ULTIM’ORA SIRIA, 28 caccia russi pronti a colpire l’Isis. E primi droni in volo

La Russia ha dispiegato 28 aerei da combattimento in Siria. Lo sostengono fonti dell’amministrazione americana secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg. La conferma a France Press da funzionari statunitensi. «Ci sono 28 aerei russi da combattimento e d’attacco al suolo» schierati sulla pista di un aeroporto militare nella provincia di Latakia, roccaforte alawita del regime del presidente Bashar al Assad nella parte Nord-occidentale del Paese, hanno riferito i funzionari Usa parlando in condizioni di anonimato. Una svolta che confermerebbe la volontà di Mosca di creare una base militare per aiutare le truppe del regime di Damasco.

E i primi droni iniziano a volare sulla Siria per missioni di sorveglianza. Lo riporta la Reuters sul proprio sito, citando alcuni esponenti dell’amministrazione americana. Non è chiaro quanti droni russi siano coinvolti nelle missioni. L’avvio dei voli dei droni russi mette in evidenza i rischi per i voli americani e quelli russi nel limitato spazio aereo siriano.

Sarebbero poi «oltre 1.700» gli «specialisti militari» russi nel porto siriano di Tartus, l’unico di Mosca nel Mediterraneo. Lo scrive il quotidiano Kommersant citando una fonte militare secondo cui all’inizio della crisi siriana nella base russa c’erano «solo alcune persone», mentre adesso la presenza militare russa sarebbe molto più forte. Secondo un’altra fonte citata da Interfax, a Tartus ci sono «uno-due compagnie di fanteria di marina, uno-due plotoni di carri armati e una piccola unità di elicotteri».

Intanto l’ambasciata russa a Damasco è stata colpita ieri mattina da un colpo di mortaio, ma non ci sono stati né vittime né danni. Lo ha reso noto il ministero degli esteri di Mosca condannando l’attacco, attribuito a militanti anti governativi, e auspicando una «chiara presa di posizione da parte di tutti i membri della comunita’ internazionale, include le parti regionali». Non è la prima volta che l’ambasciata russa finisce sotto il fuoco dei bombardamenti.

Fonte: http://newsmovimentoo.blogspot.it/2015/09/ultim-siria-28-caccia-russi-pronti.html?m=1

 

2 Risposte

  • Putin sta dirigendo lo scenario geopolitico con mosse + che astute !
    Del resto, nel vuoto politico/militare dell’Occidente confuso e degradato, la Russia si è incuneata per portare una ventata di dinamismo ed azione vera contro il terrorismo e per delineare ancor di più le sue alleanze. Queste, non sono le alleanze frutto di mercanteggiamenti ,come per gli Usa, ma sono frutto di una parola data ed una decisionalità rara ! Aggiungo che la vocazione della Cina non è di espandersi ad Occidente, ma , semmai ad Oriente. Quindi nel vuoto politico/militare, meglio una Russia, che una Cina.
    Gli Usa stanno contando sempre meno; sono una superpotenza in degrado morale. Il degrado morale di una nazione sono quanto di peggio esso possa avere. Sono il peggior nemico per la sua esistenza. Dai gay, all’aborto incoraggiato, alla corruzione, all’elite dominanti, tutto indica il degrado morale degli Usa, che purtroppo da noi ancora sono presi da esempio di “democrazia”.

  • La cina non è una nazione cristiana e questo la rende molto , ma molto pericolosa.
    La Russia non è cattolica, ma è meglio rispetto al colosso orientale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *