzano ovunque senza ammonizioni; sono perfino onorati gli spacciatori di false credenze e di alleanze religiose aliene alla Nuova Alleanza nella Verità.

Ecco la nuova chiesa dove sono i gran sacerdoti a battere moneta falsa.

Sì perché diffondere false dottrine come essendo cattolica è peggio che trafficare con gli errori del comunismo o con i mercanti che rovinano il mondo e oggi, strangolano la Grecia per continuare l’asfissia di tutta la Cristianità restante. Un castigo meritato dai popoli che hanno avuto avvertimenti straordinari aLa Salette e a Fatima sul crollo del Papato.

Eppure, nemmeno la presenza di «papi massoni» che censurano e manipolano gli avvertimenti divini, e che da allora la Verità non è più nella parola venuta da quest’ altra Roma, sono stati sufficienti per suscitare una degna reazione di figli della Chiesa.

Si vede che la decadenza dovuta all’eccidio papale – più chiaro nel 1960 – non era e non è confinata ai solo sacri palazzi occupati, ma diffusa sulla terra.

Cose spaventose e strane sono successe in terra: i profeti profetavano menzogne e i sacerdoti li applaudivano

con le loro mani; e il mio popolo ha amato queste cose. Che castigo non verrà dopo tutto questo?(Gr 5, 30–31)

 

 

 

12 Risposte

  • Santo Geremia profeta bistrattato dai suoi .ignorato poi nel tempo, colui che denunciava le manipolazioni degli scribi dalla penna menzognera.Molte affermazioni e profezie della Bibbia riguardano delle volte più di una situazione..concilio Vaticano secondo non ha alcuna Autorità Divina.A essere buono lo posso definire tutt’alpiù pastorale nel senso massonico.L’ultimo dogma dettato all’umanità fu di Pio XII sull’Immacolata Concezione.Da Giovanni XXIII ad oggi solo ciance.Credo davvero che Lo Spirito Santo adesso assista solamente chi professa la Vera Fede Cattolica piccoli o grandi poveri o ricchi non fa differenza.Il cuore di ogni credente deve essere puro come da bambino.Defensor Fidei

  • L’Immacolata Concezione fu definita da Pio IX; l’Assunzione di Maria Santissima da Pio XII.

  • Sono tempi pesanti questi , per tutti, a parte i bastardi che se la passano sempre bene, Antonio, fatti forza .

  • Ma non è, forse, come ipotizza Dante (Inf. XXXIII), che taluni traditori- prelati, cardinali, vescovi, chierici – hanno l’anima già dannata mentre il corpo vive, retto da un demonio? Non si spiega, infatti come, davanti alla chiara e immodificabile testimonianza sacerdotale di Gesù, in cui si pongono due realtà opposte -Dio/mondo – costoro non abbiano il minimo sospetto di tradirlo. Pertanto c’è da affermare che la loro apostasìa sia consapevole, eccome!

  • Non è che L’Onnipotente ha “permesso” il Concilio Vaticano II, per iniziare a dividere pecore e capre?

  • Sono stato battezzato col nome di Antonio Leonardo nel febbraio del 1958 nel nome del Padre del Figlio E dello Spirito Santo anche se i miei genitori si sposarono in comune.La mia vita cattolica se cosi’ si può dire fino a circa 15 anni fa era insulsa ;anni 70 politica droghe falsi valori liberta delle donne etc..etc.. ma SOPRATTUTTO una falsa concezione del Cattolicesimo.Sono cresciuto nel Concilio Vaticano Secondo e cosi la stragrande maggioranza dei cattolici.Il problema è che quando vai a parlare degli errori dottrinali la gente ti prende per matto o per medioevale ,ti dicono che i TEMPI CAMBIANO e vaglialo a dire che l’aborto è sempre esistito che ai tempi dei romani c’era l’esposizione dei neonati, la schiavitù e tutto il resto.La falsa luce dell’avversario sta già abbagliando l’umanità .Solo IDDIO sa chi è in buona fede realmente.Caro Luciano una persona con un minimo di intelletto sa che sta o non sta tradendo Gesù .Io credo che una parte della gerarchia sia marrana ma non la gran parte e quindi non opponendosi ai tradimenti dottrinali lo facciano per abbaglio luciferino e dovranno fare i conti davanti al Signore Si credo che i non marrani siano consapevoli a cosa vanno incontro.Defensor Fidei

  • Ci sono poi due tipologie di traditori :i traditori di chi non si fida e i traditori di chi si fida e i peggiori sono questi ultimi.

  • Il Signore non ci abbandona ed è edificante leggere la testimonianza di Antonio Leonardo. Grazie. Quanto alla genesi dell’apostasia, ben descritta da Luciano Pranzetti, mi sembra chiarificante ricordare la descrizione fatta dall’ex Gesuita Malachi Martin nel suo – la sindrome di Giuda. Perciò dopo la “chiara e immodificabile testimonianza sacerdotale di Gesù, in cui si pongono due realtà opposte -Dio/mondo” – mi è sembrato necessario parlare del tradimento di Giuda, che aveva il suo piano di conciliazione di Gesù col Sinedrio per la pace col mondo. Eccoci a un paragone con la spaventosa sindrome conciliare.

  • Verissimo ! Ottima analisi del tradimento di Giuda ! Infatti secondo alcune analisi il suo piano non era quello di disfarsi di Gesù, ma di riuscire a conciliare la Sua Presenza con il mondo ed il Sinedrio. Ma il Sinedrio aveva ben altri piani poichè, invasati dal Maligno, la loro unica preoccupazione era di eliminarLo nonostante la molteplicità di segni miracolosi effettuati. Segni che, ancora adesso, sono messi in dubbio ed “aggiustati” come simbolismi dai vari apostati sedenti in Vaticano.
    Gli stessi che hanno provato di tutto , compreso l’abiezione ad Assisi, per conciliare ogni religione con La Religione Rivelata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *