Sinistra allo champagne, segni particolari: femmina, piddina, classista

ALESSANDRA MORETTI

Segnalazione Quelsi

by Stefania Elena Carnemolla

Alessandra Moretti, ex candidata Pd alla Regione Veneto, dove gli elettori le hanno preferito ancora una volta il leghista Luca Zaia, è sbroccata. Non per il caldo estivo, che pure quello contribuisce, per carità, ma perché, insomma, lei ha perso, e si capisce, le hanno remato contro, a Roma il governo Renzi che ti piazza quelle riforme in piena campagna elettorale, pure quella sindacalista, la Susanna Camusso, “venuta in Veneto” chiedendo di “votare scheda bianca”, cose mai viste.

Le feste del Partito Democratico, dove i fratelli coltelli – quelli che si vantano d’essere “forza responsabile” del paese – tirano fuori dalla bisaccia le boccette con la bile, sono ormai uno sfogatoio di rancori. E così anche Alessandra Moretti s’è sfogata.

Insomma, perché ha perso? A parte Palazzo Chigi? A parte la Camusso? Campagna elettorale sbagliata, questa l’accusa. Troppa poca TV, quando Zaia era sempre in TV, ma quel look, oddio, no. “Mi sono dovuta vestire con un look castigato, da ferrotranviere”, s’è lamentata la Moretti dal palco della festa piddina del quartiere Saval di Verona, dov’è andata il 19 luglio scorso, lancia in resta, per togliersi “qualche sassolino dalle scarpe”.

Ora sappiamo che la Moretti ha perso perché l’hanno costretta a vestirsi stile “ferrotranviere”, ora usati a mo’ di dileggio come pietra di paragone.

I ferrotranvieri sappiano che il Pd non ama i ferrotranvieri, un po’ come le bidelle della gaffe della senatrice del Pd Anna Finocchiaro, che durante una puntata di Porta a Porta su quote rosa e ruolo delle donne in politica, se ne uscì – dopo che l’onorevole Maria Stella Gelmini del Pdl aveva osservato che una presenza femminile “basata solo sui numeri” correva “il rischio di essere solo di facciata” – con “Qua stiamo parlando di parlamentari della Repubblica, non stiamo parlando di bidelle”.

Poveri ferrotranvieri, povere bidelle, ennesimi bersagli della spocchiosa sinistra allo champagne.

Stefania Elena Carnemolla | luglio 22, 2015 alle 5:10 pm | Categorie: Politica ed Economia | URL: http://wp.me/p3RTK9-9Mq

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *