L’Ucraina è sull’orlo di una vera rivolta?

BANDIERA UCRAINA

Segnalazione di Federico Prati

agosto 20, 2015

Andrew Korybko The Saker 19 agosto 2015

Lo si dice dall’inizio della guerra civile iniziata la scorsa primavera, ma l’Ucraina potrebbe finalmente essere sul punto di una rivolta legittima del popolo contro il governo. Le rivoluzioni colorate nel 2004 e 2014 furono organizzate dall’estero (nonostante la rappresentazione fuorviante dei mass media quali movimenti popolari), per raggiungimento obiettivi geopolitici concreti per conto dell’occidente, screditandosi quindi come veri e propri interventi ed esponendone la natura. Anche se l’Ucraina finora non ha avuto una vera rivoluzione (organizzata da ucraini per gli ucraini), non significa che non sia imminente, avendo tutti gli “ingredienti” pronti. Tre sviluppi recenti indicano che il Paese sia assai più vicino a una vera rivoluzione di quanto la maggior parte degli osservatori pretendano, e se la popolazione prende l’ iniziativa cogliendo l’opportunità che ha di fronte, potrebbe invertire le disastrose politiche del regime prima che sia troppo tardi.

Divieto di libri

Kiev ha deciso di vietare vari di libri di autori russi, in particolare le opere del famoso crociato anti-rivoluzione colorata e storico Nikolaj Starikov e del consigliere presidenziale Sergej Glaziev. Questi in particolare sono estremamente critici verso il regime, e sembra che Kiev li veda quali minacce ideologiche al proprio domino. Il divieto dei libro spunta nell’ambito dell’esistente oppressione politica contro tutti i dissidenti politici, mediatici o semplici cittadini. Le autorità esprimono chiaramente che alcuna opinione contraria sarà tollerata e cercano di controllare le informazioni ricevute dalla popolazione. Ciò va letto come nient’altro che paura della propria cittadinanza dato che se Kiev e i suoi rappresentanti fossero sicuri del proprio dominio, non avrebbero alcun bisogno di essere così autoritari. Il fatto che ora adottano il passo pubblicizzato ed estremo di vietare alcuni libri ci parla di paranoia acuita, che a sua volta può essere letta (gioco di parole) come grave minaccia dai cittadini che credono di affrontare. Il fatto è, e potrebbe non essere mera paranoia, la realtà oggettiva di alcuni elementi della società, e non solo dei battaglioni neonazisti (anche se per propri motivi), che si preparano a ribellarsi a Kiev.

La minaccia dell’embargo russo al cibo

L’ultima notizia da Mosca è Medvedev annunciare la campagna delle contro- sanzioni “estendersi a Albania, Montenegro, Islanda e Liechtenstein e, soggetta a certe condizioni, Ucraina”. Specificando ha avvertito che se l’Ucraina va avanti sull’accordo di associazione economica con l’UE, che dovrebbe entrare in vigore all’inizio del prossimo anno, i suoi prodotti agricoli saranno soggetti alle stesse restrizioni. Il divieto d’importare frutta e verdura lo scorso ottobre ha già minacciato la perdita di un mercato da 51milioni per i produttori ucraini, ed includervi tutti i prodotti agricoli potrebbe essere catastrofico per l’economia già in ginocchio. Secondo Business New Europe, l’agricoltura è più grande dell’industria oggi, (grazie per lo più al crollo della produzione subito con la guerra al Donbas) e l’unica a segnare una crescita lo scorso anno; quindi, se le esportazioni dell’Ucraina verso il principale partner commerciale sono escluse, le conseguenze potrebbero benissimo essere fatali.

Ulteriore punto su questo argomento, va notato che è assai improbabile che le esportazioni possano essere riorientate verso l’UE, perché i produttori nazionali già ululano di dolore per la miseria economica inflittagli dalle contro-sanzioni della Russia e sono animosamente in competizione tra loro in un mercato saturo. Sarebbe quindi una mossa politica esiziale per qualsiasi governo dell’Unione europea dare priorità ai prodotti agricoli ucraini sui propri, tanto più che l’Unione europea soffre la peggiore crisi sul latte da trent’anni e non può assolutamente assorbire eventuali importazioni ucraine. Se l’Ucraina non può vendere i propri prodotti all’Europa l’eccesso che sarebbe originariamente finito in Russia rimarrà sul mercato domestico precipitando il crollo dei prezzi, preludendo l’improvviso crollo di tutta l’agricoltura. Ciò, a sua volta influenzerebbe la capacità del Paese di nutrirsi, e cioè costosi prodotti alimentari esteri (prodotti probabilmente con OGM degli Stati Uniti) verrebbero importati per soddisfare la domanda. Con un’agricoltura sempre meno redditizia, i terreni agricoli verrebbero venduto a prezzi di costo a società straniere (di nuovo probabilmente statunitensi, in particolare Monsanto), inaugurando così l’acquisizione estera completa di una delle più ricche regioni agricole del mondo. Tale scenario disastroso può essere evitato però, a condizione che gli ucraini adottino l’azione urgente di cambiare il governo prima della fine dell’anno, portando all’esame degli sviluppi successivi.

Il Comitato per la Salvezza dell’Ucraina Ultimo ma non meno importante, uno dei più importanti, anche se non indicati, aspetti che potrebbero spingere gli ucraini a una vera rivoluzione è l’istituzione del Comitato per la Salvezza dell’Ucraina (CSU), governo in esilio a Mosca. Come dice il proverbio, “meglio tardi che mai” che sembra abbastanza adatto al caso. Da ciò che si può discernere, il CSU è un’idea dell’ex-primo ministro Nikolaj Azarov, e anche se non è il leader (Vladimir Alejnik lo è), sembra dirigere la scena. Azarov ha promesso che se va al potere, il CSU terrà immediatamente nuove elezioni, libere e giuste, ma affinché ciò avvenga “chiede a tutti i cittadini, partiti, sindacati e movimenti sociali di unirsi e ristabilire l’ordine a casa nostra tramite uno sforzo congiunto“. Il punto, a quanto pare, è unire le organizzazioni della società civile e i cittadini in una campagna antigovernativa coordinata, nella convinzione che possa rivelarsi il punto di svolta fondamentale per il regime. Quasi ogni osservatore sarebbe d’accordo che Kiev non lascerà mai il potere senza combattere, ma Azarov non menziona la violenza nella lotta imminente, anche se si può compendere che sarebbe una risposta logica all’aspra repressione dello Stato; alcuni sostenitori potrebbero decidere di reagire in questo modo. Oggi il CSU non sembra ispirare molto entusiasmo, ma ciò potrebbe cambiare con il tempo. Dopo tutto, l’organizzazione non è perfetta (e gran parte di sue composizione e attività è ancora misteriosa e non aperta)m ma si distingue simbolicamente come prima forma realistica di opposizione al governo di Majdan, aiutata dal fatto di essere all’estero, al sicuro dalle grinfie di Kiev. La cosa più importante oggi, però, è che l’organizzazione probabilmente costruisca una rete di cellule di supporto in Ucraina, al fine di costruire una piattaforma anti-governativa unificata da cui partire per sfidare lo Stato. Ciò significa che il CSU potrebbe essenzialmente agire come comitato di coordinamento delle campagne di sensibilizzazione nel Paese, delle manifestazioni pubbliche (quando è il momento giusto) e forse, dopo essere violentemente represse, anche delle operazioni di guerra ibrida. Parlando delle proteste e di responsabilità ed interessi del CSU, se mai c’è un ambiente sociale perfetto per testare le teorie di Gene Sharp su “dalla dittatura alla democrazia” e “non ci sono alternative realistiche”, questo è l’Ucraina contemporanea, dove esiste un’indubbia dittatura. Se la rivoluzione legittima del popolo si verificasse in Ucraina, allora sarà sicuro che il CSU avrà un ruolo di primo piano e probabilmente sfrutterà le manifestazione per catapultarsi con la propria leadership da Mosca a Kiev.

Conclusioni

Mai prima d’ora l’Ucraina è vicina a una rivoluzione legittima di oggi. Molti cittadini avevano paura del nuovo regime del colpo di Stato del febbraio 2014, ma non molti, fuori da Crimea e Donbas, hanno manifestato pubblicamente contro di esso. Quando accadeva, come ad esempio a Odessa nel maggio dello stesso anno, furono orribilmente uccisi e i criminali protetti dalla giustizia (volutamente). Certuni, incerti sul dal farsi per resistere al regime, decisero di “provarci” passivamente e vedere cosa infine fare per il proprio bene. Quasi 18 mesi dopo, le autorità di Majdan non fanno altro che dividere il Paese con guerra civile, assassinio di migliaia di civili e crash economico, e il tempo viene speso con ridicole tirate per ‘incolpare la Russia’, sempre più stantie e inverosimili presso la maggioranza della popolazione. I problemi dell’Ucraina dal rovesciamento di Janukovich sono interamente attribuibili alle nuove autorità, e sembra che parte degli ucraini finalmente lo comprenda, perciò Kiev istiga altra paranoia per sopprimere il pensiero indipendente, arrivando scandalosamente a vietare dei libri. I media ucraini potrebbero essere politicamente fuorvianti, ma la maggior parte è abbastanza intelligente da capire che il Paese va a rotoli e che è sempre più difficile far quadrare i conti. Con l’ultimatum delle contro-sanzioni russe all’Ucraina, alcuni potrebbero finalmente disperarsi tanto da andare contro il governo, pur consapevoli della probabile repressione (o peggio) che subirebbero. Tuttavia, questi individui presumibilmente non hanno il senso della direzione organizzata, ed qui che il CSU entra. Si presume che non agirà pubblicamente, non avendo mostrato alcuna forma di presenza sotterranea in Ucraina, non importa quanto piccola, e si potrebbe concludere (secondo lo stesso Azarov) che ciò è favorevole delle attività antigovernative di massa, e che farà il possibile per sostenerle. Secondo questa logica e facendo due più due, il CSU potrebbe benissimo organizzare tale movimento raccogliendo i segmenti disillusi della società ucraina, portando al cambio di regime prima della fine dell’anno.

Se le autorità di Majdan restano al potere e non fanno marcia indietro sull’accordo di associazione economica con l’UE, l’Ucraina sprofonderà in una crisi ancora più profonda che potrebbe involontariamente mutare la paranoia di Kiev sul cambio di regime in solida realtà.ukraine-map-regions_risultato

 

 

Una Risposta

  • Il grosso problema, qui accennato, ma non mi sembra compiutamente, è che gli Usa hanno messo gli artigli sull’Ucraina per ragioni geopolitiche ed economiche (agricoltura).
    Da quanto si è visto nella storia e si vede tuttora nel Medio Oriente, anche se un popolo si difende da questo assalto, gli Usa sono disposti a tutto massacrando tranquillamente civili che non siano i loro (per ora! in futuro le oligarchie usa ne sono capaci per il dio denaro).
    L’unica reattività potente sarebbe una minaccia russa precisa a reagire. Come si vede, ancora adesso con la popolazione del Donbass che reagisce e si difende per la sua autodeterminazione, l’Ucraina ed il governo fantoccio degli Usisraele manda avanti una guerra rovinosa per l’economia nazionale.
    Ciò perchè, come ben spiegato da un analista economico statunitense, gli Usa VIVONO di guerra poichè la loro economia in collasso sopravvive con le aziende militari che dettano legge alla presidenza.
    Non credo quindi che una rivolta di popolo possa far recedere un governo fantoccio ucraino che si avvarrebbe delle milizie nazi-ucraine per seminare sangue ed orrori, come già fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *