San Pio V e il trionfo di Lepanto

Battaglia_di_Lepanto_-_visione_di_pio_V

Segnalazione del Centro Studi Federici

Lepanto: solo un fatto militare? di padre Enrico M. Rossetti o. p.

L’uomo di Lepanto

(…) E’ necessario anzitutto riportarsi a quel tempo e capire coloro che hanno operato e sofferto per la causa della fede in situazione tanto diversa dalla nostra. In particolare bisogna capire l’uomo che volle la vittoria di Lepanto, che la ideò, la preparò, la sofferse fino allo spasimo. Quest’uomo è un uomo di Dio, è un santo: Pio V. Senza di lui la vittoria di Lepanto non solo non ci sarebbe stata, ma, essa resterebbe incomprensibile nel suo vero significato. Lepanto passa attraverso il cuore, la mente, la fede, la preghiera e la santità di Pio V. In lui si riassume tutto il “sentire” della Chiesa di allora.

Appena eletto Papa, percepì acutamente il pericolo che correva la Chiesa e l’Europa: il pericolo di un’imminente invasione dell’Islam, che avrebbe potuto cancellare l’Europa cristiana dalla carta del mondo e con essa la stessa fede cristiana.

Nella Bolla “Cum gravissima” del 9 marzo 1566, a neanche due mesi dalla sua elezione, descrive la situazione in tutta la sua gravità. Scriveva ai Principi cristiani: “In presenza del comune pericolo, dimentichiamo tutte le nostre questioni”. Ma parlava ai sordi.

E così, mentre l’impero Ottomano aveva raggiunto uno splendore e una potenza mai visti, l’Europa cristiana offriva uno spettacolo desolante di divisione di decadenza e di impotenza. La coscienza cristiana d’Europa si coagulò in quest’uomo di Dio (2).

Quest’uomo, che rifuggiva istintivamente dagli affari guerreschi, che si sentiva soprattutto chiamato ad operare il rinnovamento spirituale della Chiesa, fu costretto dalle circostanze e da un interiore impulso ad occuparsi anche di questo, per la salvezza fisica della cristianità europea.

E’ incredibile lo zelo, l’instancabilità e soprattutto l’eroica pazienza, durata per tutto il tempo del suo pontificato, nello sforzo di unire le nazioni europee contro il pericolo comune. Scrisse persino a Ivan IV, il Terribile, Imperatore di Russia. Ebbe delusioni a catena.

Le nazioni erano diffidenti tra loro, preoccupate dei loro interessi particolari, malate di rivalità reciproche e i loro prìncipi, assetati di divertimenti e di facili guadagni, vivevano in quella specie di incoscienza che precede l’irreparabile. Il mito dell’invincibilità dei Turchi aleggiava sulle nazioni europee e paralizzava tutti. Tra angosce e disinganni, Pio V riuscì finalmente a creare una sufficiente unione tra i vari principi e nazioni. Era il marzo del 1570. Ma non erano finite le delusioni. La prima spedizione delle flotte cristiane (Venezia, Spagna, Stato Pontificio) fu un disastro. Chiunque si sarebbe avvilito e avrebbe piantato ogni cosa. Pio V ebbe molte volte questa tentazione (3), ma trovò nella sua fede la forza di resistere per tutta la Chiesa.

Il ruolo della preghiera

La parte che ebbe la preghiera nell’attività politica di questo Papa e poi nella stessa azione militare è incredibile. Si dice che il Sultano Soliman, detto il Magnifico, essendo a conoscenza dei prodigi che il Papa operava attraverso la preghiera e le penitenze, abbia affermato: “Temo più la preghiera di questo Papa che tutte le milizie dell’imperatore” (4).

Di fatto egli moltiplicò preghiere e penitenze per il buon esito politico e militare dell’impresa. Mosse tutta la Chiesa a pregare. Il 21 luglio 1566 indisse il primo giubileo, prescrivendo preghiere, digiuni ed elemosine, per implorare la divina misericordia e il soccorso dall’alto, nel comune pericolo. Il 28 luglio prese parte alla processione penitenziale in Roma. Il foglio vaticano “Avviso di Roma” annotò: “Aveva le lacrime agli occhi mentre procedeva, pregando fervorosamente”. Prese parte ad altre due grandi processioni penitenziali, il 31 luglio e il 2 agosto dello stesso anno. E così negli anni seguenti.

Il 15 agosto del ‘70 indisse un’altra processione, mentre la flotta cristiana tergiversava sui mari per interne discordie dei capi; e poi ancora il 13 settembre dello stesso anno, mentre sembrava che le cose andassero per il peggio. Scrive l’“Avviso di Roma”: “Orando sua santità, quando disse quelle parole: ‘ne tradas bestiis animas confitentes tibi’, venne in tanta devotione et compunctione di cuore, che due volte coram populo lacrimava” (5).

Il 1571 parve l’anno della esaudizione di Dio a tante preghiere degli anni precedenti. Il 27 maggio fu raggiunto un accordo abbastanza stabile tra i collegati. Indisse allora un altro giubileo, prese parte ad altre tre processioni penitenziali il 28 maggio, il 30 maggio e il 1° giugno.

In difesa della fede

In quel periodo scrisse a Don Giovanni d’Austria dicendogli di “ricordarsi che partiva in guerra per la fede cattolica e che perciò Iddio gli avrebbe dato vittoria”. Don Giovanni aveva 25 anni, figlio dell’imperatore, biondo, bellissimo. Parve alla fantasia di molti il Davide della cristianità. L’aveva voluto a capo supremo delle forze cristiane lo stesso Pio V.

Il Papa, quando seppe che il 24 agosto Don Giovanni aveva raggiunto Messina e si accingeva a prendere il mare verso oriente, raddoppiò le preghiere, le penitenze e le elemosine. “Egli aveva ferma fiducia nella preghiera – dice il Pastor – specialmente nel Rosario” (6).

Lo affermano i suoi primi biografi. Alla fede del Papa corrispose un’uguale fede nei capi della flotta cristiana e nella truppa? Sotto l’impulso di Pio V, un’ondata d’entusiasmo scosse il cuore di molti capitani e soldati. Tuttavia sarebbe del tutto irreale e ingenuo pensare ad un esercito di santi, accesi solo dallo zelo della difesa della fede. V’erano truppe di ventura, professionisti della guerra, avventurieri avidi di bottino, banditi siciliani attirati dalla promessa di immunità, raccogliticci d’ogni genere.

Nei capi, accanto alla fede cristiana, c’era anche l’ambizione guerresca. Il pratico tradimento di Andrea Doria ne è una dimostrazione. Le ciurme, raccolte qua e là, non erano certo animate da grandi ideali. Non c’è da scandalizzarsi di tutte le miserie di un esercito: delle risse, dei latrocini, delle violenze, degli episodi di immoralità che accaddero, specie a causa dei ritardi che avevano fatto esaurire le scorte. La flotta era composta di materiale umano, cioè di cristiani peccatori.

Non per nulla i cappellani della flotta badavano a dire che l’arma migliore dei turchi contro i cristiani eran “li peccati nostri”. Ma forse che le grandi assemblee liturgiche delle Messe domenicali sono composte di cristiani meno peccatori di quelli? Un’intenzione di fede, però, guidava tutta quella gente, un’intenzione di fondo, che in qualche modo agiva nell’intimo della coscienza dei capi e della truppa.

I cappellani e gli stessi capi tenevano viva questa finalità prettamente religiosa di quella singolare azione militare. Il Papa aveva dato “un programma esplicito e assai particolareggiato del modo come dovevano impiegare i crociati le 24 ore del giorno: quelle del mattino in orazioni, quelle della sera in esercizi militari e marinareschi” (7).

Il gesuita De Montoya, che in parte fu testimone oculare, scrive delle truppe cristiane (lettera del 31 dicembre 1571): “Havevano tanta devozione che etiam li vogatori erano grandemente animati a morire per la defenzione della santa Chiesa” ; “in tutti generalmente si vedeva un sì grande spirito, che non pareva esercito di soldati, ma più tosto compagnia di religiosi”. Descrive poi l’esercito prima della battaglia: “Primieramente era molto per lodare la Divina Bontà che, essendo l’esercito dei cristiani non solo varii, ma etiam di nimici, nientemeno si vedeva tra loro grandissima tranquillità e pace”.

Ci può essere dell’esagerazione, in queste affermazioni del gesuita, ma esse sono perciò stesso la dimostrazione di un certo clima di entusiasmo religioso che, sotto l’impulso di Pio V, s’era creato in quegli uomini d’arme e che in certi momenti si esprimeva in commoventi manifestazioni di massa.

“Vi fu un uomo inviato da Dio il cui nome era Giovanni…”

Quando le due flotte, quella cristiana e quella turca, si avvistarono nel mare di Lepanto, Giovanni d’Austria, ispezionando le truppe, portò con sé il crocifisso e seppe infondere in esse un grande fervore religioso e quella sicurezza di vittoria che Pio V gli aveva comunicato di persona e per lettera.

Prima dello scontro vi fu un momento solennissimo: quello della preghiera.

Tutti sanno ciò che avvenne a mezzogiorno di quel famoso 7 ottobre 1571, quando le due flotte si scontrarono violentemente. I panegiristi di Lepanto hanno spesso esagerato nell’esaltare l’inferiorità della flotta cristiana di fronte a quella turca, per accentuare l’intervento di Dio.

Numericamente erano pressoché uguali. Qualitativamente la flotta turca era però molto più addestrata e preparata; inoltre essa s’era acquistata una fama quasi mitica di invincibilità, che solo Lepanto le tolse per sempre.

Nell’infuriare della battaglia il generalissimo Giovanni d’Austria ricorse all’aiuto di una immagine, quella di “Sancta Maria succurre miseris”, che ancor oggi si conserva nella chiesa di S. Pietro a Maiella in Napoli (8). E’ notissimo il fatto che Pio V alle ore cinque del pomeriggio di quel 7 ottobre, proprio nel momento della vittoria, ebbe una illuminazione improvvisa e, interrompendo una riunione di carattere amministrativo col suo tesoriere Bartolomeo Bussotti, si alzò di scatto, aprì la finestra e sostò un po’ di tempo come assorto guardando lontano; poi si voltò indietro esclamando: “Via, non è tempo di occuparsi di affari: affrettatevi a ringraziare il Signore, perché la nostra flotta ha riportato vittoria”. E scese in cappella a pregare, lacrimando di gioia. La stessa illuminazione l’ebbe in Roma un frate francescano di grande pietà. Certo, non dovremo ricercare episodi di tale natura nella corrispondenza diplomatica del tempo! Il fatto fu accertato, oltre che dal tesoriere Bussotti, che annotò l’ora in attesa di sapere notizie attraverso i corrieri per controllarne poi l’esattezza, anche dai due più antichi biografi del Papa, il Catena e il Gabuzzi. Un discepolo di S. Filippo Neri, certo Fabricio de’ Massimi, affermò con giuramento che l’episodio era vero.

La notizia della vittoria giunse al Papa la notte tra il 21 e il 22 ottobre. Un ritardo notevole, dovuto a varie cause. Il Segretario di Stato, che ricevette il corriere veneziano, svegliò il Papa, il quale si alzò e mettendosi in preghiera, esclamò “nunc dimittis, Domine, servum tuum in pace”. Il mattino del 22 scese in S. Pietro a ringraziare Dio. Ricevendo poi gli ambasciatori e i cardinali, riferendosi a Giovanni d’Austria, l’eroe di Lepanto, iniziò col dire: “vi fu un uomo… inviato da Dio il cui nome era Giovanni…”.

Egli era convinto che quella era stata, come le antiche battaglie bibliche, una battaglia di Dio, voluta da lui per la salvezza “fisica” della cristianità. “Nobis divinitus parta extitit” (si è presentata a noi come generata divinamente), dirà nella Bolla “Salvatoris Domini”, del 5 marzo 1572.

Tutta la cristianità fu della stessa convinzione. Fu per tutti noi come un sogno “credemmo di riconoscere l’immediato intervento di Dio”: così scrisse Luis de Alzamara a Giovanni d’Austria (9), l’11 novembre 1571. Il famoso latinista Marcantonio Mureto scrisse che la vittoria era stata ottenuta dalle preghiere e dalle lacrime di Pio V, che, come Mosè sul monte, aveva tenuto le mani alzate, e il nuovo Giosuè aveva vinto. Cervantes, il famoso poeta spagnolo, che prese parte alla spedizione, disse che quello era stato “il più bel giorno del secolo”.

Un’ondata di giubilo – di cui è testimonianza una mediocre letteratura elogiativa e un’arte eccellente – percorse l’Europa: non era un fuoco fatuo.

Era un senso di sollievo, di liberazione da una minaccia reale, che aveva pesato su tutti. Vi furono voci discordi, come quella di Montaigne, il quale disdegnò di vedere in quella vittoria la mano di Dio. Gli rispose poi Pascal così: “Egli non ha veduto la causa di questo effetto” (Pensèes, cap. VI).

Pio V aveva cantato il suo “nunc dimittis”. Infatti morì l’anno dopo. Aveva compiuto la sua missione. Più che Giovanni d’Austria, era lui “l’uomo inviato da Dio…”. Aveva speso tutte le sue forze in un pontificato breve (6 anni 7 mesi e 23 giorni) e intensissimo, per la difesa della Chiesa e della civiltà europea.

Qualcuno, anche di recente, ha parlato del “cupo e intransigente” Pio V (10); ma egli, che fu temuto il giorno della sua elezione, fu pianto da tutto il popolo il giorno della sua piissima morte.

Lepanto e il Rosario

In quel famoso 7 ottobre, come è noto, proprio a mezzogiorno, in tutte le chiese d’Europa e, specialmente nelle chiese di Roma, ov’era istituita la Confraternita del Rosario – ed erano moltissime – si pregava la Madonna del Rosario per la vittoria. Questa felice coincidenza e la fiducia che Pio V nutriva per questa preghiera (11) e infine la sua stessa dichiarazione solenne nella Bolla “Salvatoris Nostri”, hanno fatto della vittoria di Lepanto una vittoria dell’umile e potente preghiera mariana.

La presenza di cappellani e in particolare di domenicani in mezzo alle truppe ci fa pensare che, sicuramente, la corona del Rosario non fu solo nelle mani dei fedeli in retroguardia nelle chiese d’Europa, ma nelle mani degli stessi combattenti.

Si sa di un cappellano, certo Gallese, che aggregò tutta la nave a lui affidata alla Confraternita del Rosario. Il Rosario fa parte ormai dei caratteri soprannaturali di questa battaglia.

Pio V, l’animatore di Lepanto, è stato giustamente chiamato il “Papa del Rosario”. Egli fu uno dei più grandi promotori del Rosario, superato in seguito solo da Leone XIII. Alla potenza di questa preghiera egli aveva affidato le sorti della Chiesa in quel tempo tormentatissimo.

Verso un altro centenario

  1. Pio V, nella Bolla “Salvatoris Domini” (5 marzo 1572) stabilì che la festa della Madonna del Rosario, che prima si celebrava in date diverse, secondo i luoghi e le diocesi (per es. a Venezia il giorno dell’Annunciazione, in Sicilia la domenica in Albis, in Spagna la seconda domenica di maggio, ecc.) fosse celebrata ogni anno il 7 di ottobre, a perpetuo ricordo della vittoria di Lepanto.

Il successore, Gregorio VIII, nella Costituzione “Monet Apostolus”, dell’11 aprile 1573, dichiarò solenne la festa della Madonna del Rosario e la spostò alla prima domenica di ottobre, da celebrarsi in tutte le chiese che avessero l’altare o la cappella del Rosario. E ciò affinché venisse celebrata con maggiore solennità. Del resto quel famoso 7 ottobre 1571, il giorno della vittoria, era di domenica.

Nel 1671, una Bolla di Clemente X (“Ex injuncto nobis”, del 26 settembre) estende la solennità del Rosario a tutte le chiese del clero secolare e regolare, anche non aventi la cappella del Rosario, dei territori del Re di Spagna. Negli anni seguenti si estese progressivamente in molte altre regioni e nazioni.

Nel 1716 Clemente XI la estese alla Chiesa universale. Leone XIII confermò questa universalità del Rosario (11 settembre 1887), elevandone il rito.

L’ingresso del Rosario nella liturgia della Chiesa universale, con speciale festa fissata nel calendario, ebbe grande importanza nella storia di questa devozione.

“L’anno 1573 – scrive F. M. Willam (12) – segna una pietra miliare nella storia del Rosario. Esso prende il largo verso l’universalità; si avvia a divenire “preghiera della Chiesa”.

La liturgia della festa del Rosario diverrà la più perfetta spiegazione del senso di questa devozione. Ma all’origine di questa espansione del Rosario c’è la vittoria di Lepanto.

Note

(1) Noi vogliamo che in nessun tempo sia dimenticato il ricordo della grande vittoria (victoria, nullo unquam tempore oblivione tradenda), ottenutaci da Dio (divinitus parta) per i meriti e la pia intercessione della gloriosissima Vergine e Madre di Dio Maria, il 7 ottobre 1571”: così Pio V nella Bolla “Salvatoris Domini” del 5 marzo 1572.

(2) “Come già tante volte, così anche ora apparve che solo la Santa Sede aveva piena coscienza del pericolo minacciante la cristianità e la civiltà occidentale e perseguiva una politica realmente disinteressata, promovendo col massimo zelo la Lega; mentre coloro, per la cui utilità essa doveva esser conclusa, si lasciavano guidare soltanto dai loro particolari interessi contrastanti e mercanteggiavano sulle condizioni di un impresa comune, come mercanti per una merce”. (PASTOR, Storia dei Papi, vol. VIII, cap. 8, pag. 529).

(3) “lo sarei certamente venuto meno e avrei già rinunciato alla mia dignità (cosa che ho pensato più d’una volta), se non avessi amato meglio rimettermi nelle mani del Maestro che ha detto: “chi vuol seguirmi rinneghi se stesso”. (Da una lettera del 10 settembre 1570 al Gran Maestro di Malta).

(4) G. GRENTE, Il Pontefice delle grandi battaglie, pag. 147.

(5) PASTOR, op. cit., pag. 540, in nota n. 4.

(6) PASTOR, ibid., pag. 561.

(7) Da una lettera dei Resquésens al Card. De Granvelo, del 30 agosto 1571.

(8) Cfr. PASTOR, ibid., pag. 566, in nota n. 2.

(9) Cfr. PASTOR, ibid., pag. 574.

(10) 31-5-‘71, n. 5.

(11) Pio V emanò cinque documenti sul Rosario, durante il suo pontificato. Il più importante è la Bolla “Consueverunt Romani Pontifices”, del 15 settembre 1569, che è considerata la magna charta del Rosario.

(12) F. M. WILLAM, Storia del Rosario, pag. 101.

Da Rosarium, anno XXXV, n. 3, III trimestre 2002

http://www.sulrosario.org/archivio/libreria/articoli/sul_rosario/Lepanto_solo_un_fatto_militare.pdf

________________________

http://federiciblog.altervista.org/

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *