AEREI RUSSI

di Maurizio Blondet

Le recenti attività della Russia in Siria suscita timori al governo degli Stati Uniti: La Casa Bianca sta esaminando se i russi siano già intervenuti nei combattimenti in Siria. Washington minaccia i russi in via preventivaa. Il ministro della Difesa ceco ritiene che i russi abbiano già iniziato le puntate offensive. La situazione è confusa – e potrebbe essere pericoloso .

Le informazioni del Mossad circa un possibile intervento della Russia in Siria rendono nervosa Washington . Andrew Beatty, giornalista della AFP, segnala che la “Casa Bianca tiene sotto stretta sorveglianza i rapporti secondo cui la Russia ha iniziato a condurre operazioni militari in Siria ” . Se questi rapporti dimostrano di essere veri, questo sarebbe ” sia destabilizzante e controproducente “, ha detto il portavoce .

L’ edizione online di Yedioth Ahronot , Ynet, aveva riferito che la Russia stava progettando di lanciare missioni contro la IS con aerei da combattimento . Un portavoce del presidente russo Vladimir Putin aveva recentemente dichiarato che attualmente nessun aereo russo era operativo . Ma senza che ciò configurasse una chiara snmentita. Il sito del governo russo RT ha citato il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov che chiedeva ai giornalisti di “non credere ” alla relazione Ynet . Ma nello stesso articolo porta RT una foto che mostra presumibilmente aereo russo e un drone sulla Siria . Invece di una chiara smentite RT scrive solo che sono ” foto non confermate apparse su Twitter “. Normalmente RT potrebbe citare un militare che fornisce l’autenticità di queste immagini in questione .

L’origine di queste foto è sconosciuta . Tuttavia , il Washington Post scrive che le foto è venuto dal gruppo siriano Jabhat al- Nusra (filiazione di Al Qaeda) e mostrano l’aereo sorvolare la provincia siriana di Idlib . Il Post ci vede un nuovo sviluppo : mentre droni russi sulla zona non sono rari , l’uso di aerei da combattimento sarebbe una novità. Un portavoce del Pentagono ha detto che aveva non alcuna informazione sulle macchine russe; un uomo dei servizi segreti ha confidato a Daily Beast: i servizi segreti ” non ho visto nulla che possa indicare che i russi non stanno prendendo parte ai combattimenti ” .

Il ministro della Difesa ceco Martin Stropnický ha dichiarato al Prague Post , dopo una riunione del Consiglio di Difesa ceco : “Vogliamo verificare . Questo è un messaggio molto importante . Ho parlato con alcuni rappresentanti delle nostre forze speciali di questa mattina, perché controllino. “E’ molto probabile ” che i russi sono diventati più attivi . È interessante notare la valutazione di Stropnický : Ha detto che l’uso dei russi potrebbe essere un significativo passo che potrebbe portare ad una soluzione più efficace per la situazione nella regione . The Prague Post ha anche scritto che la presenza dei russi in Siria ” non deve essere sentito come una minaccia ” da Israele.

Questa valutazione positiva potrebbe essere un’indicazione che i russi in Siria stanno lavorando di concerto con gli Stati Uniti .

Questa interpretazione è sostenuta dal messaggio un po ‘criptico del sito tedesco – Cremlino Sputnik . Qui si dice :

“Come informa Interfax , il portavoce del Dipartimento di Stato Mark Toner ha in precedenza commentato che Washington auspica la partecipazione della Russia alla lotta contro il IS” .

Gli americani , tuttavia , si tengono le saplle coperte : il portavoce del Pentagono Peter Cook ha detto alla AFP : ” I russi devono spiegare esattamente quello che fanno”

La situazione è confusa – e potrebbe essere pericolosa. Come tutto il corso della guerra in Siria ha mostrato, sono coinvolte diverse e tante parti internazionali e regionali che rappresentano interessi diversi . La Turchia sta combattendo contro il Pkk , anche se vuole ufficialmente far credere di procedere solo contro la IS . I russi rifiutano una caduta del presidente siriano Bashar Assad sotto la pressione bellica dei ribelli, e mirano a costringere l’opposizione siriana a un negoziato.

L’attuale leadership militare degli Stati Uniti è scoordinata e nonostante le sue pretese, l’IS non è sostanzialmente indebolito . L’International Business Times spiega il maggiore coinvolgimento dei russi con un attentato terroristico firmato IS avvenuto in Daghestan . I russi criticano il fallimento degli Stati Uniti e sembrano voler prendere ora un maggiore controllo nelle proprie mani.

Da Zero Hedge:

Il portavoce di Obama Joshn Earnest ha sostanzialmente confermato che la Russia già opera in Siria quando ha detto che “siamo a conoscenza delle notizie ha fatto la Russia potrebbe essere schierato il personale e gli aeromobili militari in Siria , e stiamo monitorando molto da vicino tali relazioni. Ogni sostegno militare al regime di Assad per qualsiasi scopo, Se è in forma di personale militare, di aerei , armi, o finanziamenti , è sia destabilizzante e controproducente . ” Poi un’altra conferma : ” Un funzionario Usa ha confermato che” la Russia ha chiesto nulla osta per il volo militare in Siria “, ma ha aggiunto ” non sappiamo quali sono i loro obiettivi” . Naturalmente , ciò che resta non-detto è che, poiché la Russia è lì con il pretesto umanitario di combattere il malvagio ISIS – lo stesso pretesto usato da Stati Uniti , Turchia, nonché dai sauditi – gli Usa sono alquanto inceppati nella loro deplorazione diplomatica .

 

Fonte: http://www.maurizioblondet.it/washington-nervosa-che-ci-fanno-i-russi-in-siria/